Rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi in applicazione dell'art. 4 del D.P.R. n. 37/98 e D.M. 4 maggio 1998 | Chimici.info

Rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi in applicazione dell’art. 4 del D.P.R. n. 37/98 e D.M. 4 maggio 1998

Rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi in applicazione dell'art. 4 del D.P.R. n. 37/98 e D.M. 4 maggio 1998 - Risposta a quesiti.
Nota Ministeriale

 
Oggetto: Rinnovo del Certificato di Prevenzione
Incendi in applicazione dell’art. 4 del D.P.R. n. 37/98 e D.M. 4
maggio 1998 – Risposta a quesiti.
Codesto Ufficio, con la nota che si riscontra, chiede di conoscere se
il Comando, nella trattazione di una pratica di rinnovo del
certificato di prevenzione incendi ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. n.
37/98 per un’attività non disciplinata da specifica regola tecnica
di prevenzione incendi, può richiedere ulteriori misure di sicurezza
ritenendo quelle esistenti insufficienti, anche se validate dal
Comando stesso in occasione del primo rilascio del C.P.I..
Al riguardo, giova ricordare che l’art. 14 del D.P.R. n. 577/82
demanda ai Comandi Provinciali VV.F. il compito non solo della
verifica della rispondenza alle norme e di criteri tecnici di
prevenzione incendi, ma anche della valutazione dei fattori di rischio
la quale, soprattutto a fronte di attività non normate, costituisce il
parametro di riferimento a cui subordinare l’emissione dell’atto
tecnico-amministrativo.
Ciò premesso, si conferma che, qualora in sede di esame degli atti
connessi alla pratica di un’attività di cui viene richiesto il rinnovo
del certificato di prevenzione incendi, il Comando dovesse nutrire
dubbi sull’idoneità dei mezzi di protezione antincendio riportati sul
certificato stesso, può legittimamente – ma senza oneri finanziari
aggiuntivi per l’utente – fare eseguire un sopralluogo al fine di
verificare direttamente i fattori di rischio connessi alla tipologia
di attività e richiedere, ove ritenuto necessario, l’adeguamento di
misure e mezzi antincendio. Resta inteso che l’intero procedimento
dovrà essere contenuto nei termini temporali previsti dal D.P.R. n.
37/98.
Ad adeguamento avvenuto, l’interessato inoltrerà al Comando istanza di
sopralluogo a cui – rispondendo così al secondo quesito – è connesso
il versamento d’importo corrispondente alla durata del servizio
previsto per i sopralluoghi dal D.M. 4 maggio 1998.

Rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi in applicazione dell’art. 4 del D.P.R. n. 37/98 e D.M. 4 maggio 1998

Chimici.info