PROVVEDIMENTO 24 aprile 2013 | Chimici.info

PROVVEDIMENTO 24 aprile 2013

PROVVEDIMENTO 24 aprile 2013 - Procedimento per la soluzione delle controversie ai sensi dell'art. 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163. (13A03964) (GU n.106 del 8-5-2013)

AUTORITA’ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE
PROVVEDIMENTO 24 aprile 2013
Procedimento per la soluzione delle controversie ai sensi dell’art.
6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.
163. (13A03964)
(GU n.106 del 8-5-2013)

IL CONSIGLIO

Visto il decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i. ed, in
particolare, l’art. 6, comma 7, lettera n);
Visto il Regolamento di organizzazione dell’Autorita’ per la
vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture,
approvato in data 20 dicembre 2007 e s.m.i.;
Ritenuto di dover modificare la disciplina sul procedimento per la
soluzione delle controversie ai sensi dell’art. 6, comma 7, lettera
n) del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i.;

E m a n a

il seguente regolamento:
Art. 1

Oggetto

1. Il presente Regolamento disciplina il procedimento per la
soluzione delle controversie di cui all’art. 6, comma 7, lettera n),
del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163.
Art. 2

Soggetti richiedenti

1. Il procedimento ha inizio su istanza di parte.
2. Possono presentare istanza di parere i seguenti soggetti:
la stazione appaltante, in persona del soggetto legittimato ad
esprimere all’esterno la volonta’ del richiedente;
l’operatore economico, in persona del soggetto legittimato ad
esprimere all’esterno la volonta’ del richiedente;
3. L’istanza puo’ essere presentata:
congiuntamente dalla stazione appaltante e da una o piu’ parti
interessate;
singolarmente da ognuno dei soggetti di cui al precedente comma.
4. Quando l’istanza e’ presentata congiuntamente, l’Autorita’ emana
il parere relativamente a questioni concernenti gli affidamenti sotto
soglia comunitaria e sopra soglia comunitaria insorte durante lo
svolgimento delle procedure ad evidenza pubblica di cui al d.lgs. n.
163/2006 e ss.mm.
5. Quando l’istanza e’ presentata singolarmente, l’Autorita’ valuta
la rilevanza della stessa ai fini dell’emanazione del parere, sulla
base dei criteri indicati al successivo art. 6.
Art. 3

Istanze non ammissibili

1. Non sono ammissibili le istanze presentate:
da soggetti che non rientrano tra quelli individuati all’art. 2,
comma 2;
su questioni che non sono oggetto di una controversia insorta fra
le parti durante lo svolgimento di una procedura ad evidenza pubblica
di cui al d.lgs. 163/2006 e ss. mm. ed ii;
su questioni che attengono alla fase successiva al provvedimento
di aggiudicazione definitiva;
in tutti i casi in cui sia stato gia’ presentato ricorso innanzi
all’Autorita’ giudiziaria avverso qualsiasi provvedimento relativo
alla medesima procedura (pendenza di giudizio);
in violazione di quanto disposto dal successivo art. 4, comma 2.
2. Non sono ammissibili le istanze non correttamente compilate e/o
non sottoscritte dalla persona fisica legittimata ad esprimere
all’esterno la volonta’ del soggetto richiedente.
Art. 4

Presentazione e contenuti dell’istanza

1. L’istanza, da presentare mediante la compilazione del modello
allegato al presente Regolamento (sub. All. 1), va trasmessa
all’Ufficio del precontenzioso tramite uno dei seguenti strumenti:
fax;
raccomandata del servizio postale;
posta elettronica certificata ai sensi della normativa vigente.
2. L’istanza deve contenere, a pena di inammissibilita’, i seguenti
elementi:
intestazione riportante la seguente dicitura “Istanza di parere
per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n),
del d.lgs. n. 163/2006”;
indicazione del/i soggetto/i richiedente/i;
eventuale/i soggetto/i controinteressato/i;
oggetto della gara ed importo a base d’asta;
chiara esposizione delle ragioni di fatto e di diritto da cui
trae origine la questione sottoposta all’Autorita’;
data dell’aggiudicazione provvisoria, qualora intervenuta;
eventuale pendenza, per la fattispecie in esame, di un ricorso
innanzi all’autorita’ giudiziaria.
3. All’istanza deve essere allegata, a pena di improcedibilita’, la
seguente documentazione:
bando di gara;
disciplinare di gara;
capitolato tecnico;
lista delle categorie delle lavorazioni (appalto di lavori);
eventuale provvedimento di esclusione;
corrispondenza intercorsa fra la stazione appaltante e
l’operatore economico;
in caso di esclusione, copia dell’eventuale segnalazione del
fatto al Casellario informatico;
memoria contenente la definizione della questione sottoposta
all’attenzione dell’Autorita’ e rappresentazione delle rispettive
posizioni delle parti interessate.
4. Quando l’istanza e’ presentata dalla stazione appaltante,
congiuntamente o disgiuntamente, la stessa deve contenere l’impegno
della medesima a non porre in essere atti pregiudizievoli ai fini
della risoluzione della questione, fino alla definizione della stessa
da parte dell’Autorita’.
5. Quando l’istanza e’ presentata da una parte diversa dalla
stazione appaltante, con la comunicazione di avvio del procedimento
l’Autorita’ formula alla stazione appaltante l’invito a non porre in
essere atti pregiudizievoli ai fini della risoluzione della
questione, fino alla definizione della stessa da parte
dell’Autorita’.
Art. 5

Istruttoria delle istanze presentate congiuntamente

1. Quando l’istanza e’ presentata congiuntamente, dalla stazione
appaltante e da una o piu’ parti interessate, l’Ufficio del
precontenzioso apre il relativo procedimento, dandone formale
comunicazione al/ai sottoscrittore/i dell’istanza e al/ai
controinteressato/i chiaramente identificato/i nell’istanza stessa.
2. La comunicazione di cui al comma 1, contiene il nominativo del
responsabile del procedimento e l’eventuale data fissata per l’
audizione di cui all’art. 7.
3. L’Autorita’, ove lo ritenga opportuno, con la comunicazione di
avvio del procedimento, chiede alle parti interessate ulteriori
informazioni e deduzioni sulla questione oggetto dell’istanza,
fissando il termine di dieci giorni dalla data di ricezione della
comunicazione per la presentazione delle stesse.
4. In caso di mancata partecipazione al contraddittorio orale e/o
documentale di una delle parti interessate, l’Autorita’ valutera’ la
questione sulla base degli elementi di fatto in suo possesso.
5. Se nel corso dell’istruttoria viene presentato ricorso innanzi
all’autorita’ giudiziaria, l’istanza diviene improcedibile.
Art. 6

Istruttoria delle istanze presentate singolarmente

1. Quando l’istanza e’ presentata singolarmente da uno dei soggetti
di cui all’art. 2, comma 2, l’Autorita’ valuta la rilevanza della
stessa ai fini dell’emanazione del parere sulla base dei seguenti
criteri ponderali:
presentazione dell’istanza da parte di una stazione appaltante;
carattere di novita’ e complessita’ della questione di diritto
sottoposta all’Autorita’ e possibilita’ di incidenza della stessa su
future procedure ad evidenza pubblica;
valore economico della controversia;
valore sociale della controversia.
Art. 7

Audizione delle parti interessate

1. L’Autorita’ valuta, sulla base della documentazione e delle
informazioni acquisite, la necessita’ di procedere ad audizione delle
parti interessate, previa apposita richiesta contenuta nell’istanza.
2. L’audizione ha luogo presso l’Autorita’, alla presenza di un
rappresentante della stessa e di tutte le parti interessate.
3. Dell’audizione viene effettuata registrazione vocale, che fa
fede di verbale.
4. L’audizione e’ effettuata entro dieci giorni dalla data di avvio
del procedimento.
Art. 8

Conclusione del procedimento

1. La decisione sulla questione oggetto della controversia e’
denominata “Parere ai sensi dell’art. 6, comma 7, lettera n), del
decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163”.
2. Il parere, redatto sulla base della documentazione e delle
informazioni acquisite, e approvato dal Consiglio dell’Autorita’,
viene trasmesso alle parti interessate.
3. Nel caso in cui le istanze presentate siano inammissibili o
improcedibili, ai sensi dell’art. 3 e dell’art. 4, commi 2, e 3, o
risultino irrilevanti ai fini dell’emanazione del parere
dell’Autorita’, ai sensi dell’art. 6, le stesse saranno archiviate.
Delle archiviazioni disposte verra’ data comunicazione al/ai
richiedente/i.
4. In ogni caso l’Autorita’ si riserva la facolta’ di esercitare i
poteri di cui all’art. 6, commi 9, e 11, d.lgs. 163/2006 e ss. mm. ii
e di svolgere ulteriori attivita’ nell’esercizio dei predetti poteri
di vigilanza.
Art. 9

Pubblicita’

1. Il parere approvato dal Consiglio viene altresi’ trasmesso
all’Ufficio Comunicazione per la sua pubblicazione nel sito intranet
ed internet dell’Autorita’, ad accesso generalizzato. L’Autorita’,
anche su motivata segnalazione di una delle parti interessate, puo’
decidere di non rendere pubblici taluni dati personali delle parti.
Art. 10

Istanza di riesame

1. Non sono ammissibili le istanze aventi ad oggetto il riesame di
una questione controversa gia’ decisa dall’Autorita’ con parere
emesso ai sensi dell’ art. 6, comma 7, lettera n) del decreto
legislativo 12 aprile 2006 n. 163 o per la quale l’Ufficio ha
disposto l’archiviazione ai sensi dell’art. 8, comma 2, fatta salva
l’ipotesi in cui vengano dedotte e documentate sopravvenute ragioni
di fatto e/o di diritto. In questo ultimo caso si applicano le
disposizioni del presente Regolamento per quanto compatibili.
Art. 11

Forma delle comunicazioni

1. Le comunicazioni tra l’Autorita’ e le parti interessate possono
essere effettuate tramite uno dei seguenti strumenti:
fax;
lettera raccomandata del servizio postale;
posta elettronica certificata ai sensi della normativa vigente.
Art. 12

Entrata in vigore

1. Il presente Regolamento entra in vigore il giorno successivo
alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Il presidente: Santoro

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 24 aprile
2013.

Il segretario: Esposito
Allegato 1

ISTANZA DI PARERE PER LA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE
EX ARTICOLO 6, COMMA 7, LETTERA N) DEL D. LGS. N. 163/2006

Parte di provvedimento in formato grafico

PROVVEDIMENTO 24 aprile 2013

Chimici.info