PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE | Chimici.info

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L’INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - DIRETTIVA 18 dicembre 2003: Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione per l'anno 2004. (GU n. 28 del 4-2-2004)

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L’INNOVAZIONE E
LE TECNOLOGIE

DIRETTIVA 18 dicembre 2003

Linee guida in materia di digitalizzazione dell’amministrazione per
l’anno 2004.

IL MINISTRO
per l’innovazione e le tecnologie
Visto l’art. 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante
«Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri»;
Visto il decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, come
modificato dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, ed
integrato dal decreto legislativo 5 dicembre 2003, n. 343, recante
«Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle
amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 2, comma 1, della legge
23 ottobre 1992, n. 421»;
Visti gli articoli 4 e 14 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.
165, recante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle
dipendenze delle amministrazioni pubbliche»;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, sul riordino e
potenziamento dei meccanismi di monitoraggio e valutazione dei costi,
dei rendimenti e dei risultati dell’attivita’ delle pubbliche
amministrazioni e, in particolare, l’art. 8 concernente la direttiva
generale annuale dei Ministri sull’attivita’ amministrativa e sulla
gestione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
9 agosto 2001, recante «Delega di funzioni del Presidente del
Consiglio dei Ministri in materia di innovazione e tecnologie al
Ministro senza portafoglio dott. Lucio Stanca;
Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in
data 15 novembre 2001, recante «Indirizzi per la predisposizione
della direttiva generale dei Ministri sull’attivita’ amministrativa e
sulla gestione per l’anno 2002»;
Vista la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie
in data 21 dicembre 2001, recante «Linee guida in materia di
digitalizzazione dell’amministrazione»;
Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri in
data 8 novembre 2002, recante «Indirizzi per la predisposizione della
direttiva generale dei Ministri sull’attivita’ amministrativa e sulla
gestione per l’anno 2003»;
Vista la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie
in data 20 dicembre 2002, recante «Linee guida in materia di
digitalizzazione dell’amministrazione» per l’anno 2003;
E m a n a
la seguente direttiva:
1. Premessa.
La presente direttiva e’ indirizzata a tutte le amministrazioni
dello Stato e agli enti pubblici sottoposti alla vigilanza
ministeriale. Per le regioni e gli enti locali costituisce contributo
alle determinazioni in materia, nel rispetto della loro autonomia
amministrativa, e sara’ oggetto di successivo atto di indirizzo, ai
sensi dell’art. 29, comma 7, della legge 23 dicembre 2001, n. 448.
Puo’ rappresentare schema di riferimento anche per le altre
amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
Con questa legislatura l’innovazione tecnologica del Paese e lo
sviluppo della societa’ dell’informazione, insieme alle connesse
innovazioni per le amministrazioni pubbliche, hanno costituito, per
la prima volta, un impegno prioritario di Governo.
Nell’ambito di una visione unitaria ed integrata degli interventi
da effettuare nel Paese, nel mondo produttivo e nelle amministrazioni
pubbliche si e’ dato avvio ad un disegno organico di innovazione,
capace di coniugare l’innovazione tecnologica con la riforma
federalista del Paese e di garantire, attraverso la collaborazione
tra Stato centrale e autonomie locali, l’attuazione coerente e
coordinata dell’e-Government in tutto il territorio nazionale.
Il predetto disegno, gia’ illustrato nelle «Linee guida del Governo
per lo sviluppo della societa’ dell’informazione nella legislatura»,
approvate dal Consiglio dei Ministri il 31 maggio 2002, e condiviso
con le autonomie locali con la sottoscrizione del documento
«L’e-government per un federalismo efficiente: una visione condivisa,
una realizzazione cooperativa», e’ ormai in fase di avanzata
attuazione: sono, infatti, stati definiti ed avviati molteplici
progetti (1) che hanno gia’ prodotto significativi risultati.
Il 2004 si configura come un anno incentrato sulla realizzazione di
quanto gia’ definito e pianificato e su una decisiva accelerazione
delle azioni gia’ programmate in corso di attuazione o ancora da
intraprendere.
2. Gli atti di indirizzo gia’ emanati.
Le «Linee guida del Governo per lo sviluppo della societa’
dell’informazione nella legislatura», hanno fissato dieci obiettivi,
da realizzare nel corso della legislatura, per la
digitalizzazione (2) delle amministrazioni statali.
Le direttive e gli altri atti di indirizzo in materia di
digitalizzazione qui di seguito elencati, emanati in merito a
specifiche aree di azione, devono intendersi ancora pienamente validi
ed efficaci; si richiamano pertanto tutte le amministrazioni a
proseguire ed implementare le azioni intraprese per la loro
attuazione:
la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie in
data 21 dicembre 2001, recante «Linee guida in materia di
digitalizzazione dell’amministrazione» per l’anno 2002 (3);
la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del
16 gennaio 2002 concernente la sicurezza informatica e delle
telecomunicazioni nelle pubbliche amministrazioni (4);
la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del
30 maggio 2002 concernente l’uso del dominio internet «.gov.it» e
l’efficace interazione del portale nazionale «italia.gov.it», in
particolare per quanto attiene le caratteristiche di accessibilita’,
usabilita’, efficacia, controllo dell’accesso, privacy e
sicurezza (5);
la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del
9 dicembre 2002 sulla trasparenza dell’azione amministrativa e la
gestione elettronica dei flussi documentali, che specifica le
implicazioni operative per le amministrazioni, finalizzate al
rispetto del termine del 1° gennaio 2004 fissato dal decreto del
Presidente della Repubblica n. 445/2000 per l’introduzione del
protocollo informatico (6);
la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie in
data 20 dicembre 2002, recante «Linee guida in materia di
digitalizzazione dell’amministrazione» per l’anno 2003 (7);
il decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del
14 ottobre 2003, che approva le «Linee guida per l’adozione del
protocollo informatico e per il trattamento informatico dei
procedimenti amministrativi» (8);
E’ inoltre in corso di registrazione:
la direttiva del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del
27 novembre 2003 per l’impiego della posta elettronica, che fornisce
indicazioni in merito alle azioni ed alle scelte necessarie per un
uso intensivo di tale mezzo nello scambio di documenti ed
informazioni tra le pubbliche amministrazioni (9).
Questo insieme di atti di indirizzo, rappresenta un quadro di
disposizioni che forniscono pieno orientamento ed indicazioni
operative anche per le attivita’ del prossimo periodo.
Le disposizioni contenute nella presente direttiva o da essa
richiamate costituiscono anche il contenuto principale delle «linee
strategiche» emanate, ai sensi dell’art. 9, comma 2 del decreto
legislativo n. 39/1993, dal Centro nazionale per l’informatica nella
pubblica amministrazione (CNIPA).
Ciascun Ministro, pertanto, avra’ cura di fornire disposizioni,
coerenti con le indicazioni fornite in tema di digitalizzazione dalla
presente direttiva e dagli altri atti gia’ emanati in materia, nella
propria direttiva generale per l’attivita’ amministrativa e per la
gestione che, com’e’ noto, ai sensi dell’art. 14, comma 1, lettera
a), del decreto legislativo n. 165/2001 e dell’art. 8, comma 1, del
decreto legislativo n. 286/1999, deve essere emanata entro dieci
giorni dalla pubblicazione della legge di bilancio.
3. Le priorita’ per il 2004.
Per l’anno 2004 sono stati individuati i sottoelencati settori di
intervento prioritario per le amministrazioni:
a) servizi on-line per cittadini e imprese.
La disponibilita’ di servizi on-line, orientati alle necessita’ dei
cittadini e delle imprese e capaci di rendere piu’ semplice e rapida
ogni interazione con le pubbliche amministrazioni, rappresenta uno
degli obiettivi principali del programma di Governo.
L’obiettivo di legislatura e’ rendere disponibili in rete, nel
corso del 2005, tutti i servizi prioritari individuati nelle «Linee
guida del Governo per lo sviluppo della societa’ dell’informazione
nella legislatura». Si tratta di 40 servizi per i cittadini e 40
servizi per le imprese, relativi agli eventi piu’ significativi nella
vita di una persona o di un’impresa, gia’ riportati nell’allegato C
alla richiamata direttiva in materia di digitalizzazione per l’anno
2003.
Su questo tema alcuni importanti risultati sono gia’ stati
raggiunti, come testimoniano il passaggio del nostro Paese dal
dodicesimo al nono posto nel benchmarking europeo e i significativi
incrementi registrati nell’utilizzo, da parte dei cittadini, dei
diversi servizi gia’ offerti on-line (10).
Poiche’, peraltro, altri servizi erogati dalle amministrazioni non
sono ancora disponibili on-line o lo sono solta…

[Continua nel file zip allegato]

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L’INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

Chimici.info