ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 gennaio 2008 | Chimici.info

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 gennaio 2008

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 gennaio 2008 - Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3642). (GU n. 21 del 25-1-2008)

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 gennaio 2008

Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3642).

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto l’art. 5, commi 2 e 3 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Vista la nota dell’Ufficio commissariale per l’emergenza nel
territorio del bacino del fiume Sacco tra le provincie di Roma e
Frosinone del 10 ottobre 2007, nonche’ la nota del 24 ottobre 2007
del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare;
Visto l’art. 17, comma 1, dell’ordinanza di protezione civile n.
3603 del 30 luglio 2007, nonche’ la richiesta del 1° ottobre 2007 del
Presidente della regione Liguria;
Visto l’art. 4, comma 1, dell’ordinanza di protezione civile n.
3512 del 6 aprile 2006 relativa all’emergenza ambientale nella
regione Calabria;
Vista la nota 13 novembre 2007 del Prefetto di Alessandria –
Commissario delegato;
Vista la nota del 3 settembre 2007 dell’Ufficio commissariale per
il territorio della provincia di Vibo Valentia colpito dagli eventi
alluvionali del giorno 3 luglio 2006;
Viste le note n. 120246 del 30 settembre 2007 della regione Liguria
e n. 204238 del 15 ottobre 2007 della regione Marche;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
27 dicembre 2006, con il quale gli stati d’emergenza concernenti gli
eventi sismici che hanno colpito il territorio delle regioni Molise e
Puglia, sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2007;
Vista la nota del 7 novembre 2007 del Presidente della regione
Lazio – Commissario delegato per il superamento del contesto
emergenziale determinatasi in relazione ai fenomeni di subsidenza in
atto nel territorio dei comuni di Guidonia Montecelio e Tivoli in
provincia di Roma;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3279 del 10 aprile 2003 e n. 3559 del 27 dicembre 2006 nonche’ la
nota del 29 novembre 2007 del Commissario delegato – Presidente della
regione Molise;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3598 del 15 giugno 2006, n. 3603 del 30 luglio 2007 e n. 3622 del
18 ottobre 2007;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3530 del 13 luglio 2007 e n. 3580 del 3 aprile 2007;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
21 settembre 2007 concernente la dichiarazione di «grande evento»,
relativa alla Presidenza italiana del G8 e la successiva ordinanza n.
3629 del 20 novembre 2007;
Vista la nota del 19 novembre 2007 del Presidente della provincia
di Verbano Cusio Ossola – Commissario delegato e del 20 novembre 2007
del Presidente della regione Piemonte;
Vista la nota del 3 dicembre 2007 del Presidente della regione
Puglia – Commissario delegato per il superamento della situazione di
criticita’ nel settore della gestione dei rifiuti urbani e della
bonifica dei siti di interesse nazionale nel territorio della regione
Puglia;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
4 maggio 2007 recante la proroga degli stati d’emergenza in relazione
agli eventi alluvionali ed ai dissesti idrogeologici verificatisi
nella regione Campania e le richieste formulate con note del
29 gennaio e 11 maggio 2007 dal sindaco di Napoli inerenti alla messa
in sicurezza della cavita’ di via Nicolardi, nonche’ la nota del
21 febbraio 2007 del Presidente della regione Campania;
Vista la nota del 12 dicembre 2007 del Presidente della regione
Veneto inerente allo stato di emergenza determinatosi nel settore del
traffico e della mobilita’ nella localita’ di Mestre del comune di
Venezia;
Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Dispone:
Art. 1.
1. Per consentire l’espletamento delle iniziative finalizzate a
fronteggiare la grave situazione di emergenza socio-economico
ambientale nel territorio del bacino del fiume Sacco tra le province
di Roma e Frosinone di cui al decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri del 24 aprile 2007, le risorse finanziarie pari a euro
3.000.000,00 stanziate con il decreto del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare del 28 novembre 2003, n. 308
sono trasferite, in deroga alle procedure e alle modalita’ ivi
stabilite, dal medesimo Dicastero nella contabilita’ speciale n. 2996
intestata al soggetto attuatore di cui all’art. 3 dell’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3441 del 10 giugno 2005.

Art. 2.
1. Per fronteggiare il grave contesto calamitoso inerente agli
eventi alluvionali che dal 14 al 17 settembre 2006 hanno colpito il
territorio della regione Liguria e di cui al decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri del 22 dicembre 2006, il Commissario
delegato e’ autorizzato ad utilizzare la somma di euro 1.000.292,00 a
valere sul Fondo regionale di protezione civile di cui all’art. 138,
comma 16, della legge n. 388 del 2000, annualita’ 2005, in deroga a
quanto ivi previsto.

Art. 3.
1. All’art. 4, comma 1, dell’ordinanza di protezione civile n. 3512
del 6 aprile 2006 le parole «nonche’ di un sottufficiale appartenente
al Comando carabinieri tutela dell’ambiente» sono soppresse.
2. All’art. 17, comma 1, dell’ordinanza di protezione civile n.
3603 del 30 luglio 2007 le parole «da trasferire nell’apposita
contabilita’ all’uopo istituita» sono soppresse.
3. All’art. 11, comma 2, dell’ordinanza di protezione civile n.
3591 del 24 maggio 2007, sono aggiunte le seguenti parole «che viene
corrisposto in deroga al regime giuridico della onnicomprensivita’
della retribuzione di cui all’art. 24 del decreto legislativo n. 165
del 2001 e dei rispettivi contratti collettivi di lavoro».
4. Per l’effettuazione dei rimborsi previsti dall’art. 2, commi 1,
2 e 3 dell’ordinanza di protezione civile n. 3606 del 28 agosto 2007,
il Commissario delegato provvede anche per il tramite delle regioni.
5. All’art. 2 dell’ordinanza di protezione civile n. 3490 del
13 gennaio 2006 sono apportate le seguenti modifiche:
– al primo periodo le parole «tre mesi» con le parole «undici
mesi»;
– al secondo periodo le parole «nove mesi» con le parole «ventuno
mesi»;
– al quarto periodo le parole «ventuno mesi» con le parole
«ventiquattro mesi».
6. All’art. 1, comma 5, dell’ordinanza di protezione civile n. 3304
del 30 luglio 2003, come integrata dall’art. 1, comma 6,
dell’ordinanza di protezione civile n. 3603 del 30 luglio 2007, le
parole «dello stipendio netto percepito, e con funzione indennitaria
onnicomprensiva» sono sostituite dalle seguenti «del trattamento
economico in godimento, oltre all’eventuale rimborso delle spese di
viaggio effettivamente sostenute».
7. All’art. 2, comma 1, dell’ordinanza di protezione civile n. 3594
del 13 giugno 2007 le parole «il Dipartimento della protezione
civile» sono sostituite dalle seguenti «la struttura del Commissario
delegato di cui all’art. 5».

Art. 4.
1. Considerato che sono in corso di ultimazione gli interventi di
carattere straordinario necessari alla chiusura della fase di prima
emergenza, i termini previsti dall’art. 7, comma 2, dell’ordinanza di
protezione civile n. 3531 del 2006, emanata per fronteggiare la
situazione emergenziale in atto nel territorio della provincia di
Vibo Valentia, sono differiti al 31 dicembre 2007.
2. Il compenso in favore del personale indicato nel sopra citato
art. 7, comma 2, per prestazioni di lavoro straordinario
effettivamente rese e’ fissato nel limite massimo di 50 ore mensili
pro-capite, con oneri posti a carico del Commissario delegato.

Art. 5.
1. All’art. 4 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3548 del 25 ottobre 2006 e’ aggiunto il seguente comma:
«1-bis. Il contributo di cui alla lettera a) del comma 1 e’
riconosciuto anche per il danno subito da macchinari e attrezzature
rottamate e non riacquistate».
2. All’art. 7 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3548 del 25 ottobre 2006 e’ aggiunto il seguente comma:
«6. Il Commissario delegato provvede ad erogare le risorse
finanziarie del Fondo di solidarieta’ nazionale, di cui all’art. 15
del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, cosi’ come ripartite
dal decreto ministeriale n. 5333 del 18 maggio 2007. Il medesimo
Commissario delegato provvede all’espletamento della predetta
iniziativa secondo i criteri e le modalita’ di cui all’art. 4,
comma 1 dell’ordinanza di protezione civile n. 3564 del 9 febbraio
2007».
3. Dopo il comma 1 dell’art. 8 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3548 del 25 ottobre 2006, e’ aggiunto il
seguente comma: «1-bis. Per il superamento dell’emergenza in rassegna
e per fronteggiare adeguatamente i contesti emergenziali di cui alle
ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3598 del
15 giugno 2007, n. 3607 del 29 agosto 2007, n. 3624 del 22 ottobre
2007 ed al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
12 ottobre 2007 concernente gli eventi alluvionali che hanno colpito
la provincia di Ascoli Piceno, i…

[Continua nel file zip allegato]

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 gennaio 2008

Chimici.info