Nuova normativa concernente i recipienti aventi capacità fino a 1000 | Chimici.info

Nuova normativa concernente i recipienti aventi capacità fino a 1000

Nuova normativa concernente i recipienti aventi capacità fino a 1000 litri e pressione di esercizio fino a due bar, adibiti al trasporto di gas liquefatti refrigerati
Decreto Ministeriale

IL MINISTRO DEI TRASPORTIVista la legge 10 luglio 1970, n.
579;Visto il regolamento approvato con decreto ministeriale 12
settembre 1925 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 232 del 6
ottobre 1925) e successive serie di norme integrative, inerente le
norme di approvazione dei recipienti destinati al trasporto su
ferrovia di gas compressi, liquefatti e disciolti;Visto il decreto
ministeriale 5 giugno 1971 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162
del 30 giugno 1971) che estende al trasporto su strada le norme
approvate per il trasporto per ferrovia;Vista la 62ª serie di norme
integrative al decreto ministeriale 12 settembre 1925 riguardante i
recipienti fino a 1000 litri adibiti al trasporto di gas liquefatti
refrigerati (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 254 dell’8 ottobre
1971);Considerato che la citata 62ª serie ha adottato per i recipienti
aventi pressione di esercizio fino a due bar criteri più restrittivi
di quelli previsti dal regolamento approvato con decreto ministeriale
12 settembre 1925 in quanto non esisteva una pratica esperienza di
esercizio su recipienti mobili a bassa pressione per gas
refrigerati;Ritenuto che il progresso tecnologico consente di
eliminare dalla 62ª serie di norme integrative la citata norma
restrittiva, adeguando contemporaneamente la normativa italiana a
quella di altri Paesi industrializzati onde facilitare attività di
scambio e di commercializzazione;Sentito il parere della commissione
permanente per le prescrizioni sui recipienti per gas compressi,
liquefatti o disciolti, espresso con il voto n. 891 del 4 maggio
1984;Decreta:Art. 1I recipienti per il trasporto dei seguenti gas
fortemente refrigerati: aria liquida – ossigeno liquido – azoto
liquido – argon liquido – gas rari liquidi, nonché le loro miscele
aventi capacità compresa tra 1 litro e 1000 litri e pressione di
esercizio non superiore a due bar sono soggetti, ai fini costruttivi e
di esercizio, all’osservanza delle prescrizioni di cui alla 62ª serie
di norme integrative al regolamento approvato con il decreto
ministeriale 12 settembre 1925. I suddetti recipienti sono esenti
dalle visite e prove di costruzione e periodiche.Art. 2La ditta
costruttrice dei recipienti di cui al precedente art. 1 deve attestare
sulla base di adeguata e valida documentazione tecnica la rispondenza
dei recipienti a quanto previsto dalla citata 62ª serie di norme
integrative ed in particolare:a) che i materiali impiegati nella
costruzione del recipiente e degli accessori siano idonei alla minima
temperatura di esercizio del gas liquefatto trasportato;b) che i
dispositivi e le valvole di sicurezza siano efficienti ed idonei alle
basse temperature d’impiego.L’attestazione di cui sopra da redigere in
conformità alle istruzioni che saranno emanate al riguardo dalla
Direzione generale M.C.T.C., deve essere conservata dal proprietario
del recipiente e tiene luogo del certificato di approvazione di cui
all’art. 20 del regolamento approvato con il decreto ministeriale 12
settembre 1925 .Art. 3Per i recipienti di cui al precedente art. 1
costruiti all’estero, l’importatore provvede alle incombenze di cui al
precedente art. 2.

Nuova normativa concernente i recipienti aventi capacità fino a 1000

Chimici.info