Norme per ascensori e montacarichi in servizio privato | Chimici.info

Norme per ascensori e montacarichi in servizio privato

Norme per ascensori e montacarichi in servizio privato - Prevenzione incendi
Lettera Circolare

Come è noto, l’articolo 9 del D.P.R. n. 1497/63 recita al
comma 4, 1° paragrafo:“Gli impianti, aventi corsa sopra il
piano terreno maggiore di 20 m, installati negli edifici civili aventi
altezza in gronda maggiore di 24 m, e gli impianti installati in
edifici industriali devono avere ubicazione e protezioni antincendio
rispondenti ai regolamenti del locale Comando dei Vigili del Fuoco o
della Direzione Generale dei Servizi Antincendio”.Nel corso
degli anni le norme di prevenzione incendi hanno considerato i vani di
corsa degli ascensori e montacarichi nell’ambito più
generale della compartimentazione antincendi dell’edificio, con
l’obiettivo di evitare che i vani stessi costituiscano veicolo
di propagazione verticale dell’incendio e dei prodotti di
combustione.Si cita in merito l’articolo 4.2 dell’allegato
I del progetto di direttiva europea per gli ascensori attualmente in
fase finale di approvazione:“Quando debbono contribuire alla
protezione dell’edificio contro l’incendio, le porte di
piano, incluse quelle che comprendono parti vetrate, debbono
presentare un’adeguata resistenza al fuoco, caratterizzata dalla
loro integrità e dalla loro proprietà relative
all’isolamento (non propagazione della fiamma) e alla
trasmissione di calore (irragiamento termico)”.In tale ottica il
Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la prevenzione incendi sta
normando l’intera materia ai fini della prevenzione
incendi.Pertanto in attesa dell’emanazione della specifica
disposizione, si ritiene opportuno rivedere quanto stabilito dalla
lettera circolare n. 16512/4135 del 25 luglio 1979.In particolare,
fermo restando quanto previsto dalle disposizioni specifiche vigenti,
ai fini della conformità all’articolo 9.4 del D.P.R.
1497/63, dovrà essere assicurata in ogni caso
l’incombustibilità del vano di corsa (compresi porte e
portelli) degli ascensori e montacarichi di cui allo stesso articolo
ed inoltre ne dovrà essere accertata la congruente resistenza
al fuoco, quando necessaria, ai fini della compartimentazione
antincendi dell’edificio.In relazione a quanto sopra è da
ritenersi superata l’indicazione prescrittiva del valore di
30’ per la resistenza al fuoco delle porte.

Norme per ascensori e montacarichi in servizio privato

Chimici.info