Norme di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro | Chimici.info

Norme di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro

Norme di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro - Quesiti
Circolare Ministeriale

Con precedenti circolari, in data 2 maggio 1957, n. 515 e 12
marzo 1958, n. 526, questo Ministero, in relazione a quesiti
formulati, ha impartito direttive per l’interpretazione e applicazione
di alcune disposizioni contenute nelle Norme di prevenzione infortuni
sul lavoro.Recentemente un terzo gruppo di quesiti è stato
sottoposto, ai sensi dell’art. 394 del D.P.R. 27 aprile 1955,
all’esame della Commissione consultiva permanente per la prevenzione
degli infortuni e l’igiene del lavoro.Tenendo presente il parere
espresso dalla detta Commissione, questo Ministero fornisce con la
presente i chiarimenti e le precisazioni necessarie circa la portata
delle norme cui i quesiti medesimi si riferiscono, in modo che gli
Ispettorati ne tengano conto nello svolgimento della loro azione di
vigilanza.Art. 166, D.P.R. 27.4.1955, n. 547 – Norme
generali – FustellePremesso che l’art. 166 dispone, fra
l’altro, che le fustelle debbono essere munite di bordo sporgente,
allo scopo di consentirne l’uso senza pericolo per le mani, è
stato richiesto se, in applicazione di tale disposizione, sia
consentito l’uso di fustelle con bordo limitato alle due
estremità, ovvero se il bordo debba essere esteso all’intero
giro della fustella.Si esprime in merito l’avviso che nelle fustelle
di forma allungata (suola, piede, ecc.) il bordo possa essere limitato
alle due estremità della fustella, con ampiezza sufficiente a
garantire l’uso dell’attrezzo senza pericolo per le mani e comunque
non inferiore alla semicirconferenza esterna delle due
estremità.Tali considerazioni non sono invece valide per le
fustelle di piccola dimensione nelle quali, in rapporto alle proposte
finalità di sicurezza, il bordo deve essere esteso all’intero
giro della fustella.(omissis)

Norme di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro

Chimici.info