N. 82 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 4 novembre 2002: Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 4 novembre 2002 | Chimici.info

N. 82 RICORSO PER LEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE 4 novembre 2002: Ricorso per questione di legittimita’ costituzionale depositato in cancelleria il 4 novembre 2002

N. 82 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 4 novembre 2002: Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 4 novembre 2002 (della Regione Lombardia) Opere pubbliche - Infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici di interesse nazionale - Norme per la realizzazione, in attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) - Definizione delle diverse categorie di opere e distribuzione delle competenze tra Stato e Regioni - Denunciata

N. 82 RICORSO PER LEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE 4 novembre 2002.

Ricorso per questione di legittimita’ costituzionale depositato in
cancelleria il 4 novembre 2002 (della Regione Lombardia)

Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Definizione delle diverse categorie di opere e distribuzione delle
competenze tra Stato e Regioni – Denunciata lesione delle
competenze regionali in materia di opere pubbliche –
Inconfigurabilita’ dell’interesse nazionale quale criterio
ulteriore di distribuzione delle competenze tra Stato e Regioni –
Eccesso di delega.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art. 1, commi 1, 2, 3, 5, primo
periodo, 7, lettera e).
– Costituzione, artt. 117, commi primo, terzo, quarto, sesto, 118,
comma primo, e 76 (in relazione all’art. 1, comma 2, della legge 21
dicembre 2001, n. 443).
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Definizione delle “opere per le quali l’interesse regionale
concorre con il preminente interesse nazionale” – Inapplicabilita’
alle opere da realizzare nel territorio di piu’ Regioni o Stati,
ovvero collegate funzionalmente ad una rete interregionale o
internazionale – Conseguente esclusione di ogni partecipazione
delle Regioni per opere da localizzare, almeno in parte, nel loro
territorio – Denunciata irragionevolezza – Lesione delle competenze
regionali – Eccesso di delega.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art. 1, comma 7, lettera e).
– Costituzione, artt. 117, commi terzo, quarto e sesto, 118, primo
comma, e 76 (in relazione all’art.1, comma 2, della legge 21
dicembre 2001, n. 443).
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Prevista applicabilita’ alle attivita’ contrattuali ed
organizzative delle regioni e degli altri enti locali, fino alla
entrata in vigore di diversa normativa regionale per le materie
oggetto di legislazione concorrente – Denunciata incompetenza dello
Stato a legiferare, seppure con norme cedevoli, in ambiti di
spettanza regionale, dopo l’entrata in vigore della legge
costituzionale n. 3/2001 – Richiamo alla sentenza della Corte
costituzionale n. 376/2002.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art.1, comma 5.
– Costituzione, art. 117, commi terzo e quarto.
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Progetti preliminari riguardanti le “infrastrutture di carattere
interregionale o internazionale” e “le altre infrastrutture e
insediamenti produttivi” – Possibilita’ di approvazione degli
organi statali, anche in caso di motivato dissenso regionale –
Previsione applicabile anche ai fini dell’approvazione del progetto
definitivo delle infrastrutture nonche’ dei progetti concernenti le
infrastrutture strategiche per l’approvvigionamento energetico –
Denunciata lesione del ruolo e delle competenze delle Regioni,
particolarmente quando si tratti di opere diverse da quelle di
carattere interregionale o internazionale – Assenza dei presupposti
per un intervento sostitutivo dello Stato – Violazione, in
subordine, del principio di leale collaborazione.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, artt. 3, comma 6; 4, comma 5; 13,
comma 5.
– Costituzione, artt. 114, commi primo e secondo, 117, commi terzo,
quarto e sesto, 118, comma primo, e 120, comma secondo.
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Progetto definitivo dell’opera – Prevista approvazione “con il voto
favorevole della maggioranza dei componenti del CIPE” – Denunciato
mancato coinvolgimento delle Regioni – Irragionevole ed immotivata
diversita’ di disciplina rispetto a quella dettata per
l’approvazione del progetto preliminare e per l’approvazione di
progetti di opere per l’approvvigionamento energetico – Lamentata
inosservanza della legge di delega – Conseguente lesione delle
attribuzioni costituzionali delle Regioni.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art. 4, comma 5.
– Costituzione, artt. 117, commi terzo, quarto e sesto, 118, comma
primo, e 76 (in relazione all’art. 1, comma 2, della legge 21
dicembre 2001, n. 443).
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Attribuzione al Presidente del Consiglio dei Ministri del potere di
nominare commissari straordinari, per le opere di interesse
interregionale e internazionale, “sentiti i presidenti delle
Regioni” – Prevista possibilita’ del Presidente del Consiglio dei
Ministri (“sentiti i ministri competenti, nonche’ per le
infrastrutture di competenza dei soggetti aggiudicatari regionali,
i Presidenti delle Regioni”) di abilitare i commissari straordinari
ad adottare provvedimenti sostitutivi – Previsto obbligo, da parte
dei commissari straordinari, di riferire al Presidente del
Consiglio dei Ministri, al Ministro per le infrastrutture e dei
trasporti e al CIPE – Denunciata violazione delle competenze
legislative, regolamentari ed amministrative delle Regioni in
materia di opere pubbliche.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art. 2, commi 5, 7 e 8.
– Costituzione, artt. 117, commi terzo, quarto e sesto, e 118, comma
primo.
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Valutazione di impatto ambientale di un progetto – Competenza
attribuita ad una Commissione speciale costituita dal Presidente
del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’ambiente
e della tutela del territorio – Mancata previsione di una
partecipazione regionale – Denunciata conseguente lesione delle
competenze attribuite alle Regioni – Richiamo alla sentenza della
Corte costituzionale n. 407/2002.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, art. 19, comma 2.
– Costituzione, artt. 117, comma terzo, e 118, comma primo
Opere pubbliche – Infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici di interesse nazionale – Norme per la realizzazione, in
attuazione della legge n. 443/2001 (c.d. legge obiettivo) –
Procedimento di approvazione del decreto legislativo – Acquisizione
del parere positivo della Conferenza Unificata, subordinatamente
all’accoglimento degli emendamenti presentati dalle Regioni –
Denunciata difformita’ del testo approvato rispetto agli impegni
presi dal Governo in sede di Conferenza Unificata – Denunciato
contrasto con la legge di delega – Conseguente violazione delle
competenze regionali – Violazione del principio di leale
collaborazione – Richiamo alle sentenze della Corte costituzionale
n. 206/2001, n. 110/2001, n. 437/2001.
– D.lgs. 20 agosto 2002, n. 190, artt. 1, commi 1, 2 e 3; 2, commi 1,
3 e 5; 3, comma 6; 4, commi 4 e 5; 15.
– Costituzione, artt. 5, 76 (in relazione all’art. 1, comma 3, della
legge 21 dicembre 2001, n. 443), 117, commi terzo, quarto e sesto,
118, comma primo.

(GU n. 50 del 18-12-2002)
Ricorso della Regione Lombardia, in persona del presidente della
giunta regionale pro tempore, on. Roberto Formigoni, autorizzato con
delibera di giunta regionale n. VII/10728 del 18 ottobre 2002,
rappresentato e difeso, come da mandato a margine del presente atto,
dal prof. avv. Beniamino Caravita di Toritto e presso il suo studio
elettivamente domiciliato in Roma, via di Porta Pinciana n. 6;
Contro il Presidente del Consiglio dei ministri pro tempore per
la dichiarazione di illegittimita’ costituzionale di alcuni articoli
del decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, recante “Attuazione
della legge 21 dicembre 2001, n. 443, per la realizzazione delle
infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di
interesse nazionale”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 199 del
26 agosto 2002 – Supplemento Ordinario n. 174.
Il decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190 emanato in
attuazione della legge 21 dicembre 2001, n. 443, recante “delega al
Governo in materia di infrastrutture ed insediamenti produttivi
strategici ed altri interventi per il rilancio delle attivita’
produttive”, disciplina, come recita l’articolo 1, comma 1:
la progettazione, l’approvazione dei progetti e la
realizzazione delle infrastrutture strategiche di preminente
interesse nazionale, nonche’ l’approvazione dei progetti degli
insediamenti produttivi strategici e delle infrastrutture strategiche
private di preminente interesse nazionale, individuati a mezzo del
programma di cui al comma 1 dell’art. 1 della legge 21 dicembre 2001,
n. 443;
le opere per le quali l’interesse regionale e’ concorrente
con il preminente interesse nazionale, da individuarsi nell’ambito
del programma predetto, con intese generali quadro tra il Governo e
ogni sin…

[Continua nel file zip allegato]

N. 82 RICORSO PER LEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE 4 novembre 2002: Ricorso per questione di legittimita’ costituzionale depositato in cancelleria il 4 novembre 2002

Chimici.info