MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI - DECRETO 1 dicembre 2009 | Chimici.info

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI – DECRETO 1 dicembre 2009

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI - DECRETO 1 dicembre 2009 - Approvazione del programma contenente l'indicazione degli interventi relativi alla tutela, ai beni e alle attivita' culturali ed allo spettacolo per gli anni 2010, 2011, 2012 e relativa nota esplicativa. (10A01713) (GU n. 34 del 11-2-2010 )

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

DECRETO 1 dicembre 2009

Approvazione del programma contenente l’indicazione degli interventi
relativi alla tutela, ai beni e alle attivita’ culturali ed allo
spettacolo per gli anni 2010, 2011, 2012 e relativa nota esplicativa.
(10A01713)

IL MINISTRO PER I BENI
E LE ATTIVITA’ CULTURALI

di concerto con

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI

Visto l’art. 10 della legge 8 ottobre 1997, n. 352, come sostituito
dall’art. 2 della legge 16 ottobre 2003, n. 291;
Visto l’art. 60, comma 4, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, che
prevede che il tre per cento degli stanziamenti previsti per le
infrastrutture e’ destinato alla spesa per la tutela e gli interventi
a favore dei beni e delle attivita’ culturali;
Visto l’art. 3, comma 2, del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72,
convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2004, n. 128,
che prevede che con decreto del Ministro per i beni e le attivita’
culturali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture, e’
approvato il programma degli interventi, che puo’ ricomprendere anche
interventi a favore delle attivita’ culturali e dello spettacolo, da
finanziare con le risorse di cui al comma 1 del medesimo art. 3;
Visto l’art. 3, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7,
convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005, n. 43, che
prevede, per gli esercizi finanziari 2005 e 2006, un’ulteriore
riserva del due per cento a valere sugli stanziamenti previsti per le
finalita’ di cui alla legge 21 dicembre 2001, n. 443, da destinare a
progetti di intervento rivolti ad agevolare o promuovere la
conservazione o fruizione dei beni culturali e a favore delle
attivita’ culturali e dello spettacolo;
Visto l’art. 2, comma 102, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n.
262, convertito in legge, con modificazioni, dall’art. 1 della legge
24 novembre 2006, n. 286, sostituito dall’art. 2, comma 407, della
legge 24 dicembre 2007, n. 244, e dall’art. 1, comma 1135, della
legge 27 dicembre 2006, n. 296, e modificato dall’art. 4, comma 6 del
decreto-legge 3 giugno 2008, n. 97, convertito in legge, con
modificazioni, dall’art. 1, comma 1, legge 2 agosto 2008, n. 129,
secondo cui per l’anno 2007 e fino al 31 dicembre 2008, continuano ad
applicarsi le disposizioni di cui all’art. 3, comma 1, del
decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni,
dalla legge 31 marzo 2005, n. 43. Per l’anno 2007, continuano ad
applicarsi le disposizioni di cui all’art. 3, comma 2, del
decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni,
dalla legge 31 marzo 2005, n. 43;
Visti i commi 511 e 512 dell’art. 1 della legge 27 dicembre 2006,
n. 296 (legge finanziaria 2007), sulla base dei quali e’ stato
predisposto il cronoprogramma delle erogazioni finanziarie relativo
al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 4 marzo 2008;
Visto il decreto interministeriale del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro
dell’economia e delle finanze 4 marzo 2008, con il quale e’ stato
determinato l’ammontare dei contributi pluriennali da destinare alla
spesa per la tutela e gli interventi a favore dei beni e delle
attivita’ culturali;
Visto il decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali,
adottato di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti, 24 settembre 2008, n. 182, recante «Disciplina dei criteri
e delle modalita’ per l’utilizzo e la destinazione per la tutela e
gli interventi a favore dei beni e delle attivita’ culturali della
quota percentuale degli stanziamenti previsti per le infrastrutture»;
Considerato che la Societa’ per lo sviluppo dell’arte, della
cultura e dello spettacolo – ARCUS S.p.A. e’ individuata dall’art. 3,
comma 3, del citato decreto-legge n. 72 del 2004, quale soggetto
incaricato di realizzare il suddetto programma di interventi;
Visto l’atto di indirizzo del 13 gennaio 2009 del Ministro per i
beni e le attivita’ culturali adottato di concerto con il Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti indicante gli obiettivi di
prioritario interesse e i criteri per la selezione degli interventi,
ai sensi dell’art. 3, comma 2, lettera a), del decreto
interministeriale 24 settembre 2008, n. 182;
Vista la circolare n. 13 del 24 aprile 2009 dell’Ufficio di
gabinetto del Ministero per i beni e le attivita’ culturali con la
quale sono state fornite agli uffici competenti le indicazioni
procedurali e la tempistica relative alla presentazione delle
proposte da inserire nel programma degli interventi ammessi a
finanziamento;
Vista la nota prot. n. 15769 del 5 giugno 2009 con la quale il
Ministero dell’economia e delle finanze, ha comunicato di non avere
osservazioni circa l’autorizzazione all’utilizzo, da parte della
societa’ ARCUS S.p.A., dei contributi pluriennali per interventi
diretti alla conservazione o fruizione dei beni culturali e a favore
delle attivita’ culturali e dello spettacolo in attuazione dell’art.
60, comma 4, della legge n. 289/2002;
Vista la nota prot. n. 1872 del 16 luglio 2009 con la quale ARCUS
S.p.A. ha trasmesso le proposte di intervento, ai fini della
predisposizione del presente decreto interministeriale di
programmazione;
Vista la nota del direttore generale per l’organizzazione, gli
affari generali, l’innovazione, il bilancio e il personale prot. n.
12871 del 18 novembre 2009 con la quale e’ stato trasmesso lo schema
di decreto interministeriale concernente l’approvazione del programma
degli interventi relativi alla tutela, ai beni ed alle attivita’
culturali ed allo spettacolo da finanziare con le risorse individuate
ai sensi dell’art. 60, comma 4, della legge 27 dicembre 2002, n. 289,
per il triennio 2010-2012;
Vista la nota prot. n. 2012 del 22 settembre 2009 con la quale
ARCUS S.p.A. comunica che gli utili riportati a nuovo relativi agli
esercizi 2004, 2005, 2006, 2007, 2008 sono complessivamente pari a
€ 5.537.598,00, derivanti dalla gestione aziendale della S.p.A. al
netto della riserva legale prevista dallo statuto della Societa’,
art. 21, comma 1, nella misura del 5% degli utili generati;
Vista la nota prot. n. 10552 del 3 novembre 2009 del Ministero per
i beni e le attivita’ culturali – Direzione generale per
l’organizzazione, gli affari generali, l’innovazione, il bilancio e
il personale, relativa all’utilizzo degli utili della gestione di
ARCUS S.p.A. al netto della quota accantonata per la riserva di
legge;
Considerato che le risorse programmate mediante il presente decreto
per il triennio 2010-2012 ammontano complessivamente ad
€ 200.000.000,00;

Decreta:

Art. 1

1. E’ approvato il programma (allegato A), contenente l’indicazione
degli interventi relativi alla tutela, ai beni ed alle attivita’
culturali ed allo spettacolo per gli anni 2010, 2011, 2012 da
finanziare con le risorse individuate, ai sensi dell’art. 3, comma 1,
del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, convertito, con
modificazioni, dalla legge 21 maggio 2004, n. 128, nonche’ dell’art.
1, comma 1135, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e del citato
decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze del 4 marzo
2008, per un importo complessivo pari a € 200.000.000,00 (annualita’
2010 € 119.089.000,00 – annualita’ 2011 € 43.481.000,00 – annualita’
2012 € 37.430.000,00) e la relativa nota esplicativa (allegato B),
che costituiscono parte integrante del presente decreto.

Art. 2

1. Gli utili riportati a nuovo relativi agli esercizi 2004, 2005,
2006, 2007, 2008 complessivamente pari a € 5.537.598,00 derivanti
dalla gestione aziendale della ARCUS S.p.A., al netto della riserva
legale prevista dall’art. 21, comma 1, dello statuto della Societa’,
nella misura del cinque per cento degli utili generati, sono
destinati al finanziamento di interventi identificati con apposito
provvedimento dell’esercente i diritti dell’azionista.
Il presente decreto sara’ trasmesso agli organi di controllo.
Roma, 1° dicembre 2009

Il Ministro per i beni
e le attivita’ culturali
Bondi
Il Ministro delle infrastrutture
e dei trasporti
Matteoli
Registrato alla Corte dei conti il 30 dicembre 2009
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 7, foglio n. 241

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI – DECRETO 1 dicembre 2009

Chimici.info