MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 10 novembre 2011 | Chimici.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 10 novembre 2011

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 10 novembre 2011 - Misure per l'attuazione dello sportello unico per le attivita' produttive di cui all'articolo 38, comma 3-bis del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. (11A14851) - (GU n. 267 del 16-11-2011 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 10 novembre 2011

Misure per l’attuazione dello sportello unico per le attivita’
produttive di cui all’articolo 38, comma 3-bis del decreto-legge 25
giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6
agosto 2008, n. 133. (11A14851)

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

e

IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA

Visto l’art. 38, comma 3-bis del decreto legge 25 giugno 2008, n.
112 convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133,
recante «Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la
semplificazione, la competitivita’, la stabilizzazione della finanza
pubblica e la perequazione tributaria»;
Visto l’art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445 recante «Testo unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (Testo A)»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972,
n. 642 concernente la «Disciplina dell’imposta di bollo»;
Visto l’art. 19, commi 3 e 6-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241
concernente «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e
di diritto di accesso ai documenti amministrativi»;
Visto l’art. 6 del decreto del Presidente della Repubblica 11
febbraio 2005, n. 68 concernente «Regolamento recante disposizioni
per l’utilizzo della posta elettronica certificata, a norma dell’art.
27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3»;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante «Codice
dell’amministrazione digitale»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010,
n. 160 recante «Regolamento per la semplificazione ed il riordino
della disciplina sullo sportello unico per le attivita’ produttive ai
sensi dell’art. 38, comma 3 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112
convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133»;
Sentito il Ministro della pubblica amministrazione e l’innovazione;
Acquisito il parere facoltativo della Conferenza Unificata in data
27 ottobre 2011;

Decretano:

Art. 1

Modulistica

1. Ai sensi dell’art. 12, comma 4 e in attesa della completa
attuazione del comma 3 del decreto del Presidente della Repubblica 7
settembre 2010, n. 160 (di seguito «decreto»), in mancanza della
modulistica predisposta dallo sportello unico per le attivita’
produttive (da ora «SUAP») e dalle amministrazioni comunque coinvolte
nel procedimento, il soggetto interessato utilizza gli strumenti
messi a disposizione dal portale www.impresainungiorno.gov.it per il
territorio di competenza regionale, previa validazione adottata con
provvedimento del Ministero dello sviluppo economico, sentite le
amministrazioni statali e regionali per i procedimenti di rispettiva
competenza.
2. In caso di mancanza delle condizioni di cui al comma 1, il
soggetto interessato puo’ comunque presentare l’istanza o la
segnalazione con le modalita’ di cui all’art. 38 del decreto del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Art. 2

Sistema dei pagamenti

1. Per la completa realizzazione del sistema dei pagamenti ai sensi
dell’art. 3, comma 1, lettera d) del decreto, i Comuni e gli enti
coinvolti nei singoli procedimenti rendono disponibili sui propri
siti internet e sul sito del SUAP tramite appositi collegamenti
informatici l’elenco dei pagamenti da effettuarsi per ciascun
procedimento, le causali, le modalita’ di calcolo degli importi e gli
estremi dei propri conti correnti bancari e postali.
2. I SUAP possono rendere disponibili autonomi sistemi di pagamento
telematico che consentono all’interessato la liquidazione diretta,
verso le singole autorita’ competenti, degli oneri dovuti
contemporaneamente all’invio della segnalazione o dell’istanza
inviata in modalita’ telematica. In tal caso, le operazioni di
trasferimento degli importi sono assolte automaticamente dal sistema
di pagamento telematico.
3. Nelle more della realizzazione del sistema dei pagamenti di cui
ai commi 1 e 2, le ricevute degli avvenuti pagamenti per ciascun
procedimento sono allegate in modalita’ informatica all’istanza o
alla segnalazione.

Art. 3

Imposta di bollo

1. L’imposta di bollo si calcola con le modalita’ previste dal
decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642
avendo come riferimento la copia cartacea della modulistica da
inviare e come pubblicata sul sito del SUAP e sul portale
www.impresainungiorno.gov.it, nonche’ la copia cartacea del
provvedimento rilasciato dal SUAP.
2. Nell’ipotesi in cui il SUAP non disponga, ai sensi dell’art. 15
del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642,
dell’autorizzazione che consente il pagamento dell’imposta di bollo
in modo virtuale, il soggetto interessato provvede ad inserire nella
domanda i numeri identificativi delle marche da bollo utilizzate,
nonche’ ad annullare le stesse, conservandone gli originali.

Art. 4

Potere di rappresentanza

1. Le imprese che intendono avvalersi di soggetti terzi, per i
procedimenti ai sensi dell’art. 2 del decreto, possono ricorrere al
potere di rappresentanza di cui all’art. 38 del decreto del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Art. 5

Modalita’ di rilascio ed effetti della ricevuta

1. In attesa dell’adozione, da parte del SUAP, di strumenti che
consentano la verifica in modalita’ informatica della completezza
formale della segnalazione o dell’istanza e dei relativi allegati,
nonche’ di una ricevuta rilasciata automaticamente ai sensi delle
regole tecniche stabilite dal decreto, e’ valida la ricevuta di posta
elettronica certificata che attesta l’avvenuta consegna al SUAP della
segnalazione o dell’istanza, ai sensi dell’art. 6 del decreto del
Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, oppure la
ricevuta emessa in modalita’ automatica dal portale
www.impresainungiorno.gov.it o dal sito del SUAP tramite web browser,
previa identificazione informatica secondo le modalita’ previste
dall’art. 64 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.
2. Fatto salvo quanto previsto dall’art. 8, comma 3, l’attivita’ o
l’intervento possono essere iniziati dalla data di presentazione
della segnalazione certificata di inizio attivita’ con le modalita’
di cui al comma 1. Dalla data di emissione della ricevuta ai sensi
del comma 1 decorrono altresi’ i termini di cui all’art. 19, commi 3
e 6-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241.
3. Nel caso previsto dall’art. 5, comma 2 del decreto, la ricevuta
della comunicazione unica, che attesta l’avvenuta consegna della
segnalazione al SUAP, ha gli stessi effetti di quelli previsti dai
commi 1 e 2 del presente articolo.
4. Le modalita’ di rilascio della ricevuta di cui al comma 1 si
applicano anche alle istanze presentate ai sensi dell’art. 5, comma 8
e dell’art. 7 del decreto. Fatto salvo quanto previsto dall’art. 8,
comma 3, dalla data di emissione della ricevuta di avvenuta consegna
dell’istanza al SUAP decorrono altresi’ i termini per la conclusione
dei procedimenti di cui al presente comma, nonche’ quelli di cui
all’art. 5, comma 7 del decreto.

Art. 6

Attivita’ svolte in delega

1. Nei casi di delega alle Camere di commercio, industria,
artigianato e agricoltura, ai sensi dell’art. 4, comma 11 del
decreto, le attivita’ svolte dalle stesse e dai Comuni sono
individuate dallo schema di documento previsto dalla Convenzione
quadro di cui al richiamato articolo e pubblicato sul sito
www.impresainungiorno.gov.it.

Art. 7

Attivita’ del commissario ad acta

1. Al fine di superare eventuali difficolta’ che impediscono la
completa operativita’ del SUAP di cui all’art. 38, comma 3-bis del
decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni
dalla legge 6 agosto del 2008, n. 133, provvede un commissarioad acta
nominato ai sensi del medesimo articolo.
2. Nelle more della nomina del commissario di cui al comma 1 e
dell’adozione da parte dello stesso degli atti necessari ad
assicurare la messa a regime del funzionamento dei SUAP, nonche’ nel
caso in cui il commissario ad acta rilevi l’assenza nel territorio di
competenza di una infrastruttura di base che consenta
l’implementazione di un adeguato sistema di telecomunicazioni e
fonia, l’interessato puo’ presentare l’istanza o la segnalazione con
le modalita’ di cui all’art. 38 del decreto del Presidente della
Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Art. 8

Procedure d’emergenza e gestione di allegati voluminosi

1. Nel caso di mancato funzionamento degli strumenti o dei
dispositivi informatici, messi a disposizione degli utenti dai SUAP,
necessari alla predisposizione e all’inoltro al SUAP delle
segnalazioni o delle istanze e dei documenti che le accompagnano, per
un periodo superiore alle tre ore consecutive durante l’orario di
apertura degli uffici competenti, l’utente e’ autorizzato a
utilizzare le modalita’ di cui all’art. 38 del decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.
2. Nell’ipotesi di cui al precedente comma, entro cinque giorni dal
venir meno della causa che ha generato l’impedimento, l’utente e’
tenuto a provvedere all’invio telematico della copia informatica di
ogni documento analogico gia’ trasmesso, comunicando gli estremi del
protocollo gia’ assegnato o, in mancanza, gli estremi di tale
trasmissione. In tal caso, l’utente e’ esentato dal ripetere il
versamento di imposte e diritti o di ogni altra somma gia’ a tale
titolo corrisposta.
3. Qualora la segnalazione o l’istanza contengano allegati per la
cui trasmissione non sia utilizzabile il canale telematico, l’utente
puo’ presentare l’allegato specifico al SUAP competente
successivamente alla presentazione telematica della segnalazione o
dell’istanza, utilizzando un supporto informatico, firmato
digitalmente. In ogni caso, la presentazione e’ accompagnata da una
dichiarazione che illustra il motivo del mancato invio telematico,
utilizzando come riferimento il numero di protocollo attribuito alla
segnalazione o all’istanza dal sistema informatico. Il procedimento
e’ avviato solo quando tutta la documentazione e’ stata consegnata al
SUAP.
4. Sul portale www.impresainungiorno.gov.it sono pubblicate le
specifiche tecniche relative ai documenti di cui al comma 3.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 10 novembre 2011

Il Ministro
dello sviluppo economico
Romani

Il Ministro
per la semplificazione normativa
Calderoli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 10 novembre 2011

Chimici.info