MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 25 maggio 2011 | Chimici.info

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 25 maggio 2011

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 25 maggio 2011 - Criteri e parametri riconosciuti, anche in ambito internazionale, per la valutazione preliminare dei candidati destinatari dei contratti di cui all'articolo 24, della legge n. 240/2010. (Decreto n. 243/2011). (11A12322) - (GU n. 220 del 21-9-2011 )

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 25 maggio 2011

Criteri e parametri riconosciuti, anche in ambito internazionale, per
la valutazione preliminare dei candidati destinatari dei contratti di
cui all’articolo 24, della legge n. 240/2010. (Decreto n. 243/2011).
(11A12322)

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE,
DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modificazioni;
Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121;
Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante «Norme in materia
di organizzazione delle universita’, di personale accademico e
reclutamento, nonche’ delega al Governo per incentivare la qualita’ e
l’efficienza del sistema universitario»;
Visto in particolare, l’art. 24, comma 2, lettera c), della legge
30 dicembre 2010, n. 240, il quale dispone che con apposito decreto
del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca,
sentiti l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario
e della ricerca ed il Consiglio universitario nazionale, sono
stabiliti i criteri e parametri, riconosciuti anche in ambito
internazionale, per la valutazione preliminare dei candidati, da
utilizzare nelle procedure pubbliche di selezione dei destinatari di
contratti di cui al medesimo articolo;
Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, e successive modificazioni;
Visto l’art. 5, comma 9, della legge 24 dicembre 1993, n. 537;
Acquisito il parere del Consiglio universitario nazionale, espresso
nell’adunanza del 21 aprile 2011;
Acquisito il parere dell’Agenzia nazionale di valutazione del
sistema universitario e della ricerca, espresso nella riunione del 9
maggio 2011;

Decreta:

Art. 1

Oggetto

1. Il presente decreto individua criteri e parametri per la
valutazione preliminare dei candidati di procedure pubbliche di
selezione dei destinatari di contratti di cui all’art. 24 della legge
30 dicembre 2010, n. 240.

Art. 2

Valutazione dei titoli e del curriculum

1. Le commissioni giudicatrici delle procedure di cui all’art. 1
effettuano una motivata valutazione seguita da una valutazione
comparativa, facendo riferimento allo specifico settore concorsuale e
all’eventuale profilo definito esclusivamente tramite indicazione di
uno o piu’ settori scientifico-disciplinari, del curriculum e dei
seguenti titoli, debitamente documentati, dei candidati:
a) dottorato di ricerca di ricerca o equipollenti, ovvero, per i
settori interessati, il diploma di specializzazione medica o
equivalente, conseguito in Italia o all’estero;
b) eventuale attivita’ didattica a livello universitario in Italia
o all’estero;
c) documentata attivita’ di formazione o di ricerca presso
qualificati istituti italiani o stranieri;
d) documentata attivita’ in campo clinico relativamente ai settori
concorsuali nei quali sono richieste tali specifiche competenze;
e) realizzazione di attivita’ progettuale relativamente ai settori
concorsuali nei quali e’ prevista;
f) organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca
nazionali e internazionali, o partecipazione agli stessi;
g) titolarita’ di brevetti relativamente ai settori concorsuali nei
quali e’ prevista;
h) relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali;
i) premi e riconoscimenti nazionali e internazionali per attivita’
di ricerca;
j) diploma di specializzazione europea riconosciuto da Board
internazionali, relativamente a quei settori concorsuali nei quali e’
prevista.
2. La valutazione di ciascun titolo indicato dal comma 1 e’
effettuata considerando specificamente la significativita’ che esso
assume in ordine alla qualita’ e quantita’ dell’attivita’ di ricerca
svolta dal singolo candidato.

Art. 3

Valutazione della produzione scientifica

1. Le commissioni giudicatrici, nell’effettuare la valutazione
preliminare comparativa dei candidati, prendono in considerazione
esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per la pubblicazione
secondo le norme vigenti nonche’ saggi inseriti in opere collettanee
e articoli editi su riviste in formato cartaceo o digitale con
l’esclusione di note interne o rapporti dipartimentali. La tesi di
dottorato o dei titoli equipollenti sono presi in considerazione
anche in assenza delle condizioni di cui al presente comma.
2. Le commissioni giudicatrici effettuano la valutazione
comparativa delle pubblicazioni di cui al comma 1 sulla base dei
seguenti criteri:
a) originalita’, innovativita’, rigore metodologico e rilevanza di
ciascuna pubblicazione scientifica;
b) congruenza di ciascuna pubblicazione con il settore concorsuale
per il quale e’ bandita la procedura e con l’eventuale profilo,
definito esclusivamente tramite indicazione di uno o piu’ settori
scientifico-disciplinari, ovvero con tematiche interdisciplinari ad
essi correlate;
c) rilevanza scientifica della collocazione editoriale di ciascuna
pubblicazione e sua diffusione all’interno della comunita’
scientifica;
d) determinazione analitica, anche sulla base di criteri
riconosciuti nella comunita’ scientifica internazionale di
riferimento, dell’apporto individuale del candidato nel caso di
partecipazione del medesimo a lavori in collaborazione.
3. Le commissioni giudicatrici di cui al comma 1 devono altresi’
valutare la consistenza complessiva della produzione scientifica del
candidato, l’intensita’ e la continuita’ temporale della stessa,
fatti salvi i periodi, adeguatamente documentati, di allontanamento
non volontario dall’attivita’ di ricerca, con particolare riferimento
alle funzioni genitoriali.
4. Nell’ambito dei settori concorsuali in cui ne e’ consolidato
l’uso a livello internazionale le commissioni, nel valutare le
pubblicazioni, si avvalgono anche dei seguenti indicatori, riferiti
alla data di scadenza dei termini delle candidature:
a) numero totale delle citazioni;
b) numero medio di citazioni per pubblicazione;
c) «impact factor» totale;
d) «impact factor» medio per pubblicazione;
e) combinazioni dei precedenti parametri atte a valorizzare
l’impatto della produzione scientifica del candidato (indice di
Hirsch o simili).
Il presente decreto e’ trasmesso alla Corte dei conti e pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 25 maggio 2011

Il Ministro: Gelmini

Registrato alla Corte dei conti il 26 luglio 2011
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 10, foglio n. 146

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 25 maggio 2011

Chimici.info