MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 23 aprile 2012 | Chimici.info

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 23 aprile 2012

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 23 aprile 2012 - Recepimento dell'Accordo sancito nella seduta della Conferenza Stato Regioni del 19 gennaio 2012, tra il Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano riguardante l'integrazione del Repertorio delle figure professionali di riferimento nazionale, approvato con l'Accordo in Conferenza Stato-Regioni del 27 luglio 2011. (Repertorio atti n. 21/CSR). (12A08474) - (GU n. 177 del 31-7-2012 )

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 23 aprile 2012

Recepimento dell’Accordo sancito nella seduta della Conferenza Stato
Regioni del 19 gennaio 2012, tra il Ministro dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle
politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e
Bolzano riguardante l’integrazione del Repertorio delle figure
professionali di riferimento nazionale, approvato con l’Accordo in
Conferenza Stato-Regioni del 27 luglio 2011. (Repertorio atti n.
21/CSR). (12A08474)

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE,
DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

di concerto con

IL MINISTRO DEL LAVORO
E DELLE POLITICHE SOCIALI

Visto il decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 76 recante
“Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all’istruzione e
alla formazione, a norma dell’articolo 2, comma 1, lettera c), della
legge 28 marzo 2003, n. 53”;
Visto il decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, e successive
modificazioni, recante “Definizione delle norme generali e dei
livelli essenziali delle prestazioni sul secondo ciclo del sistema
educativo di istruzione e formazione ai sensi della legge 28 marzo
2003, n. 53”, con particolare riferimento al Capo III;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n.
87, Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti
professionali ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge
25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;
Visto l’Accordo in sede di Conferenza Stato-Regioni 29 aprile 2010,
repertorio atti n. 36/CSR, riguardante il primo anno di attuazione
2010-2011 dei percorsi di istruzione e formazione professionale a
norma dell’articolo 27, comma 2 del decreto legislativo 17 ottobre
2005, n. 226, recepito con Decreto del Ministro dell’Istruzione,
dell’Universita’ e della Ricerca di concerto con il Ministro del
Lavoro e delle Politiche Sociali 15 giugno 2010;
Vista l’Intesa in sede di Conferenza unificata 16 dicembre 2010,
repertorio atti n. 129/CU, riguardante l’adozione di linee guida per
realizzare organici raccordi tra i percorsi degli istituti
professionali e i percorsi di istruzione e formazione professionale,
a norma dell’articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31
gennaio 2007, n. 7 convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40,
adottate con Decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e
della Ricerca n. 4 del 18 gennaio 2011;
Visto l’Accordo in sede di Conferenza Stato-Regioni 27 luglio 2011,
repertorio atti n. 137/CSR, riguardante gli atti necessari per il
passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di istruzione e formazione
professionale di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226
recepito con Decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e
della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro e delle
Politiche Sociali 11 novembre 2011;
Visto l’Accordo in Conferenza unificata 27 luglio 2011, repertorio
n. 66/CU, riguardante la definizione delle aree professionali
relative alle figure nazionali di riferimento dei percorsi di
Istruzione e Formazione Professionale di cui al decreto legislativo
17 ottobre 2005, n. 226;
Visto l’Accordo in sede di Conferenza Stato-Regioni 19 gennaio
2012, repertorio atti n. 21 /CSR,
riguardante l’integrazione del Repertorio delle figure
professionali di riferimento nazionale approvato con Accordo in
Conferenza Stato-Regioni del 27 luglio 2011

Decretano

Articolo unico

Con il presente decreto e’ recepito l’Accordo in sede di Conferenza
Stato-Regioni del 19 gennaio 2012, repertorio atti n. 21/CSR,
riguardante l’integrazione del Repertorio delle figure professionali
di riferimento nazionale approvato con l’Accordo in Conferenza
Stato-Regioni del 27 luglio 2011, unitamente ai relativi allegati che
ne fanno parte integrante.
Roma, 23 aprile 2012

Il Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca Profumo
Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Fornero

Allegato

Accordo tra il Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le
Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano riguardante
l’integrazione del Repertorio delle figure professionali di
riferimento nazionale approvato con l’Accordo in Conferenza
Stato-Regioni del 27 luglio 2011.

Accordo, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, del decreto legislativo
28 agosto 1997, n. 281.
Repertorio atti n.21/CSR del 19 gennaio 2012

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE
PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Nell’odierna seduta del 19 gennaio 2012:
Visto l’articolo 2, comma 1, lettera b), e l’articolo 4, comma 1,
del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
Visto il decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 76, recante:
“Definizione delle norme generali sul diritto – dovere all’istruzione
e alla formazione, a norma dell’articolo 2, comma 1, lettera c),
della legge 28 marzo 2003, n. 53”;
Visto il decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, articolo
27, comma 2;
Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 622,
che prevede l’innalzamento a 10 anni dell’obbligo di istruzione, come
modificata all’articolo 64, comma 4 bis, del decreto legge 25 giugno
2008, n. 112, convertito con modificazioni in legge 6 agosto 2008, n.
133;
Visto il decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con
modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, contenente,
all’articolo 13, disposizioni urgenti in materia di istruzione
tecnico- professionale e di valorizzazione dell’autonomia scolastica,
con particolare riferimento al comma 1- quinquies;
Visto il regolamento, emanato con decreto del Ministro della
pubblica istruzione 22 agosto 2007, n. 139, recante norme in materia
di adempimento dell’obbligo di istruzione che prevede, tra l’altro,
“l’equivalenza formativa di tutti i percorsi, nel rispetto
dell’identita’ dell’offerta formativa e degli obiettivi che
caratterizzano i curricoli dei diversi ordini, tipi e indirizzi di
studio”;
Vista l’Intesa in Conferenza Stato-Regioni 20 marzo 2008, tra
Ministero dei lavoro e della previdenza sociale, Ministero della
pubblica istruzione e Ministero dell’universita’ e della ricerca, le
Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, per la
definizione degli standard minimi del nuovo sistema di accreditamento
delle strutture formative per la qualita’ dei servizi;
Visto il decreto- legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, in Legge 6 agosto 2008, n. 133, articolo 64, comma
4-bis, che modifica il comma 622, articolo 1, della legge 27 dicembre
2006, n. 296, prevedendo l’assolvimento del nuovo obbligo di
istruzione anche nei percorsi di istruzione e formazione
professionale, di cui al Capo III, del decreto legislativo 17 ottobre
2005, n. 226;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010,
n. 87, “Regolamento recante norme concernenti il riordino degli
istituti professionali ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del
decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto
2008, n. 133”;
Visto in particolare, l’articolo 8, comma 5, del predetto D.P.R.
n. 87/2010 il quale ha previsto la possibilita’ di erogare percorsi
di qualifica in regime surrogatorio, fino all’emanazione delle Linee
guida di cui all’articolo 13, comma 1,quinquies del decreto-legge 31
gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40;
Visto l’accordo sancito da questa Conferenza il 29 aprile 2010
riguardante il primo anno di attuazione 2010-2011 dei percorsi di
istruzione e formazione professionale a norma dell’articolo 27, comma
2, del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, recepito con
decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della
Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche
Sociali 15 giugno 2010;
Vista l’intesa sancita dalla Conferenza Unificata il 16 dicembre
2010, riguardante l’adozione di “Linee Guida per realizzare organici
raccordi tra i percorsi degli istituti professionali e i percorsi di
istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 13,
comma 1-quinquies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7,
convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40”, recepite con decreto
del Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca n. 4
del 18 gennaio 2011;
Considerato che la conclusione del regime surrogatorio prevista
al Capo VII, punto n. 2, delle predette Linee Guida dall’anno
scolastico 2011/12, ha determinato dei vuoti formativi rispetto al
precedente assetto ordinamentale, in particolare per quanto riguarda
le previgenti qualifiche professionali statali di “Operatore del
mare” e di “Massofisioterapista”, per la cui risoluzione il
Coordinamento tecnico della IX Commissione della Conferenza delle
Regioni ha manifestato la disponibilita’ ad avviare le procedure
volte ad integrare .il repertorio delle figure di cui al citato
accordo 29 aprile 2010;
Visto lo schema di Accordo recante “l’integrazione del Repertorio
delle figure professionali di riferimento nazionale approvato con
l’Accordo in Conferenza Stato-Regioni del 29 aprile 2010″ inviato dal
Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca con nota
del 24 giugno 2011 e diramato in data 28 giugno 2011 alle Regioni ed
alle Province autonome;
Preso atto che lo schema di Accordo di cui sopra, iscritto
all’ordine del giorno della seduta del 27 luglio 2011” e’ stato
oggetto di rinvio a successiva seduta;
Visto l’Accordo sancito da questa Conferenza il 27 luglio 2011,
repertorio n. 137/CSR, riguardante gli atti necessari per il
passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di istruzione e formazione
professionale di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n 226,
con particolare riferimento agli allegati 1 e 2 relativi
rispettivamente al Format descrittivo delle figure di riferimento e
alle relative qualifiche professionali di cui al Repertorio nazionale
dell’offerta di istruzione e formazione professionale;
Visto l’Accordo sancito dalla Conferenza Unificata il 27 luglio
2011, repertorio n. 66/CU, riguardante la definizione delle aree
professionali relative alle figure nazionali di riferimento dei
percorsi di istruzione e formazione professionale di cui al decreto
legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;
Ritenuto, pertanto, di dover riformulare lo schema di Accordo
rinviato nella seduta del 27 luglio 2011 per tenere conto di quanto
innovato nel Repertorio con il citato Accordo repertorio n. 137/CSR,
approvato nella medesima seduta del 27 luglio 2011;
Vista la proposta di Accordo recante “l’integrazione del
Repertorio delle figure professionali di riferimento nazionale
approvato con l’Accordo in Conferenza Stato – Regioni del 27 luglio
2011”, inviata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e
della Ricerca, con nota del 12 gennaio 2012, e diramata in pari data,
corredata degli allegati 1, 2, 3 e 4, che ne costituiscono parte
integrante;
Vista la nota del 13 gennaio 2012 con la quale il Coordinamento
tecnico interregionale della Regione Toscana, in materia di
istruzione, lavoro innovazione e ricerca, ha espresso l’avviso
tecnico favorevole sullo schema di accordo in argomento;
Considerato che, nel corso dell’odierna seduta, le Regioni hanno
espresso avviso favorevole al perfezionamento dell’accordo con la
richiesta di aggiungere al punto 6 la seguente specificazione: “I
lavori per l’aggiornamento del Repertorio delle relative figure e
standard si avvieranno nell’anno 2012”;
Considerato che il Governo ha dichiarato di accogliere il
suddetto emendamento;
Acquisito, nel corso dell’odierna seduta di questa Conferenza,
l’assenso del Governo, delle Regioni, delle Province autonome di
Trento e di Bolzano;

SANCISCE IL SEGUENTE ACCORDO

tra il Ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della
Ricerca, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni
e le Province Autonome di Trento e di Bolzano:
1. Il repertorio delle figure nazionali di riferimento relative
alle qualifiche professionali, approvato con l’Accordo del 27 luglio
2011 – allegato 2 – e’ integrato con l’inserimento dell’ulteriore
figura di “Operatore del mare e delle acque interne” ed e’ modificato
con la ridefinizione della figura di “Operatore del benessere”. Le
restanti figure e le relative competenze tecnico-professionali
restano invariate.
2. La figura di “Operatore del benessere” e i relativi standard
minimi delle competenze tecnico- professionali sono contenuti
nell’allegato 1, che fa parte integrante e sostanziale del presente
Accordo, e sostituiscono le corrispondenti descrizioni contenute
nell’allegato 2 del citato Accordo 27 luglio 2011.
3. La figura di “Operatore del mare e delle acque interne” e i
relativi standard minimi delle competenze tecnico-professionali sono
contenuti nell’allegato 2, che fa parte integrante e sostanziale del
presente Accordo, e costituisce integrazione all’allegato 2 del
citato Accordo 27 luglio 2011.
4. Le figure di cui sopra fanno riferimento, inoltre, alle
competenze di base di cui all’allegato n. 4 dell’Accordo in
Conferenza Stato-Regioni del 27 luglio 2011 ed alle competenze
tecnico- professionali comuni a tutte le figure di cui all’allegato 3
dell’Accordo in Conferenza Stato-Regioni del 29 aprile 2010.
5. I percorsi per il conseguimento delle qualifiche di cui alle
due figure professionali oggetto del presente Accordo possono essere
realizzati anche dagli Istituti Professionali di Stato, se richiesto
dalle Regioni in regime di sussidiarieta’, secondo le modalita’ gia’
fissate dalle Linee Guida di cui all’articolo 13, comma 1-quinquies
del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2
aprile 2007, n. 40, adottate con decreto del Ministro
dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca n. 4 del 18 gennaio
2011, nel limite della dotazione organica complessiva del personale
statale, definita sulla base della normativa vigente e delle
previsioni del Piano programmatico di cui all’articolo 64, comma 4,
della legge n. 133/2008 e dei conseguenti regolamenti attuativi.
A tal fine:
a) la figura di “Operatore del mare e delle acque interne” fa
riferimento agli indirizzi quinquennali degli Istituti Professionali
di “Produzioni industriali e artigianali” e di “Manutenzione e
assistenza tecnica”;
b) la Tabella n. 2, allegato “A/14” delle citate Linee Guida deve
intendersi riformulata come da allegato n. 3 del presente Accordo, di
cui fa parte integrante e sostanziale;
c) alla Tabella n. 2 delle citate Linee Guida, e’ inserito il
nuovo allegato “A/22″ di cui all’allegato n. 4 del presente Accordo,
di cui fa parte integrante e sostanziale.
6. A conferma ed integrazione di quanto gia’ condiviso con
l’Accordo in Conferenza Stato-Regioni del 27 luglio 2011, il
Repertorio nazionale, le figure nazionali di riferimento che lo
costituiscono ed i relativi standard minimi formativi delle
competenze tecnico-professionali specifiche sono aggiornati con
cadenza triennale, anche con riferimento agli esiti del monitoraggio
e delle valutazioni di sistema previste anche dall’Accordo in sede di
Conferenza Stato-Regioni sottoscritto, in data 29 aprile 2010,
nonche’ in esito alle risultanze del monitoraggio previsto al punto 6
dall’Accordo del 16 dicembre 2010, sottoscritto in Conferenza
Unificata, riguardante l’adozione delle linee guida innanzi citate.
Pertanto, il tavolo interistituzionale previsto nell’allegato 1,
lett. D), punto 2, del citato Accordo del 27 luglio 2011 e’ integrato
anche dalla presenza del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
I lavori per l’aggiornamento del Repertorio delle relative figure
e standard si avvieranno nell’anno 2012”.
7. Le Regioni a Statuto speciale e le Province Autonome di Trento
e di Bolzano provvedono alle finalita’ del presente Accordo
nell’ambito delle competenze ad esse spettanti ai sensi dello Statuto
speciale, delle relative norme di attuazione e secondo quanto
disposto dai rispettivi ordinamenti.
8. Il presente Accordo viene recepito con decreto del Ministro
dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, di concerto con il
Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il Presidente: Gnudi
Il Segretario: Siniscalchi

Allegato 1

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 2

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 3

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 4

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 23 aprile 2012

Chimici.info