MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA | Chimici.info

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 18 marzo 2005: Modificazioni agli allegati B e D al decreto ministeriale 4 ottobre 2000, concernente rideterminazione e aggiornamento dei settori scientifico-disciplinari e definizione delle relative declaratorie. (GU n. 78 del 5-4-2005)

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 18 marzo 2005

Modificazioni agli allegati B e D al decreto ministeriale 4 ottobre
2000, concernente rideterminazione e aggiornamento dei settori
scientifico-disciplinari e definizione delle relative declaratorie.

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA
Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127 ed, in particolare, i commi
99 e 102 dell’art. 17;
Visti i decreti ministeriali 23 dicembre 1999 e 26 giugno 2000,
concernenti la riderminazione dei settori scientifico-disciplinari;
Visto il decreto ministeriale 4 ottobre 2000 e, in particolare,
l’allegato B, recante le declaratorie dei predetti settori e
l’allegato D, concernente le affinita’ tra gli stessi, ai soli fini
della costituzione delle commissioni giudicatrici per le valutazioni
comparative di cui all’art. 3 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 117/2000;
Visto il parere generale n. 107 espresso dal C.U.N. nelle adunanze
del 16 e 17 novembre 2004;
Ravvisata l’opportunita’ di accogliere la suddetta proposta;
Decreta:
Art. 1.
Gli allegati B e D al decreto ministeriale 4 ottobre 2000, citati
nelle premesse, sono parzialmente rettificati secondo le modalita’
appresso indicate:
Allegato B:
Le declaratorie dei settori scientifico-disciplinari FIS/06,
GEO/08, BIO/05, BIO/06, BIO/17, BIO/18, MED/03, MED/38, MED/49,
AGR/16, VET/02, ICAR/13, L-FIL-LET/01, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/03,
L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-FILLET/06, L-FIL-LET/07, L-FIL-LET/08,
LFILLET/09, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FILLET/12, L-FIL-LET/13,
L-FIL-LET/14, L-FILLET/15, L-LIN/04, L-LIN/12, L-LIN/14, IUS/01,
IUS/11, IUS/15, IUS/20, SPS/04 e SPS/12 sono sostituite con le
seguenti declaratorie:
FIS/06 – Fisica per il sistema terra e per il mezzo circumterrestre.
Comprende le competenze necessarie alla definizione e al
perfezionamento di metodologie fisiche e fisico-matematiche per lo
studio della Terra solida e della Terra fluida e delle loro
interazioni dinamiche, compresi i processi fisici di diffusione e
turbolenza, del mezzo circumterrestre (incluse atmosfera,
magnetosfera), delle interazioni tra sistema Terra e sistema solare e
della fisica del sistema climatico terrestre. Comprende anche le
competenze atte alla progettazione, sviluppo e perfezionamento delle
strumentazioni per le indagini sui macrosistemi terrestri e
circumterrestri, nonche’ le competenze necessarie al perfezionamento
e allo sviluppo delle metodiche di raccolta, trattazione e specifica
interpretazione dei dati e della loro descrizione teorico-matematica.
GEO/08 – Geochimica e vulcanologia.
La geochimica studia la genesi, la distribuzione e il comportamento
degli elementi e dei nuclidi in natura e le loro applicazioni nelle
scienze della Terra, utilizzando i metodi della chimica e della
chimica-fisica. La vulcanologia studia ed interpreta le strutture
vulcaniche sia in relazione all’origine e alla natura dei magmi che
in funzione delle dinamiche di eruzione, di trasporto e di
deposizione dei prodotti. Le competenze del settore, basate su
approcci sperimentali e modellistici, sono essenziali nella
comprensione e nella definizione geocronologica dei processi
evolutivi della Terra solida, dell’idrosfera, dell’atmosfera e della
biosfera. L’applicazione degli approcci geochimici e vulcanologici e’
determinante nella pianificazione dello sfruttamento delle risorse
strategiche naturali, compresa l’energia geotermica, nel controllo e
nella quantificazione dei processi di inquinamento dei suoli,
dell’acqua e dell’aria e della mitigazione dei rischi naturali. Il
settore cura anche l’educazione scientifica e la didattica delle
geoscienze.
BIO/05 – Zoologia.
Il settore si occupa dello studio dei protozoi, dei metazoi, della
loro evoluzione e biodiversita’, ai vari livelli di organizzazione
cellulare, organismica, di popolazione, specie e comunita’. Le
ricerche, di tipo teorico sperimentale, condotte sul campo e in
laboratorio, indagano sulla organizzazione morfo-funzionale,
riproduzione, morfogenesi e sviluppo, sistemi di difesa interni,
ecofisiologia, comportamento, interazioni intra – ed interspecifiche
e con l’ambiente, biogeografia, sistematica e filogenesi degli
animali a vita libera e parassitaria. La zoologia, scienza che
caratterizza il settore, costituisce una disciplina di base nel campo
delle scienze della vita, anche in riferimento alla biologia
generale, alla museologia naturalistica e all’educazione ambientale.
Le discipline del settore presentano rilevanza applicativa nel campo
della valutazione, conservazione e gestione della biodiversita’
animale; della caratterizzazione delle popolazioni in rapporto a
interventi di introduzione, reintroduzione, ripopolamento e alla
valutazione del loro impatto ambientale.
BIO/06 – Anatomia comparata e citologia.
Le discipline comprese nel settore rappresentano un insieme
integrato di competenze che affronta il problema della forma in
biologia animale, ai suoi vari livelli di organizzazione e nella
duplice prospettiva strutturale ed embriologico-evoluzionistica. Dal
punto di vista strutturale vengono approfondite le fondamentali
correlazioni fra i livelli molecolare, cellulare, tissutale e
organologico, con l’impiego di tecniche avanzate: microscopiche,
citochimiche, immunoistochimiche, cariologiche, citotossicologiche,
compresi i possibili aspetti applicativi delle biotecnologie e delle
modificazioni determinate dalle alterazioni ambientali. Dal punto di
vista embriologico-evoluzionistico si studiano le relazioni fra
filogenesi e morfogenesi, per individuare ai vari livelli, anche con
un approccio comparativo, l’interconnessione fra struttura, funzione
e adattamento, in vari processi quali la riproduzione, lo sviluppo,
l’integrazione endocrina e neurale, la difesa immunitaria. Il settore
comprende come discipline caratterizzanti l’anatomia comparata, la
biologia cellulare la biologia dello sviluppo e la biologia evolutiva
dei vertebrati, la citologia ed istologia animale.
BIO/17 – Istologia.
L’istologia studia la proliferazione cellulare, il
differenziamento, la struttura dei vari tipi di cellule costituenti i
tessuti dell’organismo umano e delle componenti extra cellulari, il
rinnovamento, la riparazione tessutale, l’embriologia dell’uomo e i
relativi meccanismi di regolazione e le loro alterazioni. Si avvale
di procedimenti metodologici, anche a livello istochimico e di
citologia molecolare, atti allo studio delle strutture cellulari e
subcellulari, della loro genesi e delle loro correlazioni funzionali
per affrontare a livello cellulare ultrastrutturale quesiti
scientifici specifici.
BIO/18 – Genetica.
Il settore studia le modalita’ di trasmissione, modificazione ed
espressione dei caratteri ereditari, inclusi i caratteri complessi, a
livello di cellule procariotiche ed eucariotiche, di individui, e di
popolazioni. Definisce e analizza la struttura del materiale genetico
e i suoi livelli di organizzazione in sistemi microbici, vegetali e
animali, incluso l’uomo. Studia la struttura e l’evoluzione dei geni
e dei genomi, la regolazione, della espressione genica, i meccanismi
di mutagenesi e riparazione del materiale genetico. Si occupa inoltre
della dissezione genetica e delle manipolazioni del materiale
ereditario impiegate ai fini della comprensione di fenomeni
biologici. Investiga le basi genetiche e molecolari dell’evoluzione,
dello sviluppo, della risposta immunitaria e della cancerogenesi, le
app1icazioni pratiche della genetica e delle tecnologie molecolari da
essa derivate, quali l’ingegneria genetica.
MED/03 – Genetica medica.
Il settore si interessa dell’attivita’ scientifica,
didattico-formativa ed assistenziate nel campo delle malattie
genetiche, degli aspetti diagnostico-clinici ad esse correlati
compresa la consulenza genetica ed i test genetici, del genoma umano,
e dei meccanismi responsabili di malattie genetiche o con componente
genetica.
MED/38 – Pediatria generale e specialistica.
Il settore si interessa dell’attivita’ scientifica e
didattico-formativa, nonche’ dell’attivita’ assistenziale a essa
congrua nel campo della fisiopatologia, della semeiotica medica
funzionale e strumentale e della metodologia clinica della terapia
nell’eta’ evolutiva con specifica competenza nella pediatria
preventiva e sociale, nelle patologie pediatriche generali e
specialistiche di interesse medico dal neonato all’adolescente
compreso e negli aspetti pediatrici delle attivita’ motorie e della
medicina di comunita’ in eta’ pediatrica.
MED/49 – Scienze tecniche dietetiche applicate.
Il settore si interessa dell’attivita’ scientifica e
didattico-formativa, nonche’ dell’attivita’ assistenziale a essa
congrua nel campo delle scienze dell’alimentazione e delle tecniche
dietetiche; sono campi di competenza le tematiche di ricerca inerenti
l’alimentazione umana, i principi generali di dietetica e di
fisiopatologia endocrino-metabolica applicati alla dietetica e la
metodologia ed organizzazione della professione.
AGR/16 – Microbiologia agraria.
Il settore raccoglie i temi di ricerca inerenti fisiologia,
genetica, caratterizzazione, utilizzazione e controllo dei
microorganismi degli ecosistemi …

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Chimici.info