MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 6 marzo 2008 | Chimici.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 6 marzo 2008

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 6 marzo 2008 - Approvazione degli studi di settore relativi ad attivita' economiche nel settore commercio. (GU n. 76 del 31-3-2008 - Suppl. Straordinario)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 6 marzo 2008
Approvazione degli studi di settore relativi ad attivita’ economiche
nel settore commercio.

IL VICE MINISTRO
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973,
n. 600, recante disposizioni comuni in materia di accertamento delle
imposte sui redditi;
Visto il testo unico delle imposte sui redditi, approvato con
decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e
successive modificazioni;
Visto l’art. 62-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331,
convertito con modificazioni dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, il
quale prevede che gli uffici del Dipartimento delle entrate del
Ministero delle finanze elaborino, in relazione ai vari settori
economici, appositi studi di settore;
Visto il medesimo art. 62-bis del citato decreto-legge n. 331 del
1993, che prevede che gli studi di settore siano approvati con
decreto del Ministro delle finanze;
Visto l’art. 10 della legge 8 maggio 1998, n. 146, e successive
modificazioni, che individua le modalita’ di utilizzazione degli
studi di settore in sede di accertamento nonche’ le cause di
esclusione dall’applicazione degli stessi;
Visto l’art. 10-bis della legge 8 maggio 1998, n. 146, introdotto
dal comma 13 dell’art. 1 della legge n. 296 del 27 dicembre 2006,
concernente le modalita’ di revisione ed aggiornamento degli studi di
settore;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1999, n.
195, recante disposizioni concernenti i tempi e le modalita’ di
applicazione degli studi di settore;
Considerato che, a seguito delle analisi e delle valutazioni
effettuate allo stato, sulla base dei dati in possesso
dell’Amministrazione finanziaria, sono emerse cause di non
applicabilita’ degli studi di settore;
Visto il decreto del Ministro delle finanze 10 novembre 1998, che
ha istituito la Commissione di esperti prevista dall’art. 10,
comma 7, della legge n. 146 del 1998, integrata e modificata con
successivi decreti del 5 febbraio 1999, del 24 ottobre 2000, del
2 agosto 2002 e del 14 luglio 2004;
Visto l’art. 23 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, che
ha trasferito le funzioni dei Ministeri del bilancio, del tesoro e
della programmazione economica e delle finanze al Ministero
dell’economia e delle finanze;
Visto l’art. 57 del medesimo decreto legislativo n. 300 del 1999,
che ha istituito le Agenzie fiscali;
Visto il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate
5 maggio 2006, concernente l’approvazione dei modelli per la
comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli
studi di settore relativi alle attivita’ economiche del commercio;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 giugno 2006, con
l’unita delega di funzioni, registrato alla Corte dei conti il
13 giugno 2006 Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio dei
Ministri, registro n. 7, foglio n. 397, concernente l’attribuzione
all’on. prof. Vincenzo Visco del titolo di Vice Ministro presso il
Ministero dell’economia e delle finanze;
Visto il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate
16 novembre 2007, concernente l’approvazione della tabella di
classificazione delle attivita’ economiche;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze
11 febbraio 2008, concernenti la semplificazione degli adempimenti
per l’applicazione degli studi di settore ai contribuenti che
esercitano due o piu’ attivita’ d’impresa ovvero una o piu’ attivita’
in diverse unita’ di produzione o di vendita;
Acquisito il parere della predetta Commissione di esperti in data
31 gennaio 2008;
Decreta:

Art. 1.
Approvazione degli studi di settore
1. Sono approvate, in base all’art. 62-bis del decreto-legge
30 agosto 1993, n. 331, convertito con modificazioni dalla legge
29 ottobre 1993, n. 427, le evoluzioni degli studi di settore
relativi alle seguenti attivita’ economiche nel settore del
commercio:
a) studio di settore TM41U (che sostituisce lo studio SM41U) –
Commercio all’ingrosso di computer, apparecchiature informatiche
periferiche e di software, codice attivita’ 46.51.00; Commercio
all’ingrosso di mobili per ufficio e negozi, codice attivita’
46.65.00; Commercio all’ingrosso di altre macchine e attrezzature per
ufficio, codice attivita’ 46.66.00;
b) studio di settore TM80U (che sostituisce lo studio di settore
SM80U) – Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione,
codice di attivita’ 47.30.00;
c) studio di settore TM82U (che sostituisce lo studio di settore
SM82U) – Commercio all’ingrosso di minerali metalliferi, di metalli
ferrosi e prodotti semilavorati, codice attivita’ 46.72.10; Commercio
all’ingrosso di metalli non ferrosi e prodotti semilavorati, codice
attivita’ 46.72.20;
d) studio di settore TM83U (che sostituisce lo studio di settore
SM83U) – Commercio all’ingrosso di fertilizzanti e di altri prodotti
chimici per l’agricoltura, codice attivita’ 46.75.01; Commercio
all’ingrosso di prodotti chimici per l’industria, codice attivita’
46.75.02; Commercio all’ingrosso di gomma greggia, materie plastiche
in forme primarie e semilavorati, codice attivita’ 46.76.20;
e) studio di settore TM84U (che sostituisce lo studio di settore
SM84U) – Commercio all’ingrosso di apparecchiature elettroniche per
telecomunicazioni e di componenti elettronici, codice attivita’
46.52.09; Commercio all’ingrosso di macchine, accessori e utensili
agricoli, inclusi i trattori, codice attivita’ 46.61.00; Commercio
all’ingrosso di macchine utensili (incluse le relative parti
intercambiabili), codice attivita’ 46.62.00; Commercio all’ingrosso
di macchine per le miniere, l’edilizia e l’ingegneria civile, codice
attivita’ 46.63.00; Commercio all’ingrosso di macchine per
l’industria tessile, di macchine per cucire e per maglieria, codice
attivita’ 46.64.00; Commercio all’ingrosso di altri mezzi ed
attrezzature di trasporto, codice attivita’ 46.69.19; Commercio
all’ingrosso di materiale elettrico per impianti di uso industriale,
codice attivita’ 46.69.20; Commercio all’ingrosso di apparecchiature
per parrucchieri, palestre, solarium e centri estetici, codice
attivita’ 46.69.30; Commercio all’ingrosso di strumenti ed
attrezzature di misurazione per uso non scientifico, codice attivita’
46.69.92; Commercio all’ingrosso di altre macchine ed attrezzature
per l’industria, il commercio e la navigazione n. c.a., codice
attivita’ 46.69.99;
f) studio di settore TM85U (che sostituisce lo studio di settore
SM85U) – Commercio al dettaglio di generi di monopolio (tabaccherie),
codice attivita’ 47.26.00;
g) studio di settore TM86U (che sostituisce lo studio di settore
SM86U) – Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici,
codice attivita’ 47.99.20;
h) studio di settore UM01U (che sostituisce lo studio di settore
TM01U) – Supermercati, codice attivita’ 47.11.20; Discount di
alimentari, codice attivita’ 47.11.30; Minimercati ed altri esercizi
non specializzati di alimentari vari, codice attivita’ 47.11.40;
Commercio al dettaglio di frutta e verdura preparata e conservata,
codice attivita’ 47.21.02; Commercio al dettaglio di bevande, codice
attivita’ 47.25.00; Commercio al dettaglio di latte e di prodotti
lattiero-caseari, codice attivita’ 47.29.10; Commercio al dettaglio
di caffe’ torrefatto, codice attivita’ 47.29.20; Commercio al
dettaglio di prodotti macrobiotici e dietetici, codice attivita’
47.29.30; Commercio al dettaglio di altri prodotti alimentari in
esercizi specializzati n. c.a., codice attivita’ 47.29.90;
i) studio di settore UM02U (che sostituisce lo studio di settore
TM02U) – Commercio al dettaglio di carni e di prodotti a base di
carne, codice attivita’ 47.22.00;
j) studio di settore UM03A (che sostituisce lo studio di settore
TM03A) – Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ortofrutticoli,
codice attivita’ 47.81.01; Commercio al dettaglio ambulante di
prodotti ittici, codice attivita’ 47.81.02; Commercio al dettaglio
ambulante di carne, codice attivita’ 47.81.03; Commercio al dettaglio
ambulante di altri prodotti alimentari e bevande n. c.a., codice
attivita’ 47.81.09;
k) studio di settore UM03B (che sostituisce lo studio di settore
TM03B) – Commercio al dettaglio ambulante di tessuti,
articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento, codice
attivita’ 47.82.01;
l) studio di settore UM03C (che sostituisce lo studio di settore
TM03C) – Commercio al dettaglio ambulante di macchine, attrezzature e
prodotti per l’agricoltura; attrezzature per il giardinaggio, codice
attivita’ 47.89.02; Commercio al dettaglio ambulante di profumi e
cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti per qualsiasi uso,
codice attivita’ 47.89.03; Commercio al dettaglio ambulante di
chincaglieria e bigiotteria, codice attivita’ 47.89.04; Commercio al
dettaglio ambulante di arredamenti per giardino, mobili, tappeti e
stuoie; articoli casalinghi; elettrodomestici; materiale elettrico,
codice attivita’ 47.89.05; Commercio al dettaglio ambulante di altri
prodotti n. c.a., codice attivita’ 47.89.09;
m) studio di settore UM03D (che sostituisce lo studio di settore
TM03D) – Commercio al dettaglio ambulante a posteggio fisso di
calzature e pelletterie, codice attivita’ 47.82.02;
n…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 6 marzo 2008

Chimici.info