MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 26 Luglio 2007 | Chimici.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 26 Luglio 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 26 Luglio 2007 - Misure relative al Fondo per la promozione dei trasporti marittimi sicuri. (GU n. 234 del 8-10-2007 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 26 Luglio 2007

Misure relative al Fondo per la promozione dei trasporti marittimi
sicuri.

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l’art. 145, comma 40, della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001), come modificato
dall’art. 22, comma 14, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, e
dall’art. 80, comma 13, della legge 27 dicembre 2002, n. 289,
recante, tra l’altro, disposizioni per il sostegno e l’incentivazione
per l’alta formazione professionale realizzate da istituti per la
professionalita’ nautica partecipati da istituti di istruzione
universitaria o convenzionate con gli stessi e misure per la
promozione di trasporti marittimi sicuri e ricerche;
Visto l’art. 1, comma 236, della legge 30 dicembre 2004, n. 311,
recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005), con il quale il
fondo di cui all’art. 145, comma 40, della legge 23 dicembre 2000, n.
388, e successive modificazioni, deve intendersi destinato al settore
della nautica da diporto, nella misura e con le modalita’
disciplinate dal combinato disposto della lettera c) del comma 14
dell’art. 22 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 e del comma 13
dell’art. 80 della legge 27 dicembre 2002, n. 289;
Visto l’art. 22, comma 14, della legge 28 dicembre 2001, n. 448,
che affida al Ministero dell’economia e delle finanze la
determinazione con proprio decreto, delle modalita’ di attuazione
delle disposizioni recate dall’art. 145, comma 40, della legge n.
388/2000, come modificato dal suddetto art. 22, comma 14, della legge
28 dicembre 2001, n. 448, e dell’art. 80, comma 13, della legge
27 dicembre 2002, n. 289;
Visto il decreto legislativo 18 maggio 2006, n. 181, convertito in
legge 17 luglio 2006, n. 233, recante disposizioni urgenti in materia
di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei
Ministri e dei Ministeri con il quale sono stati istituiti i
Ministeri delle infrastrutture e il Ministero dei trasporti;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante nuove norme in
materia di procedimento amministrativo ed accesso ai documenti;
Ritenuta l’opportunita’ di definire le modalita’ di utilizzazione
dei finanziamento con riferimento all’anno 2007 e agli anni
successivi in relazione alle corrispondenti previsioni del citato
art. 80, comma 13, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, per la sola
quota relativa a studi e ricerche aventi per oggetto la promozione di
trasporti marittimi sicuri nel settore della nautica da diporto;
rinviando a successivo decreto ministeriale l’emanazione delle
disposizioni in merito alla concessione del finanziamento per
l’incentivazione e il sostegno per l’alta formazione professionale;
Considerato pertanto, che occorre stabilire le modalita’ di
attuazione delle disposizioni dell’art. 145, comma 40, della legge
23 dicembre 2000, n. 388, e successive modificazioni, a decorrere
dall’anno 2007, per la quota relativa a studi e ricerche aventi per
oggetto la promozione di trasporti marittimi sicuri nel settore della
nautica da diporto secondo il disposto dell’art. 1, comma 236, della
legge 30 dicembre 2004, n. 311;
Considerato che l’individuazione del soggetto o dei soggetti,
aventi titolo al finanziamento per il sostegno e l’incentivazione per
l’alta formazione professionale nel settore nautico, e avvenuta,
previa selezione, da parte dell’apposita Commissione
interministeriale nominata, ai sensi dell’articolo unico, comma 5 del
decreto ministeriale 17 aprile 2003, in data 1° luglio 2005, che ha
individuato per il triennio 2005/2007 il soggetto al quale attribuire
il finanziamento;

Decreta:

Articolo unico

1. Il contributo autorizzato dall’art. 145, comma 40, della legge
23 dicembre 2000, n. 388 e successive modificazioni, iscritto sul
capitolo n. 1962, istituito nell’ambito della U.P.B. 3.1.2.6 dello
stato di previsione del Ministero dei trasporti per l’anno 2007 e
corrispondenti capitoli per gli anni successivi, secondo le
percentuali indicate dall’art. 22, comma 14, della legge 28 dicembre
2001, n 448, come modificato dall’art. 80, comma 13, della legge
27 dicembre 2002, n. 289, e’ utilizzato nel settore della nautica da
diporto ai sensi dell’art. 1 comma 236, della legge 30 dicembre 2004,
n. 311, per finanziare l’incentivazione ed il sostegno per l’alta
formazione professionale e progetti di studio e ricerca per la
promozione di trasporti marittimi sicuri.
2. Lo stanziamento annuale per ciascuna delle tipologie di
intervento previste dalla normativa indicata al comma 1, e’ ripartito
nella misura dell’80 per cento a favore delle misure di sostegno ed
incentivazione per l’alta formazione professionale e del 20 per cento
a favore del finanziamento di programmi di studio e ricerca per la
promozione di trasporti marittimi sicuri nel settore della nautica da
diporto.
3. L’assegnazione dei finanziamenti per le finalita’ di studio e
ricerca nella misura del 20 per cento di cui all’art. 145, comma 40,
della legge 23 dicembre 2000, n. 388 e successive modificazioni,
sara’ effettuata, a decorrere dall’anno 2007, a cura del Ministero
dei trasporti a favore di soggetti specializzati nel campo della
ricerca nel settore della nautica da diporto per programmi mirati al
conseguimento delle specifiche finalita’ di legge ed in particolare
alla:
a) riduzione dei fattori di rischio di sinistri marittimi
attraverso studio di metodologie e modalita’ di progettazione e
costruzione di unita’ da diporto caratterizzate da elementi
innovativi;
b) riduzione dei fattori di rischio di sinistri marittimi
connessi ad aspetti tecnico-impiantistici delle navi e imbarcazioni
da diporto;
c) riduzione dei fattori di rischio per la sicurezza della
navigazione connessi alla progettazione ed alla verifica di mezzi di
salvataggio e delle tecniche di evacuazione utilizzate a bordo delle
unita’ da diporto;
d) riduzione dei rischi per la nave e per le persone derivanti
dalla gestione della sicurezza della navigazione e della security a
bordo delle unita’ da diporto,
e) riduzione dei rischi per la nave ed il personale navigante
imbarcato sulle navi e imbarcazioni da diporto, correlati
all’organizzazione ed alle modalita’ delle prestazioni lavorative.
4. Il finanziamento e’ accordato ai programmi di cui al comma 3
nella misura del 90 per cento dei costi per attivita’ di ricerca
fondamentale, del 50 per cento dei costi per attivita’ di ricerca
industriale e del 25 per cento dei costi per attivita’ di ricerca
precompetitiva, nel rispetto della disciplina comunitaria per gli
aiuti di Stato alla ricerca e sviluppo di cui alla comunicazione
della Commissione delle Comunita’ europee n. 96/C45/ 06, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee n. C45 del
17 febbraio 1996.
5. Le istanze di finanziamento, devono essere presentate entro
quindici giorni dalla data di entrata in vigore del decreto. Nel caso
di presentazione di piu’ programmi aventi i requisiti per essere
ammessi al finanziamento, il finanziamento stesso, nell’ambito delle
risorse disponibili a tale titolo e nel rispetto delle aliquote di
cui al comma 4 sara’ ripartito pro-quota proporzionalmente
all’ammontare dei costi complessivi di ciascun programma.
6. La selezione delle richieste ammissibili al finanziamento, sulla
base delle specifiche finalita’ indicate al comma 3, e’ effettuata da
una commissione composta da due dirigenti del Ministero dei trasporti
e da un dirigente del Ministero dell’economia e delle finanze, da
nominarsi, rispettivamente, con decreto del Capo Dipartimento per la
navigazione e il trasporto marittimo ed aereo e del Capo Dipartimento
della Ragioneria generale dello Stato.
Il presente decreto entra in vigore il giorno della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 26 luglio 2007

Il Ministro: Padoa Schioppa

Registrato alla Corte dei conti il 17 settembre 2007
Ufficio controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n. 5
Economia e finanze, foglio n. 112

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 26 Luglio 2007

Chimici.info