MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 22 dicembre 2011 | Chimici.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 22 dicembre 2011

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 22 dicembre 2011 - Adeguamento delle modalita' di calcolo dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni in materia di imposta di registro e di imposta sulle successioni e donazioni. (11A16654) - U n. 303 del 30-12-2011 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 22 dicembre 2011

Adeguamento delle modalita’ di calcolo dei diritti di usufrutto a
vita e delle rendite o pensioni in materia di imposta di registro e
di imposta sulle successioni e donazioni. (11A16654)

IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE

di concerto con

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

Visto l’art. 3, comma 164, della legge 23 dicembre 1996, n. 662,
recante «Misure di razionalizzazione della finanza pubblica» che
demanda al Ministro delle finanze, di concerto con il Ministro del
tesoro l’adeguamento delle modalita’ di calcolo dei diritti di
usufrutto a vita e delle rendite o pensioni, in ragione della
modificazione della misura del saggio legale degli interessi;
Visto il testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di
registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26
aprile 1986, n. 131;
Visto il testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta sulle
successioni e donazioni approvato con decreto legislativo 31 ottobre
1990, n. 346;
Visto il decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con
modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, che ha istituito
l’imposta sulle successioni e donazioni;
Visto l’art. 13 della legge 8 maggio 1998, n. 146, e l’art. 4,
comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visti gli articoli 23, 24, 25 e 26 del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 300, concernenti l’istituzione e l’organizzazione del
Ministero dell’economia e delle finanze;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2001, n.
107;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 gennaio 2008,
n. 43, concernente il regolamento di riorganizzazione del Ministero
dell’economia e delle finanze a norma dell’art. 1, comma 404, della
legge 27 dicembre 2006, n. 296;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 28
gennaio 2009 recante «Individuazione e attribuzioni degli uffici di
livello dirigenziale non generale dei dipartimenti»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 luglio 2011, n.
173, recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30
gennaio 2008, n. 43 concernente la riorganizzazione del Ministero
dell’economia e delle finanze, a norma dell’art. 1, comma 404, della
legge 27 dicembre 2006, n. 296;
Visto il decreto 12 dicembre 2011 del Ministro dell’economia e
delle finanze con il quale la misura del saggio degli interessi
legali di cui all’art. 1284 del codice civile e’ fissata al 2,5 per
cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2012.

Decreta:

Art. 1

1. Il valore del multiplo indicato nell’art. 46, comma 2, lettere
a) e b) del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di
registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26
aprile 1986, n. 131, e successive modificazioni, relativo alla
determinazione della base imponibile per la costituzione di rendite o
pensioni, e’ fissato in quaranta volte l’annualita’.
2. Il valore del multiplo indicato nell’art. 17, comma 1, lettere
a) e b) del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta
sulle successioni e donazioni approvato con decreto legislativo 31
ottobre 1990, n. 346, e successive modificazioni, relativo alla
determinazione della base imponibile per la costituzione di rendite o
pensioni, e’ fissato in quaranta volte l’annualita’.
3. Il prospetto dei coefficienti per la determinazione dei diritti
di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni vitalizie, allegato al
testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26
aprile 1986, n. 131, e successive modificazioni, e’ variato in
ragione della misura del saggio legale degli interessi fissata al 2,5
per cento, come da prospetto allegato al presente decreto.

Art. 2

1. Le disposizioni di cui al presente decreto si applicano agli
atti pubblici formati, agli atti giudiziari pubblicati o emanati,
alle scritture private autenticate e a quelle non autenticate
presentate per la registrazione, alle successioni apertesi ed alle
donazioni fatte a decorrere dalla data del 1° gennaio 2012.
Roma, 22 dicembre 2011

Il direttore generale
delle finanze
Lapecorella
Il ragioniere generale
dello Stato
Canzio

Allegato

Coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto a vita e
delle rendite o pensioni vitalizie calcolati al saggio di interesse
del 2,5 per cento.

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 22 dicembre 2011

Chimici.info