MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE | Chimici.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 27 luglio 2005: Applicazione delle disposizioni di cui al comma 5 dell'articolo 50 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, concernente i parametri tecnici per la realizzazione del software certificato che deve essere installato dalle strutture di erogazione di servizi sanitari. (GU n. 180 del 4-8-2005- Suppl. Ordinario n.139)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 27 luglio 2005

Applicazione delle disposizioni di cui al comma 5 dell’articolo 50
del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con
modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, concernente i
parametri tecnici per la realizzazione del software certificato che
deve essere installato dalle strutture di erogazione di servizi
sanitari.

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO
Visto l’art. 50, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326,
ed in particolare il comma 5, ai sensi del quale si demanda al
Ministero dell’economia e delle finanze, di stabilire i parametri
tecnici per la realizzazione del software certificato che deve essere
installato dalle strutture di erogazione di servizi sanitari, in
aggiunta ai programmi informatici dalle stesse ordinariamente
utilizzati, per la trasmissione dei dati di cui ai commi 6 e 7 del
medesimo art. 50; tra i parametri tecnici rientra quello della
frequenza temporale di trasmissione dei dati predetti;
Visto il decreto 24 giugno 2004 del Ministero dell’economia e delle
finanze, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13 luglio
2004, e successive modificazioni, attuativo del comma 5 del citato
art. 50, ed, in particolare, l’art. 3, il quale prevede che, in
funzione degli esiti della sperimentazione di cui ai decreti
attuativi del comma 6 del citato art. 50, si procedera’, ove
necessario, con successivo decreto, alla revisione di quanto
stabilito all’art. 1 del medesimo decreto 24 giugno 2004;
Visto l’art. 7-undevicies del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7,
convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005, n. 43, il
quale, in particolare, ha modificato il comma 7 del citato art. 50,
aggiungendovi che il Ministero dell’economia e delle finanze puo’
prevedere periodi transitori, durante i quali, in caso di riscontro
della mancata corrispondenza del codice fiscale del titolare della
tessera sanitaria con quello dell’assistito riportato sulla ricetta,
tale difformita’ non costituisce impedimento per l’erogazione della
prestazione e l’utilizzazione della relativa ricetta medica ma
costituisce anomalia da segnalare tra i dati di cui al comma 8 del
medesimo art. 50;
Visto l’art. 3, comma 6-quinquiesdecies del decreto-legge 14 marzo
2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio
2005, n. 80, il quale, in particolare, ha modificato il comma 8 del
citato art. 50, aggiungendovi che i dati rilevati ai sensi del comma
7 sono trasmessi telematicamente al Ministero dell’economia e delle
finanze, entro il giorno 10 del mese successivo a quello di
utilizzazione della ricetta medica, anche per il tramite delle
associazioni di categoria e di soggetti terzi a tal fine individuati
dalle strutture di erogazione dei servizi sanitari;
Considerata la necessita’ di provvedere alla revisione delle
modalita’ di trasmissione dei dati di cui al citato decreto 24 giugno
2004 in funzione degli esiti della sperimentazione di cui ai decreti
del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il
Ministro della salute, 30 giugno 2004, 28 ottobre 2004 e 21 aprile
2005, attuativi del comma 6 del citato art. 50 e pubblicati,
rispettivamente, nelle Gazzette Ufficiali n. 153 del 2 luglio 2004,
n. 259 del 4 novembre 2004 e n. 103 del 5 maggio 2005;
Ritenuto, pertanto, di dover provvedere alla sostituzione del
disciplinare tecnico allegato al citato decreto 24 giugno 2004;
Decreta:
Art. 1.
Modalita’ di trasmissione
1. Le informazioni da trasmettere da parte delle strutture di
erogazione di servizi sanitari, le modalita’ di trasmissione
telematica, le frequenze temporali e le modalita’ operative di invio
e gestione delle stesse, nonche’ le specifiche tecniche di fornitura
dei dati sono definite nel disciplinare tecnico allegato 1, che
costituisce parte integrante del presente provvedimento dirigenziale
e che sostituisce il disciplinare tecnico allegato al decreto
24 giugno 2004 indicato nelle premesse.

Art. 2.
Programmi informatici utilizzati dalle strutture
di erogazione di servizi sanitari
1. I programmi informatici utilizzati dalle strutture di erogazione
di servizi sanitari devono essere adeguati a quanto previsto nel
disciplinare tecnico allegato 1, entro la data del programma di
applicazione di cui ai decreti attuativi del comma 6 dell’art. 50 del
decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con
modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326.

Art. 3.
Revisione delle modalita’ di trasmissione
1. In funzione degli esiti della sperimentazione di cui ai decreti
attuativi del comma 6 dell’art. 50, del decreto-legge 30 settembre
2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre
2003, n. 326, si procedera’, ove necessario, con successivi decreti,
alla revisione di quanto stabilito all’art. 1.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 27 luglio 2005
Il Ragioniere Generale dello Stato: Canzio

Allegato 1

—-> Vedere allegato da pag. 112 a pag. 187 in formato zip/pdf

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Chimici.info