MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 marzo 2010 | Chimici.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 marzo 2010

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 marzo 2010 - Assegnazione provvisoria delle quote del tonno rosso per la campagna di pesca 2010. (10A07409) (GU n. 140 del 18-6-2010 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 22 marzo 2010

Assegnazione provvisoria delle quote del tonno rosso per la campagna
di pesca 2010. (10A07409)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, come modificata dal decreto
legislativo 26 maggio 2004, n. 153, recante la disciplina della pesca
marittima;
Visto il decreto legislativo del 26 maggio 2004, n. 154, recante la
modernizzazione del settore pesca e dell’acquacoltura, a norma
dell’art. 1, comma 2, della legge 7 marzo 2003, n. 38;
Visto il regolamento (CE) n. 302/2009 del Consiglio del 6 aprile
2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea, legge
n. 96 del 15 aprile;
Visto il regolamento (CE) n. 23/2010 del Consiglio del 14 gennaio
2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea, legge
n. 21 del 26 gennaio 2010, con il quale e’ stato stabilito il totale
ammissibile di cattura (TAC) del tonno rosso da parte delle flotte
comunitarie attribuendo a quella italiana, per la campagna di pesca
2010, il massimale di 1.937,50 tonnellate;
Visto il regolamento (CE) n. 2807/1983 della Commissione del 22
settembre 1983, che stabilisce le modalita’ di registrazione delle
informazioni fornite sulle catture di pesci da parte degli Stati
membri;
Visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio del 20
novembre 2009, che istituisce un regime di controllo per garantire il
rispetto delle norme della politica comune della pesca;
Visto il regolamento (CE) n. 2454/1993 della Commissione del 2
luglio 1993, che fissa talune disposizioni d’applicazione del
regolamento (CEE) n. 2913/1992 del Consiglio, che istituisce il
codice doganale comunitario;
Visto il regolamento (CE) n. 1984/2003 del Consiglio dell’8 aprile
2003, che istituisce nella comunita’ un regime di registrazione
statistica relativo al tonno rosso, al pesce spada e al tonno obeso;
Visto il regolamento (CE) n. 2244/2003 della Commissione del 18
dicembre 2003, che stabilisce disposizioni dettagliate per quanto
concerne i sistemi di controllo dei pescherecci via satellite;
Visti i regolamenti (CE) n. 104/2000 del Consiglio del 17 dicembre
1999 e n. 2318/2001 della Commissione del 29 novembre 2001,
concernenti il riconoscimento delle organizzazioni di produttori;
Visto il decreto ministeriale 30 aprile 2009, recante «Delega al
Sottosegretario di Stato, on.le Antonio Buonfiglio»;
Considerato che l’assemblea ordinaria dell’ICCAT ha varato nel
novembre 2009, nuove raccomandazioni per la ricostituzione dello
stock di tonno rosso nell’Altantico e nel Mar Mediterraneo, con
l’ulteriore riduzione del contingente di cattura e nuovi obblighi per
le parti contraenti in materia di diminuzione delle capacita’ di
pesca;
Considerato che la riduzione delle possibilita’ di pesca decisa
dall’ICCAT rispetto ai livelli del 2009, e’ tale da non garantire
alle imbarcazioni che utilizzano le reti a circuizione una
prospettiva di adeguata redditivita’;
Preso atto che le ultime raccomandazioni dell’ICCAT non sono state
ancora recepite nell’ordinamento comunitario;
Considerato che l’art. 4, paragrafo 5, del gia’ citato regolamento
(CE) del Consiglio n. 302/2009, consente agli Stati membri di
modificare il piano di pesca annuale inviato dalla Commissione
europea all’ICCAT entro il 1º marzo di ogni anno;
Considerato che, dal 13 al 25 marzo 2010, si svolgera’ la
Conferenza delle parti aderenti alla Convezione sul commercio
internazionale delle specie protette;
Sentita la Commissione consultiva centrale per la pesca e
l’acquacoltura che, nella riunione del 1 febbraio 2010, ha espresso
all’unanimita’ parere favorevole;

Decreta:

1. La quota complessiva assegnata dall’Unione europea all’Italia
per la campagna di pesca 2010, e’ provvisoriamente, ripartita in
tonnellate come segue:
Palangaro (LL), 142,06;
Tonnara Fissa (TRAP), 89,03;
Pesca sportiva (SPOR), 33, 87.
2. La ripartizione definitiva delle quote di cui al precedente
comma 1, sara’ effettuata secondo le modalita’ stabilite dall’art. 4,
paragrafo 5, del regolamento (CE) del Consiglio n. 302/2009, anche in
relazione alle decisioni che saranno assunte in sede internazionale.
3. Ai sensi del regolamento (CE) del Consiglio n. 302/2009, art. 4,
terzo paragrafo, lettera b), le quote individuali assegnate, in via
provvisoria, per la campagna di pesca 2010, sono riportate
nell’allegato A del presente decreto per ciascuna unita’ identificata
con il numero UE.
4. Il mantenimento dell’iscrizione nell’elenco delle unita’
autorizzate alla cattura del tonno rosso e’ subordinato al pieno
rispetto delle disposizioni stabilite dalla normativa comunitaria ed
a livello nazionale.
Il presente decreto e’ inviato alla registrazione da parte dei
competenti Organi di controllo e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.

Roma, 22 marzo 2010

p. Il Ministro
Il Sottosegretario di Stato
Buonfiglio

Registrato alla Corte dei conti il 21 maggio 2010
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 2, foglio n. 64

Allegato A

TONNO ROSSO – CAMPAGNA DI PESCA 2010

SISTEMA PALANGARO

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 marzo 2010

Chimici.info