MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 gennaio 2009 | Chimici.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 gennaio 2009

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 gennaio 2009 - Modifica e integrazione del decreto 20 marzo 2008 recante disposizioni in materia di violazioni riscontrate nell'ambito del regolamento (CE) n. 1782/03 del Consiglio del 29 settembre 2003 sulla PAC e del regolamento (CE) 1698/2005 del Consiglio, del 20 settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR). (09A04904) (GU n. 101 del 4-5-2009 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 22 gennaio 2009

Modifica e integrazione del decreto 20 marzo 2008 recante
disposizioni in materia di violazioni riscontrate nell’ambito del
regolamento (CE) n. 1782/03 del Consiglio del 29 settembre 2003 sulla
PAC e del regolamento (CE) 1698/2005 del Consiglio, del 20 settembre
2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo
agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR). (09A04904)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il regolamento (CE) n. 1782/2003 del Consiglio del 29
settembre 2003, recante norme comuni relative ai regimi di sostegno
diretto nell’ambito della politica agricola comune e successive
modificazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 796/2004 della Commissione, del 21
aprile 2004, recante modalita’ di applicazione della condizionalita’,
della modulazione e del sistema integrato di gestione e controllo di
cui al regolamento 1782/03 e successive modificazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 1290/2005 del Consiglio del 21 giugno
2005, relativo al finanziamento della politica agricola comune e
successive modificazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio del 20
settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo
europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);
Visto il regolamento (CE) n. 1320/2006 del Consiglio del 5
settembre 2006 recante disposizioni per la transizione al regime di
sostegno allo sviluppo rurale istituito dal regolamento (CE) 1698/05;
Visto il regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione del 15
dicembre 2006, recante disposizioni di applicazione del regolamento
(CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da
parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);
Visto il regolamento (CE) n. 1975/2006 della Commissione del 7
dicembre 2006, che stabilisce modalita’ di applicazione del
regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda
l’attuazione delle procedure di controllo e della condizionalita’ per
le misure di sostegno dello sviluppo rurale;
Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59, recante delega al Governo per
il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali,
per la riforma della pubblica amministrazione e per la
semplificazione amministrativa;
Visto il decreto legislativo 27 maggio 1999, n. 165, che dispone la
soppressione dell’AIMA e l’istituzione dell’Agenzia per le erogazioni
in agricoltura (AGEA), cosi’ come modificato dal decreto legislativo
15 giugno 2000, n. 188 e dal decreto- legge 22 ottobre 2001, n. 381,
convertito, con modificazioni, nella legge 21 dicembre 2001, n. 441;
Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali
27 marzo 1998, n. 159, recante disciplina di attuazione del
regolamento (CE) 746/96 in materia di controlli e decadenze degli
interventi agroambientali attuati a norma del regolamento (CEE)
2078/92;
Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali
18 dicembre 1998, n. 494, recante norme di attuazione del regolamento
(CEE) 2080/92, in materia di gestione, pagamenti, controlli e
decadenze nell’erogazione di contributi per l’esecuzione di
rimboschimenti o miglioramenti boschivi;
Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali
n. 6306 del 4 dicembre 2002, recante disposizioni attuative dell’art.
64 del regolamento (CE) della Commissione n. 445/2002;
Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali
21 dicembre 2006, n. 12541, recante la disciplina del regime di
condizionalita’ della politica agricola comune ed abrogazione del
decreto 15 dicembre 2005 cosi’ come modificato ed integrato dal
decreto ministeriale 18 ottobre 2007;
Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e
forestali 20 marzo 2008 recante disposizioni in materia di violazioni
riscontrate nell’ambito del regolamento (CE) n. 1782/03 del Consiglio
del 29 settembre 2003 sulla PAC e del Regolamento (CE) 1698/2005 del
Consiglio, del 20 settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale
da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);
Considerata la necessita’ garantire la corretta transizione al
nuovo periodo di programmazione 2007-2013 di talune misure che
comprendono impegni pluriennali in corso, assunti in precedenti
periodi programmazione, consentendo il necessario adattamento degli
impegni, senza l’applicazione di penalizzazioni, al fine di
assicurare un controllo integrato ed efficace;
Considerato che le norme contenute nel presente decreto si
applicano, tra l’altro, ai programmi di sviluppo rurale 2007-2013 e
alle relative disposizioni attuative;
Vista l’urgenza con cui e’ necessario procedere all’emanazione del
presente provvedimento;
Sancita l’intesa in Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 18
dicembre 2008;
Decreta:

Art. 1.

1. All’art. 16 del decreto del Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali 20 marzo 2008, dopo il comma 2, sono aggiunti
i seguenti:
«3. Le domande di pagamento presentate nel periodo di
programmazione 2007-2013 ai sensi del reg. (CE) n. 1698/2005, incluse
quelle modificate ai sensi dell’art. 4, paragrafo 3, del reg. (CE) n.
1975/2006, relative ad impegni pluriennali assunti nel periodo di
programmazione 2000-2006 ai sensi del reg. (CE) 1257/99 o assunti
precedentemente a norma dei regolamenti CEE 2078/92 e 2080/92,
possono prevedere la modifica in diminuzione delle superfici e/o
delle UBA a suo tempo dichiarate per il rispetto dell’impegno.
4. Nei casi di cui al comma 3, alle modificazioni in diminuzione
presentate entro e non oltre l’annualita’ 2009, non si applicano le
riduzioni, le esclusioni o le decadenze per difformita’ delle
superfici e/o delle UBA, previste dal presente decreto o dai decreti
di cui al comma 1.

Art. 2.

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 22 gennaio 2009
Il Ministro : Zaia

Registrato alla Corte dei conti il 31 marzo 2009
Ufficio di controllo atti Ministri delle attivita’ produttive,
registro n. 1, foglio n. 197

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 gennaio 2009

Chimici.info