MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 31 dicembre 2009 | Chimici.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 31 dicembre 2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 31 dicembre 2009 - Modalita' operative e termini per l'erogazione di contributi a sostegno delle imprese di autotrasporto passeggeri esercenti servizi di linea interregionale di competenza statale, per l'acquisto di mezzi a basso impatto ambientale di cui al codice di omologazione per le emissioni «euro 4» ed «euro 5». (10A00489) (GU n. 14 del 19-1-2010 )

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 31 dicembre 2009

Modalita’ operative e termini per l’erogazione di contributi a
sostegno delle imprese di autotrasporto passeggeri esercenti servizi
di linea interregionale di competenza statale, per l’acquisto di
mezzi a basso impatto ambientale di cui al codice di omologazione per
le emissioni «euro 4» ed «euro 5». (10A00489)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l’art. 6-bis del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 179 del 4 agosto 2009, che
dispone l’erogazione di un contributo destinato alle imprese
esercenti servizi di trasporto pubblico interregionale di competenza
statale per l’acquisto di nuovi autobus di categoria euro 4 ed euro
5, nonche’ l’emanazione di un decreto del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro
dell’economia e delle finanze, entro trenta giorni dalla data di
entrata in vigore della stessa legge di conversione, con il quale
sono definite le modalita’ operative per l’erogazione delle risorse,
oltre ai termini, modalita’ e modelli delle istanze per accedere ai
contributi;
Visto il decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 285, recante
«Riordino dei servizi automobilistici interregionali di competenza
statale»;
Vista la comunicazione della Commissione europea – Quadro di
riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a
sostegno dell’accesso al finanziamento nell’attuale situazione di
crisi finanziaria ed economica, del 22 gennaio 2009, con la quale
vengono determinate le categorie di aiuti ritenute compatibili per un
periodo di tempo limitato, ai sensi dell’art. 87, paragrafo 3,
lettera b), del trattato CE, per porre rimedio alle difficolta’
provocate all’economia reale dalla crisi finanziaria mondiale;
Vista la comunicazione della Commissione europea – Modifica del
quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto
di Stato a sostegno dell’accesso al finanziamento nell’attuale
situazione di crisi finanziaria ed economica, del 25 febbraio 2009;
Vista la decisione C(2009) 4277 del 28 maggio 2009, con la quale la
Commissione europea ha dichiarato compatibile con il mercato comune,
ai sensi dell’art. 87, paragrafo 3, lett. b) del Trattato CE, lo
schema di aiuto n. 248/2009, notificato dallo Stato italiano,
relativo alla concessione di aiuti temporanei di importo limitato
sulla base della menzionata direttiva «Modalita’ di applicazione
della Comunicazione della Commissione europea – Quadro di riferimento
temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno
dell’accesso al finanziamento nell’attuale situazione di crisi
finanziaria ed economica» (articoli da 1 a 3 e 8 a 10);
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3
giugno 2009, recante «Modalita’ di applicazione della comunicazione
della Commissione europea – Quadro di riferimento temporaneo
comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’accesso
al finanziamento nell’attuale situazione di crisi finanziaria ed
economica»;

Decreta:

Art. 1

Ambito di applicazione

1. Il presente decreto definisce le modalita’ operative ed i
termini per l’erogazione dei contributi a sostegno delle imprese di
autotrasporto passeggeri esercenti linee interregionali di competenza
statale, che provvedono all’acquisto di autobus, nuovi di fabbrica,
omologati, per quanto attiene ai valori limite di emissioni di
sostanze inquinanti come euro 4 od euro 5 appartenenti alla classe
III od alla classe B, cosi’ come definite dal decreto del Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti 23 dicembre 2003.
2. Non possono beneficiare dei contributi le imprese che versavano
in condizioni di difficolta’ alla data del 30 giugno 2008. A tal
fine, sono da considerarsi in difficolta’:
a) le imprese di grandi dimensioni che soddisfano le condizioni
di cui al punto 2.1 della comunicazione della Commissione europea
2004/C 244/02, recante «Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato
per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficolta’»;
b) le piccole e medie imprese che soddisfano le condizioni di cui
all’art. 1, paragrafo 7, del Regolamento (CE) 6 agosto 2008, n.800.

Art. 2

Modalita’ operative per l’erogazione dei contributi

1. I contributi complessivamente erogabili non possono superare il
limite di spesa di 3 milioni di euro per l’anno 2009, e di 5 milioni
di euro per l’anno 2010.
2. Per l’anno 2009, sono ammessi al contributo, tutti gli acquisti
per compravendita di autobus, nuovi di fabbrica, effettuati a partire
dal giorno 4 del mese di agosto compreso sino al 31 del mese di
dicembre e, per l’anno 2010, sono ammessi al contributo tutti gli
acquisti per compravendita di autobus, nuovi di fabbrica, effettuati
a partire dal giorno 1° del mese di gennaio e sino al 31 del mese di
dicembre.
3. I contributi di cui ai commi 1 e 2 sono erogati, in ragione di
ogni mezzo acquistato, distinti per anno di riferimento, sino ad un
massimo del 75% del costo di acquisto dell’autobus cosi’ come
risultante dal contratto definitivo di compravendita, escludendo dal
calcolo l’IVA.
4. Ai fini dell’ammissibilita’ ai contributi, gli acquisti si
intendono perfezionati alla data di stipula del relativo contratto.
5. Ad ogni impresa potranno essere erogati contributi sino ad un
massimo di 400.000 euro, cumulativi per i due anni 2009 e 2010.

Art. 3

Termini di proposizione delle domande e requisiti

1. Possono proporre domande per accedere ai contributi le imprese
italiane di autotrasporto di persone che, alla data del 4 agosto
2009, sono titolari di concessioni od autorizzazioni per l’esercizio
di servizi di linea interregionali di competenza statale e che
mantengano tale condizione al momento della presentazione della
domanda. Le domande, distinte per anno per il quale si chiede il
contributo, dovranno essere redatte secondo le indicazioni fornite
nei commi che seguono.
2. Per i contributi relativi al 2009, le imprese devono inviare le
istanze entro il termine perentorio del giorno 28 del mese di
febbraio dell’anno 2010. Alle istanze dovra’ essere allegata copia
del contratto o dei contratti definitivi di acquisto, nei quali deve
comparire, a pena di irricevibilita’ della domanda, la specifica
dichiarazione della concessionaria venditrice circa la categoria di
emissioni inquinanti dell’autobus; in alternativa al contratto, le
imprese possono presentare copia della carta di circolazione
dell’autobus qualora questa fosse gia’ nella loro disponibilita’.
Dalla documentazione presentata, deve evincersi che l’acquisto e’
stato effettuato in data compresa fra il 4 agosto ed il 31 dicembre
2009.
3. Per i contributi relativi al 2010, le imprese interessate devono
far pervenire, entro il termine perentorio del giorno 28 febbraio
2010, una esplicita dichiarazione, resa dal titolare o dal legale
rappresentante, nella quale si manifesta l’intenzione di acquistare,
entro e non oltre il 31 dicembre 2010, autobus di classe III o B
nuovi di fabbrica, da destinare all’impiego nei servizi di linea
interregionali di competenza statale. In tale ipotesi, nella
dichiarazione dovra’ essere specificato il numero e la tipologia dei
veicoli che l’impresa istante intende acquistare. All’esito delle
dichiarazioni ricevute, ove ritenute ammissibili, il Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti- Dipartimento dei trasporti, la
navigazione ed i sistemi informativi e statistici- Direzione generale
per il trasporto stradale e per l’intermodalita- comunichera’ alle
imprese interessate l’importo presunto spettante a ciascuna di esse.
Entro e non oltre quindici giorni dal ricevimento di tale
comunicazione, le stesse imprese dovranno confermare, o meno,
l’intenzione di acquisto degli autobus gia’ comunicata. Entro il 31
gennaio 2011, tali imprese dovranno comprovare gli acquisti
effettuati, secondo le modalita’ indicate al comma 2.
4. Qualora siano stati effettuati acquisti entro il mese di gennaio
2010, le imprese devono far pervenire le relative istanze, entro il
termine perentorio del 28 febbraio dello stesso anno, con le medesime
modalita’ di cui al comma 2. In questa evenienza, e’ ritenuta
ricevibile una domanda unica per l’accesso ai contributi del 2009 e
del 2010, avente il medesimo termine di invio del 28 febbraio 2010.
5. Le domande per accedere ai contributi devono essere redatte, a
pena di irricevibilita’, utilizzando unicamente la modulistica
allegata al presente decreto, e devono essere inviate al Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti- Dipartimento dei trasporti, la
navigazione ed i sistemi informativi e statistici- Direzione generale
per il trasporto stradale e per l’intermodalita’ – Divisione 1ª – via
Giuseppe Caraci, 36 – 00157 – Roma -, tramite raccomandata con avviso
di ricevimento. Il timbro, apposto dall’ufficio postale accettante,
fa fede circa il rispetto dei termini di cui ai periodi precedenti.
6. La domanda deve contenere, a pena di irricevibilita’:
a) denominazione e ragione sociale dell’impresa;
b) sede legale dell’impresa;
c) cognome, nome, data di nascita, codice fiscale e residenza del
legale rappresentante dell’impresa;
d) partita Iva o, per le imprese individuali, codice fiscale;
e) indicazione della Camera di commercio, industria ed
artigianato presso cui e’ iscritta l’impresa e numero di iscrizione
al registro delle imprese.
7. Nella domanda, l’impresa richiedente deve altresi’ dichiarare
l’importo di eventuali aiuti di cui al Regolamento (CE)del 15
dicembre 2006, n.1998, «relativo all’applicazione degli articoli 87 e
88 del Trattato agli aiuti di importanza minore («de minimis»),
ricevuti a partire dal 1° gennaio 2008, nonche’ l’importo di altri
aiuti eventualmente ricevuti ai sensi dell’art. 3 del decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009.
8. La Commissione ministeriale di cui all’art. 6 del presente
decreto procede prioritariamente alla valutazione delle domande
relative agli acquisti effettuati nei sessanta giorni successivi alla
data di entrata in vigore del presente decreto.

Art. 4

Erogazione dei contributi

1. Ove, al termine degli adempimenti istruttori, l’entita’ delle
risorse finanziarie disponibili per ciascun anno non fosse
sufficiente a soddisfare, nei termini previsti dall’art. 2, comma 4,
le istanze giudicate ammissibili, al fine di garantire il rispetto
dei limiti di spesa, i contributi da erogarsi alle imprese aventi
diritto saranno proporzionalmente ridotti in base al numero di
veicoli da finanziare.
2. Le erogazioni dei relativi contributi avverranno alla fine delle
separate valutazioni effettuate dalla Commissione di cui al
successivo art. 6.
3. Le imprese utilmente collocate nell’elenco dei beneficiari dei
contributi dovranno comprovare, mediante dichiarazione sostitutiva di
atto di notorieta’:
a) di non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e,
successivamente, non rimborsato, ovvero depositato in un conto
bloccato, gli aiuti di Stato individuati quali illegali o
incompatibili dalla Commissione europea;
b) di non aver subito sanzioni gravi ai sensi del decreto
legislativo 21 novembre 2005, n. 285;
c) di applicare il C.C.N.L. di categoria;
d) di aver adempiuto a tutti gli obblighi fiscali.
4. I contributi saranno erogati in due fasi, la prima a favore
delle imprese che avranno presentato domanda per gli acquisti
effettuati nell’anno 2009, la seconda a favore delle imprese che
avranno presentato domanda per gli acquisti relativi all’anno 2010. I
provvedimenti di liquidazione dei contributi saranno adottati entro
il mese di aprile di ciascuno degli anni 2010 e 2011, salvo quanto
previsto all’art. 5, comma 1, circa i termini temporali di invio
della copia della carta di circolazione degli autobus acquistati.

Art. 5

Limiti ed obblighi per le imprese

1. Alle imprese che avranno avuto accesso ai contributi per ogni
annualita’ prevista, e’ fatto perentorio obbligo di inviare al –
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti- Dipartimento dei
trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici –
Direzione generale per il trasporto stradale e per l’intermodalita’ –
Divisione 1ª – via Giuseppe Caraci, 36 – 00157 – Roma -, se non gia’
allegata alla domanda, la copia della carta di circolazione
dell’autobus o degli autobus acquistati entro e non oltre sessanta
giorni, decorrenti rispettivamente dal termine del 28 febbraio 2010
relativamente all’anno 2009, e dal termine del 31 gennaio 2011
relativamente all’anno 2010, o, se a quelle date non ancora
disponibili, comunque entro e non oltre sessanta giorni dalla data di
effettiva emissione.
2. Alle imprese e’ fatto perentorio obbligo di non alienare
l’autobus o gli autobus ammessi a contributo prima della scadenza del
7° anno dalla data di immatricolazione, pena il recupero del
contributo stesso.
3. Alle imprese e’ fatto perentorio obbligo di adibire l’autobus o
gli autobus ammessi a contributo sui servizi di linea interregionali
di competenza statale dalle stesse esercitati, pena il recupero del
contributo stesso.
4. La Direzione generale per il trasporto stradale e per
l’intermodalita’, ai fini della verifica del rispetto da parte delle
imprese di detti obblighi, effettua controlli, anche mediante
accertamenti operati di concerto con la Direzione generale della
Motorizzazione, sulla banca dati del CED Motorizzazione. In caso di
inadempimenti rispetto agli obblighi sopra descritti, attua, nei
confronti delle imprese, le necessarie azioni di recupero delle somme
erogate gravate dell’interesse legale maturato sin dalla data di
erogazione del contributo.

Art. 6

Commissione per la valutazione delle domande

1. E’ istituita una commissione ministeriale con il compito di
valutare le istanze presentate ai sensi del presente decreto.
2. La commissione e’ composta dal Presidente, individuato tra i
dirigenti di II fascia in servizio presso il Dipartimento dei
trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici, e
due componenti, individuati tra il personale appartenente alla
carriera direttiva (area C del CCNL di comparto), in servizio presso
il medesimo Dipartimento.
3. Con successivo decreto del capo del Dipartimento dei trasporti,
la navigazione ed i sistemi informativi e statistici, sono nominati i
componenti della commissione di cui al punto precedente.
4. L’attivita’ di cui al comma 1 e’ svolta nell’ambito
dell’ordinaria attivita’ istituzionale e per l’espletamento della
stessa non sono previsti compensi aggiuntivi.

Art. 7

Norme finali

1. Dall’attuazione del presente decreto non derivano nuovi o
maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 31 dicembre 2009

Il Ministro delle infrastrutture
e dei trasporti
Matteoli
Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 31 dicembre 2009

Chimici.info