MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI | Chimici.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - CIRCOLARE 16 dicembre 2004, n.1618: Chiarimenti sul decreto ministeriale 22 giugno 2004, n. 898/IV, relativo alla procedura e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell'elenco annuale dei lavori pubblici. (GU n. 299 del 22-12-2004)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

CIRCOLARE 16 dicembre 2004, n.1618

Chiarimenti sul decreto ministeriale 22 giugno 2004, n. 898/IV,
relativo alla procedura e schemi-tipo per la redazione e la
pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali
e dell’elenco annuale dei lavori pubblici.

Il decreto ministeriale 22 giugno 2004, n. 898/IV, che ha
sostituito il decreto ministeriale 21 giugno 2000, n. 5374/21/65, ha
definito le procedure e gli schemi-tipo sulla base dei quali le
Amministrazioni aggiudicatrici sono tenute a redigere, approvare e
pubblicare il Programma triennale ed i suoi aggiornamenti annuali
cosi’ come richiamato dall’art. 14, comma 1, del decreto del
Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554.
Il comma 11 dell’art. 14 della legge n. 109/1994 e successive
modifiche e integrazioni, pone in capo alle suddette Amministrazioni
aggiudicatrici anche l’obbligo di trasmettere, dopo la relativa
approvazione, i programmi e gli elenchi annuali all’Osservatorio dei
lavori pubblici, nonche’, fatta eccezione per gli enti ed
amministrazioni locali e loro associazioni e consorzi, al CIPE.
Cio’ premesso, a seguito di alcune osservazioni o quesiti sollevati
a questo Dicastero concernenti gli adempimenti previsti dalle
normative vigenti in materia di pubblicita’ del Programma triennale
ed elenco annuale dei lavori pubblici si forniscono i seguenti
chiarimenti:
1) Per quanto riguarda gli enti locali, l’obbligo di
pubblicazione informatica – rispettivamente – sul sito del Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti o sui competenti siti
predisposti dalle regioni e province autonome – sussiste, ai sensi
dell’art. 5, comma 4 del decreto ministeriale 22 giugno 2004,
unicamente dopo l’approvazione del Programma triennale ed elenco
annuale unitamente al bilancio preventivo.
2) In merito alla pubblicita’ di eventuali, necessari e motivati
adeguamenti allo Schema di Programma triennale e aggiornamento,
successivamente alla sua adozione, durante il periodo di sessanta
giorni di cui all’art. 5, comma 1 del decreto ministeriale 22 giugno
2004, si ritiene che la stessa sia assolta attraverso la
pubblicazione dell’atto che li approva in analogia a quanto stabilito
dall’art. 5, comma 3 del decreto ministeriale in parola.
3) Qualsiasi modifica al Programma triennale ed all’elenco
annuale dei lavori pubblici, dopo l’approvazione definitiva e la
conseguente pubblicazione da parte del Referente della programmazione
sui siti internet predisposti rispettivamente dal Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti, dalle regioni e dalle province
autonome, comporta che il referente della programmazione provveda
all’aggiornamento delle schede 1, 2, 3 e 2b, gia’ pubblicate
attenendosi scrupolosamente alle procedure informatiche previste da
ciascun sito.
4) Ai sensi dell’art. 4, comma 1 del decreto ministeriale
22 giugno 2004 si precisa che l’obbligo della preventiva approvazione
di uno studio di fattibilita’ per lavori di importo inferiore ad
1.000.000,00 di euro – o della progettazione preliminare – per lavori
di importo pari o superiore ad 1.000.000,00 di euro – sussiste
unicamente per l’inclusione degli stessi nell’elenco annuale dei
lavori pubblici.
5) Il progetto incluso nell’elenco annuale dei lavori pubblici
deve aver ottenuto la conformita’ urbanistica ed ambientale.
In relazione ai quesiti posti da alcuni enti e amministrazioni si
precisa che la previsione di cui alla scheda 3-Elenco annuale – della
scelta «SI» – «NO» concernente le conformita’ urbanistica ed
ambientale, si deve intendere nel senso che l’obbligo di dette
conformita’, al quale e’ condizionata l’inclusione o meno del lavoro
nell’elenco annuale dei lavori pubblici, sussiste unicamente
all’approvazione dell’elenco annuale contestualmente al bilancio di
previsione e non gia’ all’atto di redazione dello Schema di programma
entro il 30 settembre di ciascun anno. Quindi, le conformita’ in
parola devono essere perfezionate entro la data di approvazione del
Programma triennale e relativo elenco annuale. In caso contrario, se
non si sia ottenuta la conformita’ ambientale e urbanistica, e si sia
ancora nell’ipotesi «NO», il lavoro non puo’ essere incluso
nell’elenco annuale dei lavori e potra’ essere spostato in uno degli
altri anni del programma triennale oppure si potra’ procedere in
corso d’anno all’aggiornamento dell’elenco annuale nei modi stabiliti
dalla normativa vigente.
6) Le disposizioni di cui agli articoli 88 comma 3 del decreto
del Presidente della Repubblica n. 554/1999 e 4 comma 2 del decreto
ministeriale 22 giugno 2004, si ritengono attuate attraverso
l’inserimento dell’indicazione «in economia» nella terza colonna
della scheda 3-Elenco annuale.
Roma, 16 dicembre 2004

Il vice Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti
Martinat

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Chimici.info