MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 6 giugno 2012 | Chimici.info

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 6 giugno 2012

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 6 giugno 2012 - Guida per l'integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici. (12A07621) - (GU n. 159 del 10-7-2012 )

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

DECRETO 6 giugno 2012

Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti
pubblici. (12A07621)

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE
E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
E DEL MARE

Visto l’art. 1, comma 1126, della Legge 27 dicembre 2006, n. 296,
che prevede la predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare, con il concerto dei Ministri
dell’economia e delle finanze e dello sviluppo economico, e con
l’intesa delle Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano,
del «Piano d’azione per la sostenibilita’ ambientale dei consumi
della pubblica amministrazione» (di seguito PAN GPP);
Visti i commi 1126 e 1127 dell’art. 1 della citata legge n.
296/2006 che stabiliscono che detto Piano adotti le misure volte
all’integrazione delle esigenze di sostenibilita’ ambientale nelle
procedure d’acquisto pubblico in determinate categorie merceologiche
oggetto di procedure di acquisti pubblici;
Visto il decreto interministeriale dell’11 aprile 2008 del Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto
con i Ministri dello sviluppo economico e dell’economia e delle
finanze che, ai sensi del citato art. 1, comma 1126, della legge n.
296/2006, ha adottato il PAN GPP;
Visto quanto indicato dall’art. 2 del citato decreto
interministeriale dell’11 aprile 2008 che prevede attraverso decreti
del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare,
sentiti i Ministeri concertanti la definizione degli specifici
obiettivi di sostenibilita’;
Vista la comunicazione della Commissione europea COM (2001) 566 sul
diritto dell’UE applicabile agli appalti pubblici e alle possibilita’
di integrare aspetti sociali negli appalti pubblici;
Vista la comunicazione della Commissione europea al Parlamento
europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al
Comitato delle Regioni COM (2011) 681 relativa alla strategia
rinnovata dell’UE per il periodo 2011-14 in materia di
responsabilita’ sociale delle imprese;
Vista la guida della Commissione europea «Acquisti sociali. Una
guida alla considerazione degli aspetti sociali negli appalti
pubblici» redatta sulla base del documento della Commissione SEC
(2010) 1258 final, che ha come obiettivo di sensibilizzare e
promuovere gli appalti pubblici socialmente responsabili;
Visto quanto indicato dal punto 1.1 del PAN GPP dove viene
richiamata la necessita’ di considerare il tema della sostenibilita’
in modo piu’ ampio tenendo conto, nei bandi di gara della Pubblica
Amministrazione, dei criteri sociali, seguendo cosi’ le indicazioni
europee verso il concetto di acquisti sostenibili;
Preso atto che, in ottemperanza a quanto disposto dal citato art. 2
del decreto interministeriale dell’11 aprile 2008, con note del 20
gennaio 2012, prot. DVA-2012-0001471 e del 20 gennaio 2012, prot.
DVA-2012-0001472 e’ stato chiesto ai Ministeri sviluppo economico e
dell’economia e delle finanze di formulare eventuali osservazioni
sulla «Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti
pubblici»;
Tenuto conto delle osservazioni trasmesse con nota prot. 2626 del
24 febbraio 2012 da parte del Ministero dell’economia e delle
finanze;
Considerato che entro il termine di «trenta giorni dalla ricezione
della presente nota» cosi’ come indicato nelle predette note non sono
pervenute osservazioni dal Ministero dello sviluppo economico;
Visto il documento, allegato al presente decreto, relativo alla:
«Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti
pubblici» elaborato nell’ambito del Comitato di gestione del PAN GPP
con il contributo delle parti interessate attraverso le procedure di
confronto previste dal Piano stesso;
Ritenuto necessario, al fine di tener conto degli aspetti sociali
nei criteri ambientali minimi per quelle categorie di prodotti o
servizi che sono oggetto di maggior rischio di violazione dei diritti
umani, di procedere all’adozione della «Guida per l’integrazione
degli aspetti sociali negli appalti pubblici»;

Decreta:

Tenuto conto delle indicazioni per gli «Acquisti Sostenibili»
contenute nel PAN GPP e nelle comunicazioni della Commissione europea
indicate in premessa, si adotta il documento allegato «Guida per
l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici», che e’
parte integrante del presente decreto.
Il presente decreto unitamente all’allegato e’ pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 6 giugno 2012

Il Ministro: Clini

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE – DECRETO 6 giugno 2012

Chimici.info