MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 8 luglio 2010 | Chimici.info

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 8 luglio 2010

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 8 luglio 2010 - Disposizioni per la gestione dell'anagrafe delle imprese di acquacoltura. (10A11544) - (GU n. 230 del 1-10-2010 )

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 8 luglio 2010

Disposizioni per la gestione dell’anagrafe delle imprese di
acquacoltura. (10A11544)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1996, n.
317, regolamento recante norme per l’attuazione della direttiva
92/102/CEE relativa all’identificazione degli animali;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 2006, n. 158 di attuazione
della direttiva 2003/74/CE concernente il divieto di utilizzo di
alcune sostanze ad azione ormonale, tireostatica e delle sostanze
beta-agoniste nelle produzioni animali;
Vista la decisione 2008/392/CE del 30 aprile 2008 recante modalita’
di applicazione della direttiva 2006/88/CE del Consiglio per quanto
riguarda una pagina informativa su internet per la messa a
disposizione per via elettronica delle informazioni relative alle
imprese di acquacoltura e agli stabilimenti di trasformazione
riconosciuti;
Visto il decreto legislativo 4 agosto 2008, n. 148 di attuazione
della direttiva 2006/88/CE relativa alle condizioni di polizia
sanitaria applicabili alle specie animali d’acquacoltura e ai
relativi prodotti, nonche’ alla prevenzione di talune malattie degli
animali acquatici e alle misure di lotta contro tali malattie;
Visto il regolamento 852 del Parlamento europeo e del Consiglio del
29 aprile 2004 sull’igiene dei prodotti alimentari;
Visto il regolamento 853 del Parlamento europeo e del Consiglio del
29 aprile 2004 che stabilisce norme specifiche in materia di igiene
per gli alimenti di origine animale; Acquisita l’intesa, con la
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 29 aprile
2010;

Decreta:

Art. 1

1. Il presente decreto promuove e regolamenta l’anagrafe nazionale
delle aziende degli allevamenti e delle imprese di acquacoltura, in
seguito denominata anagrafe dell’acquacoltura.
2. Le principali finalita’ dell’anagrafe dell’acquacoltura sono:
a) tutela economico-sanitaria del patrimonio di acquacoltura;
b) supporto nella trasmissione di informazioni sullo stato
sanitario delle aziende, degli allevamenti e delle imprese di
acquacoltura, anche in relazione alle movimentazioni;
c) fornire supporto nella trasmissione di informazioni a tutela
del consumatore.

Art. 2

1. Ai fini del presente decreto si applicano le definizioni di cui
al decreto legislativo 4 agosto 2008, n. 148.
2. Oltre alle citate definizioni, si applicano anche le seguenti:
a) anagrafe dell’acquacoltura sistema di identificazione e di
registrazione delle aziende, degli allevamenti e delle imprese di
acquacoltura;
b) BDN: banca dati dell’anagrafe zootecnica nazionale gestita dal
Centro servizi nazionale, di seguito denominato CSN, gia’ istituito
presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del
Molise, in cui viene attivata una sezione dedicata alla registrazione
delle aziende, degli allevamenti e delle imprese di acquacoltura;
c) validazione: il procedimento operativo al termine del quale il
dato e accettato e registrato nella BDN secondo quanto stabilito dal
manuale operativo;
d) struttura accreditata struttura che, registrata secondo le
modalita’ stabilite dal manuale operativo, dispone di accesso alla
banca dati dell’anagrafe dell’acquacoltura per l’implementazione dei
dati;
e) proprietario dell’impresa di acquacoltura: la persona fisica o
giuridica che ha la proprieta’ degli animali e loro piena
disponibilita’.

Art. 3

1. Nel sistema dell’anagrafe nazionale zootecnica e’ attivata la
sezione dedicata all’acquacoltura esistente sul territorio nazionale,
detta anagrafe dell’acquacoltura.
2. L’anagrafe dell’acquacoltura comprende i seguenti elementi:
a) registrazione delle aziende, degli allevamenti e delle imprese
di acquacoltura;
b) la sezione dell’anagrafe di acquacoltura attivata nella BDN;
c) il registro dell’allevamento e qualsiasi altra documentazione
atta a registrare informazioni rilevanti ai fini dell’anagrafe
dell’acquacoltura.
d) l’anagrafe dell’acquacoltura si basa:
a) sulle dichiarazioni del proprietario o della persona da lui
delegata;
b) sull’assegnazione di un codice univoco identificativo ad
ogni azienda di acquacoltura;
c) sulla registrazione dei dati nella BDN, da realizzarsi nei
tempi e con le modalita’ stabilite dal allegato manuale operativo.
3. Sono responsabili del funzionamento del sistema, ciascuno per le
proprie competenze secondo quanto stabilito dal presente decreto:
a) il proprietario dell’impresa o la persona da lui delegata;
b) le associazioni di categoria e altre strutture o soggetti
accreditati ad operare in BDN;
c) il CSN;
d) i servizi veterinari delle aziende sanitarie locali;
e) le regioni e province autonome di Trento e Bolzano;
f) il Ministero della salute;
g) titolare del trattamento dei dati, e’ il Ministero della
salute tramite il Centro servizi nazionale dell’Istituto
zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del Molise.

Art. 4

1. Le procedure operative di attuazione del presente decreto, sono
definite nell’allegato manuale operativo, che fa parte integrante del
presente decreto.
2. Sono definite tra l’altro:
a) la procedura di iscrizione nell’anagrafe di acquacoltura;
b) la comunicazione di variazione dei dati;
c) la comunicazione di cessazione di attivita’;
d) la procedura di accreditamento dell’associazione di categoria
ed eventualmente di altri enti o soggetti;
e) le variazioni da apportarsi alla BDN per comunicazioni errate;
f) l’accessibilita’ ai dati secondo il diverso profilo di utenza;
g) la composizione e l’assegnazione di un codice univoco
identificativo di ogni azienda.

Art. 5

1. Il proprietario dell’impresa o la persona da esso delegata,
fatto salvo ogni altro obbligo di legge:
a) segnala la propria attivita’ al servizio veterinario
dell’azienda sanitaria locale competente per territorio e richiede
l’attribuzione dei codice identificativo aziendale qualora ne sia
sprovvisto entro 30 giorni dall’attivazione in BDN della sezione
dell’anagrafe di acquacoltura;
b) comunica al servizio veterinario dell’Azienda sanitaria locale
competente per territorio ogni variazione relativa ai dati anagrafici
riguardanti la propria impresa entro 7 giorni.
2. Nel caso di apertura di nuova impresa l’assegnazione del codice
identificativo aziendale sara’ effettuata contestualmente al rilascio
dell’autorizzazione di cui all’art. 4 del decreto legislativo 4
agosto 2008, n. 148.

Art. 6

1. Il servizio veterinario dell’Azienda sanitaria locale competente
per territorio:
a) attribuisce il codice identificativo all’azienda e la registra
in BDN, unitamente alle informazioni sanitarie previste dal decreto
legislativo n. 148 del 4 agosto 2008;
b) e’ connesso alla BDN secondo modalita’ definite dal manuale
operativo;
c) puo’ provvedere all’inserimento delle registrazioni e
comunicazioni degli allevatori secondo le modalita’ previste dal
manuale operativo;
d) effettua controlli per verificare l’applicazione del presente
decreto e ne registra gli esiti in BDN;
e) utilizza i dati contenuti nella BDN per ogni attivita’
finalizzata ai controlli sanitari.

Art. 7

1. Le regioni e province autonome:
a) sono connesse alla BDN anche al fine di utilizzare i dati
della stessa per la programmazione di competenza;
b) effettuano la vigilanza ed il controllo nell’ambito delle
proprie competenze per garantire il rispetto dell’applicazione del
presente decreto.

Art. 8

1. Il Ministero della salute:
a) e’ connesso alla BDN anche al fine di utilizzare i dati della
stessa per la programmazione di competenza;
b) utilizza le aggregazioni di dati su richiesta di istituzioni
comunitarie o a scopi istituzionali;
c) effettua a vigilanza ed il controllo nell’ambito delle proprie
competenze per garantire il rispetto dell’applicazione del presente
decreto.
2. Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, per
le specifiche competenze nel settore dell’acquacoltura, puo’ accedere
alle informazioni contenute nella BDN. I soggetti che operano nel
settore dell’acquacoltura le cui attivita’ rientrano nell’ambito
delle competenze del Ministero delle politiche agricole, alimentari e
forestali che non dispongano dell’accesso per l’alimentazione della
BDN, devono inoltrare richiesta al Ministero del lavoro, della salute
e delle politiche sociali per il tramite del Ministero delle
politiche agricole, alimentari e forestali al quale spetta
verificarne l’ammissibilita’.

Art. 9

1. I dati relativi alle movimentazioni di cui all’art. 5, comma 2
del decreto legislativo n. 148 del 4 agosto 2008 devono essere
registrati obbligatoriamente in BDN a partire dal 31 dicembre 2012.
2. I dati relativi alle movimentazioni di cui all’art. 9 del
decreto legislativo n. 148 del 4 agosto 2008 possono essere
registrati anche in formato elettronico, ai fini della
rintracciabilita’, in BDN.
3. Sono registrate in BDN anche le movimentazioni relative alla
semina in acque pubbliche.

Art. 10

1. Gli adempimenti previsti dal presente decreto sono attuati in
maniera da consentire la piena operativita’ delle disposizioni ivi
contenute a partire dall’entrata in vigore del presente decreto.
2. Le disposizioni del presente decreto si applicano
compatibilmente con gli statuti di autonomia e le relative norme di
attuazione.
3. Dall’attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto
non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza
pubblica.
Il presente decreto e’ inviato alla Corte dei conti per la
registrazione ed e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 8 luglio 2010

Il Ministro: Fazio

Registrato alla Corte dei conti il 6 agosto 2010
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 13, foglio n. 323

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 8 luglio 2010

Chimici.info