MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 3 novembre 2011 | Chimici.info

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 3 novembre 2011

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 3 novembre 2011 - Modifica del decreto 27 luglio 2000, recante «Equipollenza di diplomi e attestati, al diploma universitario di tecnico della prevenzione dell'ambiente e luoghi di lavoro, ai fini dell'esercizio professionale e dell'accesso alla formazione post-base». (11A15215) - (GU n. 277 del 28-11-2011 )

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 3 novembre 2011

Modifica del decreto 27 luglio 2000, recante «Equipollenza di diplomi
e attestati, al diploma universitario di tecnico della prevenzione
dell’ambiente e luoghi di lavoro, ai fini dell’esercizio
professionale e dell’accesso alla formazione post-base». (11A15215)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE,
DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Visto l’articolo 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.
502, e successive modificazioni;
Vista la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in
materia di professioni sanitarie;
Visto in particolare l’articolo 4, comma l, della citata legge,
secondo cui i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla
precedente normativa, che abbiano permesso l’iscrizione ai relativi
albi professionali o l’attivita’ professionale in regime di lavoro
dipendente o autonomo o che siano previsti dalla normativa
concorsuale del personale del servizio sanitario nazionale o degli
altri comparti del settore pubblico, sono equipollenti ai diplomi
universitari di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo
30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ai tini
dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione
post-base;
Visto il decreto ministeriale 17 gennaio 1997, n. 58, recante
«Regolamento concernente la individuazione della figura e relativo
profilo professionale del tecnico della prevenzione nell’ambiente e
nei luoghi di lavoro»;
Visto il decreto ministeriale 27 luglio 2000, recante «Equipollenza
di diplomi e attestati al diploma universitario di tecnico della
prevenzione dell’ambiente e luoghi di lavoro, ai fini dell’esercizio
professionale e dell’accesso alla formazione post-base»;
Considerato che fra i titoli dichiarati equipollenti al diploma
universitario di tecnico della prevenzione dell’ambiente e luoghi di
lavoro e’ compreso il titolo di Operatore di vigilanza e ispezione di
cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n.
761, mentre non figura il titolo di Guardia di sanita’ previsto dal
medesimo decreto del Presidente della Repubblica n. 761 del 1979;
Considerato che le due figure professionali risultano
corrispondenti quanto a mansioni e competenze e si differenziano
esclusivamente per le strutture presso cui vengono impiegate, essendo
gli Operatori di vigilanza e ispezione in servizio presso le aziende
sanitarie e le Guardie di sanita’ presso il Ministero della sanita’,
ora Ministero della salute;
Visto il parere n. 4442/2010, con cui il Consiglio di Stato ha
chiarito che, in ossequio al principio di imparzialita’ dell’azione
amministrativa, e’ corretto procedere all’integrazione del citato
decreto ministeriale 27 luglio 2000 ricomprendendo, fra i titoli
ritenuti equipollenti a quello di tecnico della prevenzione
nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, anche quello di Guardia di
sanita’;
Visto che nel Comando Carabinieri per la tutela della salute e’
confluito anche il personale del Comando antidroga, ai sensi del
decreto ministeriale 23 gennaio 1996, come modificato dal decreto
ministeriale 26 febbraio 2008, al fine di fronteggiare in modo piu’
efficace tutte le emergenze in materia di sanita’ pubblica;
Considerato che gli ufficiali, i marescialli e i brigadieri in
servizio presso il Comando Carabinieri per la tutela della salute che
hanno superato, prima dell’entrata in vigore della citata legge n. 42
del 1999, corsi di specializzazione presso Istituti militari di
istruzione o presso il Ministero della salute: svolgono la vigilanza
istituzionale nelle materie della sicurezza alimentare, sanitaria,
farmaceutica, polizia veterinaria, cosmetovigilanza, biocidi, presidi
medico-chirurgici, dispositivi medici e diagnostici in vitro e lotta
al doping; effettuano ispezioni e impartiscono prescrizioni in tema
di sicurezza nei luoghi di lavoro;
Ritenuto, pertanto, di provvedere alla modifica del citato decreto
ministeriale 27 luglio 2000, al fine di ricomprendere, fra i titoli
equipollenti a quello di tecnico della prevenzione nell’ambiente e
nei luoghi di lavoro: a) quello di Guardia di sanita’ di cui al
decreto del Presidente della Repubblica del 20 dicembre 1979, n. 761,
conseguito entro e non oltre la data di entrata in vigore della
citata legge n. 42 del 1999; b) quello in possesso degli ufficiali,
dei marescialli e dei brigadieri in servizio al Comando Carabinieri
per la tutela della salute che hanno effettuato corsi di
specializzazione presso Istituti militari di istruzione o presso il
Ministero della salute prima dell’entrata in vigore della citata
legge n. 42 del 1999;

Decreta:

Art. 1

1. Nella Sezione B della tabella di cui al decreto ministeriale 27
luglio 2000, recante «Equipollenza di diplomi e attestati al diploma
universitario di tecnico della prevenzione dell’ambiente e luoghi di
lavoro, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla
formazione post-base», sono aggiunti i seguenti titoli:
Guardia di sanita’ – decreto del Presidente della Repubblica 20
dicembre 1979, n. 761;
Personale dell’ex-Comando antidroga e dell’ex-Comando
antisofisticazioni e sanita’ transitato nel Comando Carabinieri per
la tutela della salute, con il grado minimo di brigadiere.

Art. 2

1. Dall’attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o
maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
Il presente decreto e’ trasmesso agli organi di controllo e
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
Roma, 3 novembre 2011

Il Ministro della salute
Fazio

Il Ministro dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca
Gelmini

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 3 novembre 2011

Chimici.info