MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 26 febbraio 2010 | Chimici.info

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 26 febbraio 2010

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 26 febbraio 2010 - Versamento di un contributo alle spese e accreditamento e svolgimento delle attivita' di formazione continua. (10A07129) - (GU n. 134 del 11-6-2010 )

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 26 febbraio 2010

Versamento di un contributo alle spese e accreditamento e svolgimento
delle attivita’ di formazione continua. (10A07129)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Visto l’art. 16-ter del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.
502, e successive modificazioni;
Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante «Disposizioni per
la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato»;
Visto, in particolare, l’art. 92, comma 5 della richiamata legge n.
388 del 2000, che prevede che «i soggetti pubblici e privati e le
societa’ scientifiche che chiedono il loro accreditamento per lo
svolgimento di attivita’ di formazione continua ovvero
l’accreditamento di specifiche attivita’ formative promosse o
organizzate dagli stessi ai fini dell’attribuzione dei crediti
formativi sono tenuti al preventivo versamento all’entrata del
bilancio dello Stato di un contributo alle spese fissato dalla
Commissione nazionale per la formazione continua di cui all’art.
16-ter nella misura da un minimo di euro 258,22 (lire 500.000) ad un
massimo di euro 2.582,28 (lire 5.000.000), in base a criteri
oggettivi determinati con decreto del Ministro della sanita’ su
proposta della commissione stessa»;
Visto il decreto del Ministro della salute 27 dicembre 2001, in
base al quale e’ stato determinato il contributo alle spese dovuto
dai soggetti pubblici e privati e dalle societa’ scientifiche, che
chiedono, ai sensi dell’art. 16-ter del decreto legislativo 30
dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, l’accreditamento
di specifiche attivita’ formative, promosse o organizzate dagli
stessi ai fini dell’attribuzione di crediti formativi;
Visto l’Accordo stipulato in sede di Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato le regioni e le province autonome di Trento e
di Bolzano in data 1° agosto 2007, rep. atti n. 168/CSR recante il
«Riordino del sistema di formazione continua in medicina»;
Visto l’art. 2, comma 357, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, in
base al quale il sistema di Educazione continua in medicina (ECM) e’
disciplinato secondo le disposizioni di cui al citato Accordo del 1°
agosto 2007 ed in base al quale la gestione amministrativa del
programma ECM ed il supporto alla Commissione nazionale per la
formazione continua di cui all’art. 16-ter del decreto legislativo 30
dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni sono trasferiti
all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali;
Visto l’art. 2, comma 358, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, in
base al quale i contributi alle spese previsti all’art. 92, comma 5,
della legge 23 dicembre 2000, n. 388, affluiscono direttamente al
bilancio dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali ai
fini della copertura degli oneri dalla stessa sostenuti, ivi incluse
le spese di funzionamento della Commissione nazionale per la
formazione continua e degli ulteriori organismi previsti dal citato
Accordo;
Visto il decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle
politiche sociali 24 settembre 2008, con il quale e’ stata
ricostituita la Commissione nazionale per la formazione continua,
secondo la composizione individuata nel predetto Accordo del 1°
agosto 2007;
Visto l’Accordo stipulato in data 5 novembre 2009, rep. atti n.
192, in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano concernente «Il
nuovo sistema di formazione continua in medicina – Accreditamento dei
Provider ECM, formazione a distanza, obiettivi formativi, valutazione
della qualita’ del sistema formativo sanitario, attivita’ formative
realizzate all’estero, liberi professionisti»;
Vista la proposta della Commissione nazionale per la formazione
continua, formulata nella seduta del 13 gennaio 2010 avente ad
oggetto il contributo annuale dovuto dai soggetti pubblici e privati
e dalle societa’ scientifiche che chiedono il loro accreditamento
ovvero il contributo dovuto dagli stessi per l’accreditamento di
specifiche attivita’ di formazione continua promosse o organizzate
dagli stessi ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi;
Ritenuto di determinare i criteri in conformita’ alla predetta
proposta;

Decreta:

Art. 1

Contributo

1. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche, che
chiedono, ai sensi dell’art. 16-ter del decreto legislativo 30
dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, il loro
accreditamento per lo svolgimento di attivita’ di formazione
continua, ovvero l’accreditamento di specifiche attivita’ formative
promosse o organizzate dagli stessi ai fini dell’attribuzione dei
crediti formativi sono tenuti al preventivo versamento al bilancio
dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Age.Na.S.)
di un contributo alle spese determinato in base ai seguenti criteri
proposti dalla Commissione nazionale per la formazione continua:
a) il contributo alle spese annuale dovuto dai soggetti pubblici e
privati e dalle societa’ scientifiche (provider) che chiedono il loro
accreditamento per lo svolgimento di attivita’ di formazione continua
e’ stabilito in euro 2.582,28;
b) il contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati
e dalle societa’ scientifiche (provider) per l’accreditamento di
specifiche attivita’ formative a distanza promosse o organizzate
dagli stessi ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi e’
stabilito secondo le seguenti modalita’:
da 1 a 5 crediti formativi, il contributo alle spese e’ stabilito
in euro 2.582,28 per l’attribuzione dei crediti formativi fino a
1.000 partecipanti ed ulteriori euro 2.582,28 per l’attribuzione dei
crediti formativi ogni ulteriori 2.000 partecipanti o frazione di
essi;
da 6 a 10 crediti formativi il contributo alle spese e’ stabilito
in euro 2.582,28 per l’attribuzione dei crediti formativi fino a
1.000 partecipanti ed ulteriori euro 2.582,28 per l’attribuzione dei
crediti formativi ogni ulteriori 1.500 partecipanti o frazione di
essi;
da 11 crediti formativi in poi il contributo alle spese e’
stabilito in euro 2.582,28 per l’attribuzione dei crediti formativi
fino a 1.000 partecipanti ed ulteriori euro 2.582,28 per
l’attribuzione dei crediti formativi ogni ulteriori 1.000
partecipanti o frazione di essi;
c) il contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e
privati e dalle societa’ scientifiche (provider) per l’accreditamento
di specifiche attivita’ formative residenziali promosse o organizzate
dagli stessi ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi,
nell’ambito dei piani formativi ed il contributo alle spese per
l’accreditamento di specifiche attivita’ formative accreditate dalla
Commissione nazionale per la formazione continua, promosse o
organizzate dai soggetti pubblici e privati e dalle societa’
scientifiche, ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi, e’
stabilito secondo le seguenti modalita’:
il contributo dovuto per ciascun evento formativo accreditato e’
stabilito da un minimo di euro 258,22 ad un massimo di euro 1.500,00;
il contributo minimo di euro 258,22 e’ riferito ad eventi formativi
che abbiano ricevuto una valutazione fino a 10 crediti formativi;
il contributo per gli eventi formativi che abbiano ricevuto una
valutazione superiore a 10 crediti, e’ determinato maggiorando il
contributo minimo di euro 258,22 di euro 31,00 per ogni credito
eccedente i 10, fino ad un massimo di euro 1.500,00;
si confermano le disposizioni di cui al decreto ministeriale 27
dicembre 2001 in ordine alla misura del contributo alle spese per i
progetti formativi aziendali accreditati dalla Commissione nazionale
per la formazione continua, dagli Istituti di ricovero e cura a
carattere scientifico (IRCCS), dagli Istituti zooprofilattici
sperimentali (II.ZZ.SS.), dai policlinici universitari in qualita’ di
provider accreditati dalla Commissione nazionale per la formazione
continua, fatti salvi eventuali accordi in materia di ECM tra
l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Age.Na.S), le
regioni e le province autonome interessate, in ordine alla misura e
determinazione del contributo alle spese;
d) il contributo alle spese di cui alle lettere b) e c) e’
determinato nella misura descritta alle lettere stesse, ridotta di
1/3, in favore dei soggetti che non godono di finanziamenti, di
qualsiasi natura, in favore dell’organizzazione e dell’erogazione
dell’attivita’ formativa;
e) il contributo alle spese dovute dai soggetti pubblici e
privati e dalle societa’ scientifiche per l’accreditamento di
specifiche attivita’ formative promosse o organizzate dagli stessi ai
fini dell’attribuzione dei crediti formativi che si svolgono
all’estero e’ stabilito nella somma di euro 2.582,22 per ogni singola
attivita’ formativa accreditata.

Art. 2

Termini e provvedimenti

1. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche
(provider) che chiedono il loro accreditamento, sono tenuti al
versamento all’entrata del bilancio dell’Age.Na.S. del contributo
alle spese nella misura indicata all’art. 1, lettera a), entro
sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione di accreditamento
provvisorio o standard.
2. Il contributo alle spese per l’accreditamento dei soggetti
pubblici e privati e delle societa’ scientifiche (provider) e’
riferito all’anno solare.
3. Il mancato versamento del suddetto contributo alle spese o il
versamento in misura inferiore a quella prescritta, entro i termini
sopra indicati, comporta la revoca dell’accreditamento provvisorio o
standard dei soggetti pubblici e privati e delle societa’
scientifiche stessi, previa diffida dell’ente accreditante.
4. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche
(provider), per procedere alla registrazione dei crediti formativi
erogati, presso il sistema informatico della Commissione nazionale
per la formazione continua e presso il Consorzio gestione anagrafica
delle professioni sanitarie Co.Ge.A.P.S., sono tenuti al versamento
del contributo alle spese all’entrata del bilancio dell’Age.Na.S. per
ogni attivita’ formativa a distanza sulla base del numero dei crediti
formativi e del numero dei partecipanti, secondo i criteri di cui
all’art. 1, lettere b) e d).
5. Il versamento deve essere effettuato entro novanta giorni dalla
data di fine erogazione dell’attivita’ formativa, in funzione dei
crediti formativi effettivamente attribuiti.
6. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche
(provider), per procedere alla registrazione dei crediti formativi
erogati, presso il sistema informatico della Commissione nazionale
per la formazione continua e presso il Co.Ge.A.P.S., sono tenuti al
versamento del contributo alle spese all’entrata del bilancio
dell’Age.Na.S. per ogni attivita’ formativa residenziale rientrante
nel Piano formativo, sulla base del numero dei crediti formativi,
secondo i criteri di cui all’art. 1, lettere c) e d). Il versamento
deve essere effettuato entro novanta giorni dalla data di fine
erogazione dell’attivita’ formativa.
7. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche,
accreditate presso le regioni e le province autonome, che chiedono
l’accreditamento delle singole attivita’ formative promosse o
organizzate dagli stessi, ai fini dell’attribuzione dei crediti
formativi, alla Commissione nazionale per la formazione continua,
sono tenuti al versamento del contributo alle spese all’entrata del
bilancio dell’Age.Na.S. per ogni attivita’ formativa residenziale
accreditata, sulla base del numero dei crediti formativi, secondo i
criteri di cui all’art. 1, lettere c) e d) .
8. Si applicano i criteri di cui all’art. 1, lettera e), nel caso
di attivita’ formativa svolta all’estero.
9. Il versamento del contributo alle spese da parte dei soggetti
pubblici e privati e delle societa’ scientifiche per l’accreditamento
delle attivita’ formative accreditate dalla Commissione, promosse o
organizzate dagli stessi, deve essere effettuato entro novanta giorni
dalla data di fine erogazione dell’attivita’ formativa.
10. Per procedere alla registrazione dei crediti formativi erogati,
presso il sistema informatico della Commissione nazionale per la
formazione continua, i soggetti pubblici e privati e le societa’
scientifiche sono tenuti al versamento del contributo alle spese ed
alla registrazione dei dati relativi al pagamento effettuato nel
sistema informatico della Commissione nazionale della formazione
continua.
11. I dati relativi agli elenchi dei partecipanti sono trasmessi al
Co.Ge.A.P.S. a cura della Commissione.
12. Il mancato versamento del contributo alle spese o il versamento
in misura inferiore a quella prescritta entro i termini indicati nei
commi 4, 5, 6 e 7 determina l’impossibilita’ di effettuare la
registrazione dei crediti erogati e la decadenza dell’accreditamento
dell’attivita’ formativa stessa, previa diffida dell’ente
accreditante.
13. Il versamento del contributo deve essere registrato nel sistema
informatico ECM nei termini sopra indicati ed attribuisce validita’
all’accreditamento. L’attestazione del versamento del contributo alle
spese deve essere reso disponibile, su richiesta della Commissione
nazionale per la formazione continua, ogni volta che se ne determina
la necessita’.

Art. 3

Registrazione partecipanti

1. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche
(provider) devono registrare nel sistema informatico della
Commissione nazionale per la formazione continua e presso il
Co.Ge.A.P.S. gli elenchi degli operatori sanitari che hanno acquisito
i crediti formativi, ogni semestre, almeno ogni anno e comunque prima
della trasmissione della relazione annuale.
2. I soggetti pubblici e privati e le societa’ scientifiche
(provider) che erogano corsi utilizzando sistemi di formazione a
distanza sono comunque tenuti ad inviare alla Commissione nazionale
per la formazione continua l’elenco di tutti gli iscritti che si sono
registrati ai predetti corsi anche se non hanno superato la prova di
apprendimento o hanno provveduto ad effettuare la sola registrazione
al corso.
3. Gli elenchi di cui al comma 1, sono distinti rispetto a quelli
contenuti nell’elenco dei partecipanti che hanno acquisiti i crediti
formativi.
4. Resta fermo l’attuale sistema di registrazione degli elenchi dei
partecipanti, gia’ definito dalle determinazioni applicative assunte
dalla Commissione nazionale per la formazione continua, per le
attivita’ formative accreditate dalla Commissione nazionale per la
formazione continua, promosse o organizzate dai soggetti pubblici e
privati e dalle societa’ scientifiche.
Il presente decreto sara’ trasmesso agli organi di controllo e
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 26 febbraio 2010

Il Ministro: Fazio

Registrato alla Corte dei conti il 15 aprile 2010
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 5, foglio n. 281

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 26 febbraio 2010

Chimici.info