MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 19 febbraio 2010 | Chimici.info

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 19 febbraio 2010

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 19 febbraio 2010 - Piano nazionale di controllo di salmonella enteritidis e typhimurium, nei gruppi di tacchini da riproduzione e da ingrasso - condizioni e modalita' di abbattimento. (10A06837) (GU n. 129 del 5-6-2010 )

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 19 febbraio 2010

Piano nazionale di controllo di salmonella enteritidis e typhimurium,
nei gruppi di tacchini da riproduzione e da ingrasso – condizioni e
modalita’ di abbattimento. (10A06837)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Visto il testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio
decreto 27 luglio 1934, n. 1265;
Visto il regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320;
Vista la legge 23 gennaio 1978, n. 833 e successive modifiche;
Visto l’art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Vista la legge 2 giugno 1988, n. 218, che stabilisce misure di
lotta contro l’afta epizootica ed altre malattie epizootiche degli
animali;
Visto il decreto ministeriale 20 luglio 1989, n. 298, regolamento
per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di
mercato degli animali abbattuti ai sensi della legge 2 giugno 1988,
n. 218, recante misure per la lotta contro l’afta epizootica ed altre
malattie epizootiche degli animali;
Visto il decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 191, di attuazione
della direttiva 2003/99/CEE del Parlamento europeo e del Consiglio
sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici;
Visto il regolamento n. 2160/2003 del Parlamento europeo e del
Consiglio, e successive modifiche ed integrazioni, sul controllo
della salmonella e di altri agenti zoonotici specifici presenti negli
alimenti;
Vista la decisione n. 90/424/CEE del Consiglio del 26 giugno 1990,
e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172, di istituzione del
Ministero della salute e incremento del numero complessivo dei
Sottosegretari di Stato;
Considerato che il piano nazionale di controllo presentato
dall’Italia e’ stato approvato dalla Commissione europea con la
decisione 2009/771 del 20 ottobre 2009 e decisione 2009/883 del 26
novembre 2009;

Decreta:

Art. 1

1. E’ resa obbligatoria su tutto il territorio nazionale
l’esecuzione del piano di controllo di salmonella enteritidis
e typhimurium nei gruppi di tacchini da riproduzione e da ingrasso,
di seguito denominato piano, secondo i criteri e le modalita’
delineati nell’allegato I che costituisce parte integrante del
presente decreto.
2. Il piano ha durata triennale, dal 1° gennaio 2010 al 31 dicembre
2012.
3. Le regioni e province autonome, nell’ambito delle attivita’ di
programmazione e coordinamento, predispongono indirizzi per
disciplinare l’attuazione degli interventi previsti nell’allegato I,
verificandone l’applicazione.
4. Le regioni e province autonome provvedono a registrare nel
sistema informativo del programma di controllo delle salmonellosi
zoonotiche, con frequenza almeno trimestrale, i dati relativi ai
singoli controlli. La registrazione deve essere completata entro il
15 marzo di ogni anno.
5. In caso di riscontro di positivita’ saranno registrati anche i
dati relativi alla gestione del focolaio.
6. Gli istituti zooprofilattici sperimentali comunicano
tempestivamente all’azienda sanitaria locale competente per
territorio, alla regione nonche’ al Ministero della salute gli esiti
positivi di tutti gli esami di laboratorio da essi effettuati nel
corso dell’espletamento delle attivita’ del piano.

Art. 2

1. Per i tacchini da riproduzione abbattuti e distrutti da parte
del Servizio veterinario ufficiale nell’ambito di applicazione del
piano a partire dal 1° gennaio 2010 fino al 31 dicembre 2012 e’
concessa al proprietario o al soccidario un’indennita’ calcolata
secondo le modalita’ e i limiti stabiliti dall’art. 2 della legge 2
giugno 1988, n. 218.
2. Per avere diritto all’indennita’ di cui al comma 1, il
campionamento dev’essere stato effettuato ufficialmente e secondo le
modalita’ di cui all’allegato I.

Art. 3

1. Il presente decreto ha validita’ dal 1° gennaio 2010 al 31
dicembre 2012.

Art. 4

1. Il presente decreto e’ inviato alla Corte dei conti per la
registrazione ed e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 19 febbraio 2010

Il Ministro: Fazio
Registrato alla Corte dei conti il 15 aprile 2010
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 5, foglio n. 280

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 19 febbraio 2010

Chimici.info