MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE - DECRETO 30 agosto 2006 | Chimici.info

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE – DECRETO 30 agosto 2006

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE - DECRETO 30 agosto 2006 - Modalita' e termini per la presentazione di progetti finalizzati all'attuazione di un'Azione pilota diretta alla formazione per la pubblica amministrazione nell'ambito del Programma operativo nazionale 2000-2006 «Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico, alta formazione» Asse III, Misura III.3 - Formazione di alte professionalita' per adeguare le competenze della pubblica amministrazione in materia di R&S e relativa valorizzazione. (GU n. 209 del 8-9-2006)

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

DECRETO 30 agosto 2006
Modalita’ e termini per la presentazione di progetti finalizzati
all’attuazione di un’Azione pilota diretta alla formazione per la
pubblica amministrazione nell’ambito del Programma operativo
nazionale 2000-2006 «Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico, alta
formazione» Asse III, Misura III.3 – Formazione di alte
professionalita’ per adeguare le competenze della pubblica
amministrazione in materia di R&S e relativa valorizzazione.

IL DIRETTORE GENERALE
per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca
Visto il Programma operativo nazionale «Ricerca, alta formazione
e sviluppo tecnologico» per l’utilizzo, nel periodo 2000-2006, dei
fondi strutturali della Unione europea nelle regioni dell’obiettivo 1
del territorio nazionale;
Visto il Complemento di programmazione del predetto PON,
approvato in data 14 novembre 2000 dal Comitato di sorveglianza del
programma, e successive modifiche e integrazioni;
Visti, in particolare, i contenuti e gli obiettivi della Misura
III.3 «Formazione di alte professionalita’ per adeguare le competenze
della pubblica amministrazione in materia di R&S e relativa
valorizzazione»;
Considerata l’esigenza di procedere all’emanazione di un avviso
pubblico per il cofinanziamento di progetti nell’ambito della
suddetta Misura;
Decreta:

Art. 1.
E’ emanato l’avviso n. 1691/Ric riportante «Modalita’ e termini
per la presentazione di progetti finalizzati all’attuazione di
un’Azione pilota diretta alla formazione per la pubblica
amministrazione nell’ambito del Programma operativo nazionale
2000-2006 “Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico, alta
formazione” Asse III, Misura III.3 – Formazione di alte
professionalita’ per adeguare le competenze della pubblica
amministrazione in materia di R&S e relativa valorizzazione» allegato
al presente decreto e parte integrante dello stesso.

Art. 2.
Il predetto avviso verra’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e sul sito web di questa Amministrazione.
Roma, 30 agosto 2006
Il direttore generale: Criscuoli

Allegato
MODALITA’ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI
ALL’ATTUAZIONE DI UN’AZIONE PILOTA DIRETTA ALLA FORMAZIONE PER LA
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO
NAZIONALE 2000-2006 «RICERCA SCIENTIFICA, SVILUPPO TECNOLOGICO,
ALTA FORMAZIONE» ASSE III, MISURA III.3 – FORMAZIONE DI ALTE
PROFESSIONALITA’ PER ADEGUARE LE COMPETENZE DELLA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE IN MATERIA DI R&S E RELATIVA VALORIZZAZIONE
1. Ambito di riferimento.
Nel rispetto di quanto previsto nel Programma operativo nazionale
2000-2006 «Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico, alta
formazione», adottato con decisione della Commissione europea C
(2000) n. 2343 dell’8 agosto 2000 per le regioni dell’Obiettivo 1
(Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna) e
successive modifiche, che assegna al Ministero dell’universita’ e
della ricerca (ex-Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca di seguito Ministero) la titolarita’ di un’incisiva azione
nel campo della valorizzazione e qualificazione delle risorse umane:
Visti gli orientamenti del QCS Ob.1 2000-2006 in materia di
ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione, tesi a:
accrescere la propensione all’innovazione di prodotto, processo
ed organizzativa delle imprese meridionali (Ob. 30);
rafforzare il sistema della ricerca scientifico-tecnologica del
Mezzogiorno, migliorando i collegamenti tra i sottosistemi
scientifici ed il sistema imprenditoriale, anche con la finalita’ di
promuovere il trasferimento tecnologico, la nascita di imprese «sulla
frontiera» e l’attrazione di insediamenti «high-tech» (Ob. 28);
rafforzare e migliorare il sistema dell’alta formazione
meridionale, generare nuovo capitale umano qualificato, anche per
rafforzare le relazioni con i Paesi del Mediterraneo (Ob. 29);
sostenere il crescente inserimento della comunita’ scientifica
meridionale in reti di cooperazione internazionale (Ob. 31);
promuovere la ricerca e l’innovazione nei settori piu’
strategici del Mezzogiorno (Ob. 32);
Visto l’obiettivo globale del PON 2000-2006 di «rafforzare la
capacita’ di ricerca e innovazione del sistema meridionale, inserendo
i relativi interventi in un quadro strategico volto alla
modernizzazione della struttura sociale ed economica del Mezzogiorno,
al miglioramento dell’alta formazione e alla qualificazione
dell’occupazione…»;
Viste le finalita’ dell’asse III «Sviluppo del capitale umano di
eccellenza» del PON 2000-2006 volte a:
sviluppare il potenziale umano nei settori della ricerca,
dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico favorendo la creazione
di un sistema della ricerca aperto ed integrato anche utilizzando le
misure previste dalla piu’ recente normativa in materia;
sviluppare la formazione continua con priorita’ alle PMI e
sostenere le politiche di rimodulazione degli orari e di
flessibilizzazione del mercato del lavoro;
sviluppare le competenze della pubblica amministrazione;
promuovere un’offerta adeguata di formazione superiore e
universitaria;
adeguare il sistema della formazione professionale e
dell’istruzione;
accrescere la partecipazione e rafforzare la posizione delle
donne nel mercato del lavoro;
Viste le disposizioni contenute nel PON 2000-2006 e nel
Complemento di programmazione con riferimento alla Misura III.3 –
Formazione di alte professionalita’ per adeguare le competenze della
pubblica amministrazione in materia di R&ST e relativa
valorizzazione;
Considerate le necessita’ che emergono dall’evoluzione della
politica in materia di ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e
alta formazione, con particolare riferimento alle attivita’ derivanti
dalla riprogrammazione operata nel 2003, nonche’ alla nuova
programmazione dei Fondi strutturali 2007-2013;
Considerato il ruolo strategico dell’Alta formazione per la
crescita competitiva del settore della ricerca, generata attraverso
la valorizzazione del capitale umano;
Visti le finalita’ e i contenuti dell’avviso 1734/RIC del
5 dicembre 2004 recante modalita’ e termini per la presentazione di
domande di servizi formativi per la pubblica amministrazione
finalizzati all’avvio di un’Azione pilota di alta formazione
nell’ambito del Programma operativo nazionale 2000-2006 «Ricerca
scientifica, sviluppo tecnologico, alta formazione» Asse III, Misura
III.3 – Formazione di alte professionalita’ per adeguare le
competenze della Pubblica Amministrazione in materia di R&S e
relativa valorizzazione;
Considerati i fabbisogni espressi dalla pubblica amministrazione
attraverso la presentazione al Ministero delle domande di servizi
formativi in risposta all’avviso n. 1734/2004;
Considerati gli esiti dell’analisi della suddetta rilevazione
condotta dal Gruppo tecnico di valutazione delle domande di servizi
formativi formulate in risposta all’avviso 1734/2004, costituito con
decreto n. 1895/RIC del 2 settembre 2005;
Considerate le note pervenute al Ministero con cui le
amministrazioni destinatarie hanno confermato i propri fabbisogni;
il Ministero, attraverso l’impiego delle risorse messe a disposizione
dal Programma operativo nazionale «Ricerca scientifica, sviluppo
tecnologico, alta formazione 2000-2006», promuove un’Azione pilota,
articolata in piu’ interventi individuati in base alla tipologia di
destinatario, finalizzata alla formazione e all’aggiornamento
professionale del personale dipendente della pubblica amministrazione
che opera nella programmazione, progettazione, attuazione e
valutazione di interventi nel settore della Ricerca scientifica,
dello sviluppo tecnologico e dell’alta formazione a sostegno delle
regioni Ob. 1.
2. Obiettivi della misura III.3 e articolazione dell’Azione pilota.
Il Programma operativo nazionale 2000-2006 – Misura III.3 intende
rispondere alla crescente domanda di professionalizzazione di quanti
all’interno delle amministrazioni pubbliche sono chiamati a formulare
e realizzare programmi e interventi nel settore della Ricerca
scientifica, dello sviluppo tecnologico, dell’innovazione e dell’alta
formazione, a sostegno dello sviluppo delle Regioni Ob. 1.
Il Ministero con il presente avviso, in coerenza con le strategie
e gli ambiti operativi della Misura III.3 – Formazione di alte
professionalita’ per adeguare le competenze della pubblica
amministrazione in materia di R&STI e relativa valorizzazione,
intende realizzare un’Azione pilota finalizzata ad adeguare le
abilita’ del personale della pubblica amministrazione nella:
formulazione di indirizzi programmatici e nello sviluppo
ideativo di interventi di Ricerca e sviluppo tecnologico e
innovazione (di seguito denominati R&STI) e Alta formazione, in
coerenza con gli obiettivi ed i contenuti del Quadro comunitario di
sostegno, dei programmi e iniziative comunitari, del Piano nazionale
della ricerca, degli strumenti di incentivazione nazionali (es.
decreto legislativo n. 297/1999) e regionali, dei programmi e delle
iniziative a interesse regionale;
gestione di programmi e di azioni in accordo con il quadro
programmatorio definito dalle amministrazioni pubbliche;
implementazione di strategie volte a rafforzare i raccordi e le
integrazioni tra le amministrazioni che a vario titolo intervengono
nella filiera della R&STI e Alta formazione;
ricerca di soluzioni organizzative ottimali per l’innalzamento
della qualita’ dei servizi offerti in materia di R&STI e Alta
formazione.
L’Azione pilota, nel rispetto degli obiettivi suindicati, e’
stata definita sulla base delle caratteristiche quali-quantitative
delle domande di servizi formativi pervenute al Ministero a seguito
dell’emanazione dell’avviso n. 1734/2004.
L’analisi dei suddetti fabbisogni, realizzata dal Gruppo tecnico
di valutazione di cui al punto n. 1 Ambito di riferimento del
presente avviso, ha condotto alla definizione delle seguenti Linee di
intervento, i cui contenuti sono descritti al successivo punto n. 6
Linee di intervento, ambiti tematici, caratteristiche dei progetti e
approfonditi nell’Allegato 1 – Scheda tecnica dell’Azione pilota:
Linea di intervento A – Amministrazioni regionali, enti
pubblici funzionali ed enti locali
Linea di intervento B – Universita’ ed enti pubblici di ricerca
Linea di intervento C – Istituti di Alta formazione artistica,
musicale e coreutica
Linea di intervento D – Camere di Commercio I.A.A.
Linea di intervento E – Azione trasversale per
l’accompagnamento e la valorizzazione degli interventi.
Ogni candidatura, avanzata dai soggetti di cui al successivo
punto n. 3 Tipologia e requisiti dei soggetti attuatori del presente
avviso, puo’ riguardare esclusivamente una Linea di intervento, pena
l’inammissibilita’ del progetto.
3. Tipologia e requisiti dei soggetti attuatori.
I progetti inerenti le Linee di intervento di cui al precedente
punto n. 2 Obiettivi della Misura III.3 ed articolazione dell’Azione
pilota, possono essere presentati da:
a) Universita’ statali e non statali che rilasciano titolo
avente valore legale;
b) Consorzi Universitari;
c) Consorzi Interuniversitari;
d) Istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica
che rilasciano titolo avente valore legale;
e) Centri di ricerca e innovazione pubblici o privati che nel
rispetto dei fini statutari svolgano attivita’ di formazione;
f) Enti e istituti di formazione pubblici o privati;
g) Societa’ di consulenza e formazione per la P.A.
E’ ammessa la costituzione di Associazioni temporanee di Impresa
o di scopo (ATI, ATS), tra soggetti di cui al precedente elenco, in
un numero massimo pari a 4.
In riferimento alle Linee di intervento A, B, C, D, il soggetto
attuatore, beneficiario del finanziamento e responsabile della
gestione complessiva del progetto, deve essere in possesso dei
seguenti requisiti:
esperienza qualificata e consolidata nella formazione e
consulenza per la pubblica amministrazione, con particolare
riferimento allo sviluppo di competenze nel settore della ricerca e
sviluppo tecnologico e innovazione (R&STI) e formazione;
esperienza qualificata e consolidata in attivita’ di formazione
diretta specificatamente a fornire risposte ad esigenze formative e
di accrescimento professionale dei soggetti di cui al successivo
punto n. 5 Destinatari degli interventi, del presente avviso;
capacita’ di rilevazione e analisi dei fabbisogni del
territorio in relazione all’attuazione delle politiche per la R&ST e
di Alta formazione;
affidabilita’ finanziaria, capacita’ gestionale e tecnica.
Tali requisiti dovranno essere posseduti, in caso di ATI/ATS,
dall’insieme dei componenti, secondo le modalita’ di cui al punto n.
13 Ammissibilita’ dei soggetti, del presente avviso.
In relazione alla Linea di intervento E – Azione trasversale per
l’accompagnamento e la valorizzazione degli interventi, il soggetto
attuatore, beneficiario del finanziamento e responsabile della
gestione complessiva del progetto, deve essere in possesso dei
seguenti requisiti:
esperienza qualificata e consolidata nel coordinamento e nella
conduzione di progetti complessi di consulenza, formazione,
ricerca-intervento e accompagnamento alla pubblica amministrazione;
esperienza qualificata e consolidata nella definizione e
realizzazione di sistemi di Content Management e di comunicazione in
rete;
esperienza qualificata e consolidata nel monitoraggio e
valutazione di interventi complessi;
esperienza qualificata e consolidata nella R&ST, nell’Alta
formazione e nel Trasferimento tecnologico, anche con riguardo alle
tematiche previste dalle Linee di intervento A, B, C, D;
affidabilita’ finanziaria, capacita’ gestionale e tecnica.
Tali requisiti dovranno essere posseduti, in caso di ATI/ATS,
dall’insieme dei componenti, secondo le modalita’ di cui al punto n.
13 Ammissibilita’ dei soggetti, del presente avviso.
I soggetti attuatori possono presentare, nell’ambito del presente
avviso, una sola candidatura afferente ad una sola Linea di
intervento, anche nel caso di partecipazione ad ATI/ATS. Con
riferimento a tutte le Linee di intervento previste al punto n. 2
Obiettivi della Misura III.3 ed articolazione dell’Azione pilota del
presente avviso, non sono eleggibili in qualita’ di attuatore,
nemmeno in qualita’ di componenti di eventuali ATI/ATS, i soggetti
specificatamente indicati nell’Allegato 1 – Scheda tecnica
dell’Azione pilota quali destinatari della formazione o che, in ogni
caso, abbiano risposto all’avviso 1734/2004 finalizzato alla
formulazione di una domanda di servizi di formazione.
4. Soggetti terzi.
Qualora il soggetto attuatore, anche nell’ipotesi di ATI/ATS,
avesse necessita’ di acquisire dall’esterno alcune competenze
specialistiche, e’ ammesso il ricorso a soggetti terzi1 a cui
affidare parte delle attivita’ previste dal progetto che devono
essere chiaramente identificate in sede di presentazione della
proposta.
I soggetti terzi possono realizzare una o piu’ attivita’ in cui
si articolano i progetti – e possono partecipare a piu’ Linee di
intervento purche’ gli stessi non risultino soggetti attuatori, anche
in ATI/ATS, di altre candidature – nel rispetto delle seguenti
condizioni:
i soggetti terzi possono svolgere attivita’ per un valore
complessivo non superiore al 5% del costo totale del progetto;
ai soggetti terzi non puo’ essere delegata l’attuazione di
attivita’ formative per un ammontare complessivo superiore al 25%
delle ore formative indicate per ciascun Ambito tematico o
nell’azione di accompagnamento prevista dalla Linea di intervento E,
di cui al successivo punto n. 6 Linee di intervento, Ambiti Tematici,
caratteristiche dei progetti, del presente avviso;
ai soggetti terzi non possono essere comunque delegate le
attivita’ di progettazione, gestione amministrativa, di direzione e
coordinamento del progetto.
5. Destinatari degli interventi.
Gli interventi di cui al presente avviso sono diretti a personale
che, in relazione alle politiche di R&STI e Alta formazione, svolge
attivita’ di programmazione, progettazione, gestione strategica e
operativa, nei seguenti segmenti della pubblica amministrazione:
(a) amministrazioni regionali, enti pubblici funzionali ed enti
locali;
(b) universita’ statali e non statali che rilasciano titolo
avente valore legale ed enti pubblici di ricerca;
(c) Istituti di Alta formazione artistica, musicale e coreutica
che rilasciano titolo avente valore legale;
(d) Camere di commercio I.A.A.
Le organizzazioni di appartenenza devono essere localizzate in
aree Ob. 1 (Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sardegna,
Sicilia).
Gli interventi proposti vanno a soddisfare prioritariamente la
domanda di servizi formativi inoltrata al Ministero dai vari segmenti
della P.A. in risposta all’avviso 1734/RIC del 5 dicembre 2004, da
questa amministrazione accolta favorevolmente a seguito
dell’esperimento dell’attivita’ valutativa condotta dal Gruppo
tecnico di valutazione, di cui al precedente punto n. 1 Ambito di
riferimento del presente avviso, e confermata dalle stesse
amministrazioni. L’indicazione delle pubbliche amministrazioni
destinatarie dell’Azione pilota, distinte per ciascuna Linea di
intervento di cui al punto n. 2 Obiettivi della Misura III.3 ed
articolazione dell’Azione pilota del presente avviso, e’ riportata
nell’Allegato 1 – Scheda tecnica dell’Azione pilota.
Le amministrazioni non specificatamente riportate nel suddetto
allegato potranno avanzare richiesta di partecipazione alle attivita’
avviate con il presente avviso, utilizzando il modello disponibile
sul sito http://miur.it. Il Ministero procede in tal caso a
verificare l’ammissibilita’ della richiesta e la possibilita’ di
procedere ad un’estensione degli interventi secondo le modalita’
riportate al punto n. 7 Modalita’ di realizzazione. Sono escluse
dalla partecipazione a successive edizioni in ogni caso le
amministrazioni che potrebbero risultare affidatarie dell’esecuzione
delle Linee di intervento A, B, C, D, E.
Ai soggetti attuatori che risulteranno affidatari della
realizzazione dell’Azione pilota il Ministero fornira’ l’elenco
definitivo del personale che le amministrazioni destinatarie si sono
impegnate a mettere in formazione, selezionato secondo le modalita’
indicate al successivo punto n. 8 Modalita’ per la selezione dei
partecipanti del presente avviso.
1 Si intendono per soggetti terzi i soggetti aventi personalita’
giuridica, come anche associazioni, riconosciute o meno, imprese
individuali, studi di liberi professionisti.
6. Linee di intervento, ambiti tematici, caratteristiche dei
progetti.
Ogni Linea di intervento, ad eccezione della Linea di intervento
E, e’ finalizzata a fornire una risposta formativa e di aggiornamento
professionale ad un fabbisogno omogeneo espresso da ciascun distinto
segmento della pubblica amministrazione interessato dal presente
avviso.
In particolare, le Linee di intervento A, B, C e D si articolano
a loro volta in piu’ ambiti tematici, cosi’ come riportato nella
seguente tabella, caratterizzati da specifici obiettivi formativi e
contenuti tecnici.

—-> Vedere tabella a pag. 16 Vedere tabella a
pag. 18 Vedere tabella a pag. 20 Vedere tabella a pag. 21
Vedere tabella a pag. 21

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE – DECRETO 30 agosto 2006

Chimici.info