LEGGE 3 ottobre 2011, n. 174 - Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica amministrazione. (11G0216) - (GU n. 255 del 2-11-2011 | Chimici.info

LEGGE 3 ottobre 2011, n. 174 – Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica amministrazione. (11G0216) – (GU n. 255 del 2-11-2011

LEGGE 3 ottobre 2011, n. 174 - Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica amministrazione. (11G0216) - (GU n. 255 del 2-11-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 17/11/2011

LEGGE 3 ottobre 2011 , n. 174

Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica
amministrazione. (11G0216)

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Art. 1

1. Il Governo e’ delegato ad adottare, entro dodici mesi dalla data
di entrata in vigore della presente legge, anche avvalendosi del
Consiglio di Stato ai sensi dell’articolo 14, numero 2°, del testo
unico delle leggi sul Consiglio di Stato, di cui al regio decreto 26
giugno 1924, n. 1054, uno o piu’ decreti legislativi con i quali
provvede a raccogliere in appositi codici o testi unici le
disposizioni vigenti nelle materie di cui:
a) alla legge 7 agosto 1990, n. 241, che ha valore di legge di
principi generali per le amministrazioni pubbliche;
b) al testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445;
c) al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
d) al decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150.
2. Nell’esercizio della delega di cui al comma 1 il Governo si
attiene, in particolare, ai seguenti principi e criteri direttivi:
a) ricognizione e abrogazione espressa delle disposizioni oggetto
di abrogazione tacita o implicita, nonche’ di quelle che siano prive
di effettivo contenuto normativo o siano comunque obsolete;
b) organizzazione delle disposizioni per settori omogenei o per
materie, secondo il contenuto precettivo di ciascuna di esse;
c) coordinamento delle disposizioni, apportando le modifiche
necessarie per garantire la coerenza giuridica, logica e sistematica
della normativa e per adeguare, aggiornare e semplificare il
linguaggio normativo;
d) risoluzione di eventuali incongruenze e antinomie tenendo
conto dei consolidati orientamenti giurisprudenziali.
3. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono emanati su proposta
del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, di
concerto con il Ministro per la semplificazione normativa, previa
acquisizione del parere della Conferenza unificata di cui
all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e
successive modificazioni, e, successivamente, del parere della
Commissione parlamentare per la semplificazione, di cui all’articolo
14, comma 19, della legge 28 novembre 2005, n. 246, e successive
modificazioni. Si applicano le disposizioni di cui al citato articolo
14, commi 22 e 23, della legge n. 246 del 2005, e successive
modificazioni.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi’ 3 ottobre 2011

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri

Brunetta, Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione

Calderoli, Ministro per la
semplificazione normativa

Visto, il Guardasigilli: Palma

LAVORI PREPARATORI

Camera dei deputati (atto n. 3209):
Presentato dal Ministro per la pubblica amministrazione e
innovazione (Brunetta) e dal Ministro per la semplificazione
normativa (Calderoli) il 12 febbraio 2010.
Camera dei deputati (atto n. 3209-BIS):
Disegno di legge risultante dallo stralcio, deliberato dall’aula
il 2 marzo 2010, degli articoli da 1 a 13, da 15 a 24 e 26, da 28 a
30 del disegno di legge n. 3209.
Assegnato alla I commissione (affari costituzionali), in sede
referente, il 2 marzo 2010 con pareri delle commissioni II, III, IV,
V, VI, VII, VIII, IX, X, XI, XII, XIII, XIV e questioni regionali.
Esaminato dalla I commissione, in sede referente, il 16, 17 e 30
marzo 2010; l’8, 15, 27, 28 e 29 aprile 2010; il 4, 6, 11, 12, 19, 20
e 25 maggio 2010; 14 luglio 2010.
Esaminato in aula il 17, 18 e 26 maggio 2010; l’8 giugno 2010 ed
approvato, con modificazioni, il 9 giugno 2010.
Senato della Repubblica (atto n. 2243):
Assegnato alla 1^ commissione (affari costituzionali), in sede
referente, il 15 giugno 2010 con pareri delle Commissioni 2^, 3^, 4^,
5^, 6^, 7^, 8^, 9^, 10^, 11^, 12^, 13^, 14^ e questioni regionali.
Esaminato dalla 1^ commissione, in sede referente, il 23 e 29
giugno 2010; il 15, 21 settembre 2010; il 12, 20, 21 e 26 ottobre
2010; il 2 , 3 e 9 novembre 2010; 18 gennaio 2011; 15 marzo 2011, 7
giugno 2011.
Esaminato in aula il 22 giugno 2011 ed approvato, con
modificazioni, previo stralcio degli articoli da 1 a 40 e 44 che
formano il disegno di legge n. 2243 bis e degli articoli 41 e 42 che
formano il disegno di legge n. 2243 ter, il 28 giugno 2011.
Camera dei deputati (atto n. 3209-BIS-B):
Assegnato alla I commissione (affari costituzionali), in sede
referente, il 30 giugno 2011 con pareri delle commissioni II, V e XI.
Esaminato dalla I commissione, in sede referente, il 7, 12, 13,
14, 19, 21 e 28 luglio 2011.
Esaminato in aula il 14 settembre 2011 ed approvato il 15
settembre 2011.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art.10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n.1092, al solo fine
di facilitare la lettura delle disposizioni di legge alle
quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il valore e
l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note all’art. 1:
Si riporta il testo dell’articolo 14 del regio decreto
26 giugno 1924, n. 1054 (Approvazione del testo unico delle
leggi sul Consiglio di Stato), pubblicato nella Gazz. Uff.
7 luglio 1924, n. 158:
“Art. 14. (Art. 10 del testo unico 17 agosto 1907, n.
638). – Il Consiglio di Stato:
1° da’ parere sopra le proposte di legge e sugli affari
di ogni natura, pei quali sia interrogato dai Ministri del
Re;
2° formula quei progetti di legge ed i regolamenti che
gli vengono commessi dal Governo.”.
La legge 7 agosto 1990, n. 241 (Nuove norme in materia
di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai
documenti amministrativi), e’ pubblicata nella Gazz. Uff.
18 agosto 1990, n. 192.
Il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre
2000, n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
Testo A), e’ pubblicato nella Gazz. Uff. 20 febbraio 2001,
n. 42, S.O.
Il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche), e’ pubblicato nella Gazz. Uff.
9 maggio 2001, n. 106, S.O.
Il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150
(Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di
ottimizzazione della produttivita’ del lavoro pubblico e di
efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni),
e’ pubblicato nella Gazz. Uff. 31 ottobre 2009, n. 254,
S.O.
Si riporta il testo dell’ articolo 8 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281 (Definizione ed
ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano ed unificazione, per le
materie ed i compiti di interesse comune delle regioni,
delle province e dei comuni, con la Conferenza Stato –
citta’ ed autonomie locali), pubblicato nella Gazz. Uff. 30
agosto 1997, n. 202:
“Art. 8. Conferenza Stato – citta’ ed autonomie locali
e Conferenza unificata.
1. La Conferenza Stato – citta’ ed autonomie locali e’
unificata per le materie ed i compiti di interesse comune
delle regioni, delle province, dei comuni e delle comunita’
montane, con la Conferenza Stato – regioni.
2. La Conferenza Stato – citta’ ed autonomie locali e’
presieduta dal Presidente del Consiglio dei Ministri o, per
sua delega, dal Ministro dell’interno o dal Ministro per
gli affari regionali nella materia di rispettiva
competenza; ne fanno parte altresi’ il Ministro del tesoro
e del bilancio e della programmazione economica, il
Ministro delle finanze, il Ministro dei lavori pubblici, il
Ministro della sanita’, il presidente dell’Associazione
nazionale dei comuni d’Italia – ANCI, il presidente
dell’Unione province d’Italia – UPI ed il presidente
dell’Unione nazionale comuni, comunita’ ed enti montani –
UNCEM. Ne fanno parte inoltre quattordici sindaci designati
dall’ANCI e sei presidenti di provincia designati dall’UPI.
Dei quattordici sindaci designati dall’ANCI cinque
rappresentano le citta’ individuate dall’articolo 17 della
legge 8 giugno 1990, n. 142. Alle riunioni possono essere
invitati altri membri del Governo, nonche’ rappresentanti
di amministrazioni statali, locali o di enti pubblici.
3. La Conferenza Stato – citta’ ed autonomie locali e’
convocata almeno ogni tre mesi, e comunque in tutti i casi
il presidente ne ravvisi la necessita’ o qualora ne faccia
richiesta il presidente dell’ANCI, dell’UPI o dell’UNCEM.
4. La Conferenza unificata di cui al comma 1 e’
convocata dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Le
sedute sono presiedute dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o, su sua delega, dal Ministro per gli affari
regionali o, se tale incarico non e’ conferito, dal
Ministro dell’interno.”.
Si riporta il testo dell’articolo 14 della legge 28
novembre 2005, n. 246 (Semplificazione e riassetto
normativo per l’anno 2005), pubblicata nella Gazz. Uff. 1
dicembre 2005, n. 280:
“Art. 14. Semplificazione della legislazione.
1. L’analisi dell’impatto della regolamentazione (AIR)
consiste nella valutazione preventiva degli effetti di
ipotesi di intervento normativo ricadenti sulle attivita’
dei cittadini e delle imprese e sull’organizzazione e sul
funzionamento delle pubbliche amministrazioni, mediante
comparazione di opzioni alternative.
2. L’AIR costituisce un supporto alle decisioni
dell’organo politico di vertice dell’amministrazione in
ordine all’opportunita’ dell’intervento normativo.
3. L’elaborazione degli schemi di atti normativi del
Governo e’ sottoposta all’AIR, salvo i casi di esclusione
previsti dai decreti di cui al comma 5 e i casi di
esenzione di cui al comma 8.
4. La verifica dell’impatto della regolamentazione
(VIR) consiste nella valutazione, anche periodica, del
raggiungimento delle finalita’ e nella stima dei costi e
degli effetti prodotti da atti normativi sulle attivita’
dei cittadini e delle imprese e sull’organizzazione e sul
funzionamento delle pubbliche amministrazioni. La VIR e’
applicata dopo il primo biennio dalla data di entrata in
vigore della legge oggetto di valutazione. Successivamente
essa e’ effettuata periodicamente a scadenze biennali.
5. Con decreti del Presidente del Consiglio dei
ministri, adottati ai sensi dell’articolo 17, comma 3,
della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono definiti entro
centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della
presente legge:
a) i criteri generali e le procedure dell’AIR, compresa
la fase della consultazione;
b) le tipologie sostanziali, i casi e le modalita’ di
esclusione dell’AIR;
c) i criteri generali e le procedure, nonche’
l’individuazione dei casi di effettuazione della VIR;
d) i criteri ed i contenuti generali della relazione al
Parlamento di cui al comma 10.
6. I metodi di analisi e i modelli di AIR, nonche’ i
metodi relativi alla VIR, sono adottati con direttive del
Presidente del Consiglio dei ministri e sono sottoposti a
revisione, con cadenza non superiore al triennio.
7. L’amministrazione competente a presentare
l’iniziativa normativa provvede all’AIR e comunica al
Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi (DAGL)
della Presidenza del Consiglio dei ministri i risultati
dell’AIR.
8. Il DAGL assicura il coordinamento delle
amministrazioni in materia di AIR e di VIR. Il DAGL, su
motivata richiesta dell’amministrazione interessata, puo’
consentire l’eventuale esenzione dall’AIR.
9. Le amministrazioni, nell’ambito della propria
autonomia organizzativa e senza oneri aggiuntivi,
individuano l’ufficio responsabile del coordinamento delle
attivita’ connesse all’effettuazione dell’AIR e della VIR
di rispettiva competenza. Nel caso non sia possibile
impiegare risorse interne o di altri soggetti pubblici, le
amministrazioni possono avvalersi di esperti o di societa’
di ricerca specializzate, nel rispetto della normativa
vigente e, comunque, nei limiti delle disponibilita’
finanziarie.
10. Entro il 31 marzo di ogni anno, le amministrazioni
comunicano al DAGL i dati e gli elementi informativi
necessari per la presentazione al Parlamento, entro il 30
aprile, della relazione annuale del Presidente del
Consiglio dei ministri sullo stato di applicazione
dell’AIR.
11. E’ abrogato l’articolo 5, comma 1, della legge 8
marzo 1999, n. 50.
12. Al fine di procedere all’attivita’ di riordino
normativo prevista dalla legislazione vigente, il Governo,
avvalendosi dei risultati dell’attivita’ di cui
all’articolo 107 della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore
della presente legge, individua le disposizioni legislative
statali vigenti, evidenziando le incongruenze e le
antinomie normative relative ai diversi settori
legislativi, e trasmette al Parlamento una relazione
finale.
13. Le somme non utilizzate relative all’anno 2005 del
fondo destinato al finanziamento di iniziative volte a
promuovere l’informatizzazione e la classificazione della
normativa vigente, di cui all’articolo 107 della legge 23
dicembre 2000, n. 388, possono essere versate all’entrata
del bilancio dello Stato, per essere successivamente
riassegnate alle pertinenti unita’ previsionali di base
dello stato di previsione del Ministero della giustizia, al
fine di finanziare i progetti approvati dal Comitato guida,
costituito con decreto del Presidente del Consiglio dei
ministri 24 gennaio 2003, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2003.
14. Entro ventiquattro mesi dalla scadenza del termine
di cui al comma 12, il Governo e’ delegato ad adottare, con
le modalita’ di cui all’articolo 20 della legge 15 marzo
1997, n. 59, e successive modificazioni, decreti
legislativi che individuano le disposizioni legislative
statali, pubblicate anteriormente al 1° gennaio 1970, anche
se modificate con provvedimenti successivi, delle quali si
ritiene indispensabile la permanenza in vigore, secondo i
seguenti principi e criteri direttivi:
a) esclusione delle disposizioni oggetto di abrogazione
tacita o implicita;
b) esclusione delle disposizioni che abbiano esaurito
la loro funzione o siano prive di effettivo contenuto
normativo o siano comunque obsolete;
c) identificazione delle disposizioni la cui
abrogazione comporterebbe lesione dei diritti
costituzionali;
d) identificazione delle disposizioni indispensabili
per la regolamentazione di ciascun settore, anche
utilizzando a tal fine le procedure di analisi e verifica
dell’impatto della regolazione;
e) organizzazione delle disposizioni da mantenere in
vigore per settori omogenei o per materie, secondo il
contenuto precettivo di ciascuna di esse;
f) garanzia della coerenza giuridica, logica e
sistematica della normativa;
g) identificazione delle disposizioni la cui
abrogazione comporterebbe effetti anche indiretti sulla
finanza pubblica;
h) identificazione delle disposizioni contenute nei
decreti ricognitivi, emanati ai sensi dell’articolo 1,
comma 4, della legge 5 giugno 2003, n. 131, aventi per
oggetto i principi fondamentali della legislazione dello
Stato nelle materie previste dall’articolo 117, terzo
comma, della Costituzione.
14-bis. Nelle materie appartenenti alla legislazione
regionale, le disposizioni normative statali, che restano
in vigore ai sensi dell’articolo 1, comma 2, della legge 5
giugno 2003, n. 131, continuano ad applicarsi, in ciascuna
regione, fino alla data di entrata in vigore delle relative
disposizioni regionali.
14-ter. Fatto salvo quanto stabilito dal comma 17,
decorso un anno dalla scadenza del termine di cui al comma
14, ovvero del maggior termine previsto dall’ultimo periodo
del comma 22, tutte le disposizioni legislative statali non
comprese nei decreti legislativi di cui al comma 14, anche
se modificate con provvedimenti successivi, sono abrogate.
14-quater. Il Governo e’ altresi’ delegato ad adottare,
entro il termine di cui al comma 14-ter, uno o piu’ decreti
legislativi recanti l’abrogazione espressa, con la medesima
decorrenza prevista dal comma 14-ter, di disposizioni
legislative statali ricadenti fra quelle di cui alle
lettere a) e b) del comma 14, anche se pubblicate
successivamente al 1° gennaio 1970.
15. I decreti legislativi di cui al comma 14 provvedono
altresi’ alla semplificazione o al riassetto della materia
che ne e’ oggetto, nel rispetto dei principi e criteri
direttivi di cui all’articolo 20 della legge 15 marzo 1997,
n. 59, e successive modificazioni, anche al fine di
armonizzare le disposizioni mantenute in vigore con quelle
pubblicate successivamente alla data del 1° gennaio 1970.
16.
17. Rimangono in vigore:
a) le disposizioni contenute nel codice civile, nel
codice penale, nel codice di procedura civile, nel codice
di procedura penale, nel codice della navigazione, comprese
le disposizioni preliminari e di attuazione, e in ogni
altro testo normativo che rechi nell’epigrafe la
denominazione codice ovvero testo unico;
b) le disposizioni che disciplinano l’ordinamento degli
organi costituzionali e degli organi aventi rilevanza
costituzionale, nonche’ le disposizioni relative
all’ordinamento delle magistrature e dell’Avvocatura dello
Stato e al riparto della giurisdizione;
c) le disposizioni tributarie e di bilancio e quelle
concernenti le reti di acquisizione del gettito, anche
derivante dal gioco;
d) le disposizioni che costituiscono adempimenti
imposti dalla normativa comunitaria e quelle occorrenti per
la ratifica e l’esecuzione di trattati internazionali;
e) le disposizioni in materia previdenziale e
assistenziale.
18. Entro due anni dalla data di entrata in vigore dei
decreti legislativi di cui al comma 14, possono essere
emanate, con uno o piu’ decreti legislativi, disposizioni
integrative, di riassetto o correttive, esclusivamente nel
rispetto dei principi e criteri direttivi di cui al comma
15 e previo parere della Commissione di cui al comma 19.
18-bis. Entro un anno dalla data di entrata in vigore
dei decreti legislativi di riassetto di cui al comma 18,
nel rispetto degli stessi principi e criteri direttivi,
possono essere emanate, con uno o piu’ decreti legislativi,
disposizioni integrative o correttive dei medesimi decreti
legislativi.
19. E’ istituita la “Commissione parlamentare per la
semplificazione”, di seguito denominata “Commissione”
composta da venti senatori e venti deputati, nominati
rispettivamente dal Presidente del Senato della Repubblica
e dal Presidente della Camera dei deputati nel rispetto
della proporzione esistente tra i gruppi parlamentari, su
designazione dei gruppi medesimi. La Commissione elegge tra
i propri componenti un presidente, due vicepresidenti e due
segretari che insieme con il presidente formano l’Ufficio
di presidenza. La Commissione si riunisce per la sua prima
seduta entro venti giorni dalla nomina dei suoi componenti,
per l’elezione dell’Ufficio di presidenza.
20. Alle spese necessarie per il funzionamento della
Commissione si provvede, in parti uguali, a carico dei
bilanci interni di ciascuna delle due Camere.
21. La Commissione:
a) esprime il parere sugli schemi dei decreti
legislativi di cui ai commi 14, 14-quater, 15, 18 e 18-bis;
b) verifica periodicamente lo stato di attuazione del
procedimento per l’abrogazione generalizzata di norme di
cui al comma 14-ter e ne riferisce ogni sei mesi alle
Camere;
c) esercita i compiti di cui all’articolo 5, comma 4,
della legge 15 marzo 1997, n. 59.
22. Per l’acquisizione del parere, gli schemi dei
decreti legislativi di cui ai commi 14, 14-quater, 15, 18 e
18-bis sono trasmessi alla Commissione, che si pronuncia
entro trenta giorni. Il Governo, ove ritenga di non
accogliere, in tutto o in parte, le eventuali condizioni
poste, ritrasmette il testo, con le proprie osservazioni e
con le eventuali modificazioni, alla Commissione per il
parere definitivo, da rendere nel termine di trenta giorni.
Se il termine previsto per il parere della Commissione cade
nei trenta giorni che precedono la scadenza di uno dei
termini previsti dai commi 14, 14-quater, 15, 18 e 18-bis,
la scadenza medesima e’ prorogata di novanta giorni.
23. La Commissione puo’ chiedere una sola volta ai
Presidenti delle Camere una proroga di venti giorni per
l’adozione del parere, qualora cio’ si renda necessario per
la complessita’ della materia o per il numero di schemi
trasmessi nello stesso periodo all’esame della Commissione.
Trascorso il termine, eventualmente prorogato, senza che la
Commissione abbia espresso il parere, i decreti legislativi
possono essere comunque emanati. Nel computo dei termini
non viene considerato il periodo di sospensione estiva e
quello di fine anno dei lavori parlamentari.
24. La Commissione esercita i compiti di cui al comma
21, lettera c), a decorrere dall’inizio della legislatura
successiva alla data di entrata in vigore della presente
legge. Dallo stesso termine cessano gli effetti
dell’articolo 5, commi 1, 2 e 3, della legge 15 marzo 1997,
n. 59.”.

LEGGE 3 ottobre 2011, n. 174 – Disposizioni per la codificazione in materia di pubblica amministrazione. (11G0216) – (GU n. 255 del 2-11-2011

Chimici.info