DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007, n. 248 - Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria. (GU n. 302 del 31-12-2007 | Chimici.info

DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007, n. 248 – Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria. (GU n. 302 del 31-12-2007

DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007, n. 248 - Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria. (GU n. 302 del 31-12-2007 )

DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007 , n. 248

Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e
disposizioni urgenti in materia finanziaria.

Capo IPROROGHE DI TERMINISezione IDifesa

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di provvedere alla
proroga di termini previsti da disposizioni legislative, al fine di
consentire una piu’ concreta e puntuale attuazione dei correlati
adempimenti, di conseguire una maggiore funzionalita’ delle pubbliche
amministrazioni, nonche’ di prevedere interventi di riassetto di
disposizioni di carattere finanziario;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 28 dicembre 2007;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme istituzionali,
di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze;

E m a n a
il seguente decreto-legge:
Art. 1.

Proroga di autorizzazioni di spesa per le missioni internazionali

1. E’ prorogato al 31 gennaio 2008 il termine per le autorizzazioni
di spesa di cui al decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 4, convertito,
con modificazioni, dalla legge 29 marzo 2007, n. 38, e al
decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81, convertito, con modificazioni,
dalla legge 3 agosto 2007, n. 127, in scadenza al 31 dicembre 2007. A
tale scopo le Amministrazioni competenti sono autorizzate a sostenere
una spesa mensile nel limite di un dodicesimo degli stanziamenti
iscritti in bilancio nell’esercizio 2007 e comunque entro il limite
complessivo di 100 milioni di euro, a valere sull’autorizzazione di
spesa di cui all’articolo 1, comma 1240, della legge 27 dicembre
2006, n. 296. A questi fini, su richiesta delle citate
amministrazioni, il Ministro dell’economia e delle finanze dispone il
necessario finanziamento, nell’ambito del programma “Missioni
militari di pace”. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’
autorizzato ad apportare, con propri decreti, le relative variazioni
di bilancio. Alle missioni di cui al presente comma si applica
l’articolo 5 del decreto-legge 28 agosto 2006, n. 253, convertito,
con modificazioni, dalla legge 20 ottobre 2006, n. 270.
2. Allo scopo di consentire la necessaria flessibilita’
nell’utilizzo delle risorse di cui all’articolo 1, comma 1240, della
legge 27 dicembre 2006, n. 296, e’ istituito nello stato di
previsione della spesa del Ministero della difesa il programma
“Missioni militari di pace”, sul quale Fondo confluiscono le
autorizzazioni di spesa correlate alla prosecuzione delle missioni
internazionali di pace. In relazione alle specifiche esigenze da
finanziare, il Ministro della difesa, con propri decreti da
comunicare anche con evidenze informatiche al Ministero dell’economia
e delle finanze, e’ autorizzato a disporre le necessarie variazioni
di bilancio sui pertinenti capitoli di spesa, a valere sulle
autorizzazioni confluite sulla predetta missione.

Art. 2.

Proroga di termini in materia di difesa

1. All’articolo 26, comma 1, del decreto legislativo 5 ottobre
2000, n. 298, le parole: “al 2007″ sono sostituite dalle seguenti: ”
al 2008″.
2. All’articolo 31, comma 14, del decreto legislativo 5 ottobre
2000, n. 298, le parole: “Sino all’anno 2007” sono sostituite dalle
seguenti: “Sino all’anno 2012”.
3. All’articolo 60-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1997, n.
490, le parole: “fino all’anno 2009” sono sostituite dalle seguenti:
“fino all’anno 2012”.
4. Il termine di cui al comma 2 dell’articolo 14 del decreto del
Presidente della Repubblica 15 novembre 2000, n. 424, e’ prorogato
fino al 31 dicembre 2009 e per lo stesso periodo continuano ad
applicarsi le disposizioni di cui al comma 8 dell’articolo 13 dello
stesso decreto.

Sezione IIBeni culturali e turismo

Art. 3.

Proroga dei termini in materia di prevenzione incendi delle strutture
ricettive turistico-alberghiere

1. Il termine stabilito dall’articolo 3, comma 4, del decreto-legge
28 dicembre 2006, n. 300, convertito, con modificazioni, dalla legge
26 febbraio 2007, n. 17, per completare l’adeguamento alle
disposizioni di prevenzione incendi delle strutture ricettive
turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto, esistenti alla data
di entrata in vigore del decreto del Ministro dell’interno in data
9 aprile 1994, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del
20 maggio 1994, e’ prorogato al 30 giugno 2008.
2. La proroga del termine di cui al comma 1 si applica alle
strutture ricettive per le quali sia stato presentato, entro il
30 giugno 2005, al Comando provinciale dei Vigili del fuoco
competente per territorio, il progetto di adeguamento per
l’acquisizione del parere di conformita’ previsto dall’articolo 2 del
decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37.

Art. 4.

Contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche nei
locali aperti al pubblico

1. All’articolo 1, comma 389, della legge 27 dicembre 2006, n. 296,
le parole: “entro il 31 dicembre 2007” sono sostituite dalle
seguenti: “entro il 31 dicembre 2008”.

Art. 5.

Proroga termini in materia di beni e attivita’ culturali

1. I termini di durata degli organi di cui agli articoli 12,
comma 5, e 21, comma 2, del decreto legislativo 29 giugno 1996, n.
367, e successive modificazioni, e di cui all’articolo 4, comma 3,
del decreto legislativo 20 luglio 1999, n. 273, sono prorogati fino
al 31 dicembre 2008.
2. Il termine di cui al comma 3 dell’articolo 14 del decreto-legge
1° ottobre 2007, n. 159, convertito, con modificazioni, dalla legge
29 novembre 2007, n. 222, e’ prorogato al 30 aprile 2008.

Sezione IIILavoro e previdenza

Art. 6.

Proroghe in materia previdenziale

1. In attesa dell’intervento di razionalizzazione del sistema degli
enti pubblici previdenziali e assicurativi previsto dal Protocollo su
“Previdenza, lavoro e competitivita’ per l’equita’ e la crescita
sostenibili” del 23 luglio 2007 e dai relativi provvedimenti
attuativi e dalla presentazione, a tale fine, da parte del Governo,
di un Piano industriale, il termine di scadenza dei Presidenti e dei
Consigli di indirizzo e vigilanza dell’Istituto nazionale della
previdenza sociale (INPS), dell’Istituto nazionale per
l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL),
dell’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti
dell’amministrazione pubblica (INPDAP) e dell’Istituto di previdenza
per il settore marittimo (IPSEMA) e’ prorogato fino alla scadenza dei
Consigli di amministrazione dei rispettivi Istituti, fermo restando
la possibilita’ di procedere al loro rinnovo in base alle
disposizioni vigenti, ovvero di adottare provvedimenti funzionali
alla celere definizione del processo di riordino.
2. Il termine per l’adozione dei progetti di unificazione, di cui
all’articolo 4, comma 1, lettera a), della legge 24 febbraio 2005, n.
34, tra la Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei
dottori commercialisti e la Cassa nazionale di previdenza ed
assistenza a favore dei ragionieri e periti commerciali, e’ fissato
al 31 dicembre 2008.

Art. 7.

Disposizioni in materia di lavoro non regolare e di societa’
cooperative

1. Il termine per la notifica dei provvedimenti sanzionatori
amministrativi di cui all’articolo 3 del decreto-legge 22 febbraio
2002, n. 12, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile
2002, n. 73, relativi alle violazioni constatate fino al 31 dicembre
2002, e’ prorogato al 30 giugno 2008.
2. All’articolo 1, comma 1192, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, le parole: “entro il 30 settembre 2007” sono sostituite dalle
seguenti: “entro il 30 settembre 2008”.
3. Il Comitato per l’emersione del lavoro non regolare, di cui
all’articolo 78 della legge 23 dicembre 1978, n. 448, e successive
modificazioni, svolge la sua attivita’ fino al 31 gennaio 2008. Dopo
tale termine le funzioni e le attivita’ del medesimo Comitato, con le
relative risorse finanziarie, sono trasferite alla Cabina di regia
nazionale di coordinamento di cui all’articolo 1, comma 1156,
lettera a), della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e al decreto del
Ministro del lavoro e della previdenza sociale in data 11 ottobre
2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 286 del 10 dicembre
2007.
4. Fino alla completa attuazione della normativa in materia di
socio lavoratore di societa’ cooperative, in presenza di una
pluralita’ di contratti collettivi della medesima categoria, le
societa’ cooperative che svolgono attivita’ ricomprese nell’ambito di
applicazione di quei contratti di categoria applicano ai propri soci
lavoratori, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della legge 3 aprile
2001, n. 142, i trattamenti economici comples…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007, n. 248 – Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria. (GU n. 302 del 31-12-2007

Chimici.info