DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2011, n. 224 - Regolamento recante disciplina del reclutamento delle risorse umane da parte dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, a norma dell'articolo 4, comma 6, lettere b) e c), del decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162. (12G0005) - (GU n. 15 del 19-1-2012 | Chimici.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2011, n. 224 – Regolamento recante disciplina del reclutamento delle risorse umane da parte dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, a norma dell’articolo 4, comma 6, lettere b) e c), del decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162. (12G0005) – (GU n. 15 del 19-1-2012

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2011, n. 224 - Regolamento recante disciplina del reclutamento delle risorse umane da parte dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, a norma dell'articolo 4, comma 6, lettere b) e c), del decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162. (12G0005) - (GU n. 15 del 19-1-2012 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/01/2012

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2011 , n. 224

Regolamento recante disciplina del reclutamento delle risorse umane
da parte dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, a
norma dell’articolo 4, comma 6, lettere b) e c), del decreto
legislativo 10 agosto 2007, n. 162. (12G0005)

Titolo III PERSONALE DIRIGENTE

Art. 12

Accesso alla dirigenza e svolgimento delle selezioni

1. L’accesso al ruolo di dirigente dell’Agenzia avviene, per i
posti vacanti e disponibili, con concorso pubblico per esami, o per
titoli ed esami, ovvero per corso-concorso selettivo di formazione
bandito dalla Scuola superiore della pubblica amministrazione,
secondo quanto previsto all’articolo 28 del decreto legislativo 30
marzo 2001, n. 165.
2. Al concorso per esami ed a quello per titoli ed esami possono
essere ammessi i dipendenti ed i soggetti di cui all’articolo 28,
comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001, nonche’ il
personale di cui all’articolo 17 inquadrato nel ruolo dell’Agenzia,
munito di diploma di laurea o laurea specialistica, che abbia
compiuto almeno cinque anni complessivi di servizio presso l’Agenzia
compreso il periodo di utilizzazione di cui all’articolo 4, comma 8,
del decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162, in posizioni
funzionali per l’accesso alle quali e’ richiesto il diploma di laurea
sulla base della tabella di equiparazione di cui all’articolo 2,
comma 2, del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, convertito, con
modificazioni, dalla legge 20 novembre 2009, n. 166.
3. La procedura concorsuale si svolge secondo le modalita’ indicate
all’articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 24
settembre 2004, n. 272. Qualora la procedura preveda anche la
valutazione di titoli, questa viene effettuata ai sensi dell’articolo
9 del presente regolamento.
4. Il trenta per cento dei posti a concorso e’ riservato al
personale dipendente dell’Agenzia appartenente da almeno quindici
anni alla qualifica per la quale e’ previsto l’accesso con diploma di
laurea o laurea specialistica, purche’ in possesso di tutti i
requisiti richiesti dal bando. Qualora la quota di cui trattasi non
venga interamente ricoperta da personale avente i requisiti sopra
citati, la parte rimanente fino alla concorrenza del trenta per cento
dei posti messi a concorso e’ riservata al personale dell’Agenzia
comunque appartenente alla qualifica per la quale e’ previsto
l’accesso con diploma di laurea o laurea specialistica, purche’ in
possesso di tutti i requisiti richiesti dal bando, ivi compresa
l’anzianita’ di servizio di almeno cinque anni di cui al comma 2.
5. I vincitori del concorso sono assunti dall’Agenzia e,
anteriormente al conferimento del primo incarico dirigenziale, ove
non abbiano gia’ maturato un’esperienza dirigenziale, sono tenuti a
frequentare un ciclo di attivita’ formative organizzato dalla Scuola
superiore della pubblica amministrazione, secondo quanto disposto
all’articolo 28, comma 6, del decreto legislativo n. 165 del 2001.
6. I requisiti specifici e le procedure di selezione di cui ai
commi da 1 a 5 sono stabiliti nei relativi avvisi o bandi.
7. La retribuzione dei dirigenti di cui al presente articolo e’
stabilita con contratto individuale. Il trattamento economico
fondamentale e quello accessorio, collegato al livello di
responsabilita’ attribuito con l’incarico di funzione, ai risultati
conseguiti ed alla professionalita’ posseduta, sono determinati sulla
base dei contratti collettivi per l’area dirigenziale applicabili al
personale dell’Agenzia.

Note all’art. 12:
Per il testo dell’articolo 28 del citato decreto
legislativo n. 165 del 2001, si veda nelle note all’art. 1:
– Si riporta il testo dell’articolo 4, comma 8, del
citato decreto legislativo n. 162 del 2007:
«8. In sede di prima applicazione del presente decreto,
e sino all’attuazione dei provvedimenti di cui al comma 6
del presente articolo, il funzionamento dell’Agenzia e’
assicurato con l’utilizzazione, nel limite massimo di
duecentocinque unita’ di personale:
a) numero non superiore a dodici proveniente dai ruoli
del Ministero dei trasporti, in regime di comando;
b) per la restante parte, con oneri a carico dell’ente
di provenienza fino all’attuazione dell’articolo 26, con
personale tecnico, avente riconosciute capacita’ e
competenza, anche proveniente da F.S. S.p.A., R.F.I. S.p.A.
e da societa’ controllate da F.S. S.p.A., individuato, con
procedura selettiva, sulla base di apposite convezioni che
non devono comportare oneri per la finanza pubblica, con il
Ministero dei trasporti ed il gruppo FS S.p.A.,
dall’Agenzia.».
– Si riporta il testo dell’articolo 5 del citato
decreto del Presidente della Repubblica n. 272 del 2004:
«Art. 5.(Modalita’ di svolgimento delle selezioni). –
1. Il concorso pubblico per esami consiste nello
svolgimento di due prove scritte e di una prova orale. Nel
caso di concorsi per l’accesso alla dirigenza tecnica
l’amministrazione puo’ prevedere una terza prova scritta
obbligatoria, da indicare nel bando di concorso, volta alla
verifica dell’attitudine all’esercizio degli specifici
compiti connessi al posto da ricoprire. Tale prova consiste
nella soluzione di questioni o problemi di natura tecnica
inerenti all’esercizio dei compiti cui il dirigente deve
essere preposto.
2. La prima prova scritta, a contenuto teorico, verte
sulle materie indicate nel bando di concorso. L’altra
prova, a contenuto pratico, e’ diretta ad accertare
l’attitudine dei candidati alla soluzione corretta, sotto
il profilo della legittimita’, della convenienza e della
efficienza ed economicita’ organizzativa, di questioni
connesse con l’attivita’ istituzionale dell’amministrazione
che ha indetto il concorso.
3. La prova orale consiste in un colloquio sulle
materie indicate nel bando di concorso e mira ad accertare
la preparazione e la professionalita’ del candidato,
nonche’ l’attitudine all’espletamento delle funzioni
dirigenziali. Nell’ambito della prova orale, al fine di
valutare la conoscenza, da parte del candidato, della
lingua straniera ad un livello avanzato, e’ prevista la
lettura, la traduzione di testi e la conversazione in una
lingua straniera scelta dal candidato tra quelle indicate
nel bando. Nel corso della prova orale e’ accertata la
conoscenza a livello avanzato dell’utilizzo del personal
computer e dei software applicativi piu’ diffusi da
realizzarsi anche mediante una verifica pratica, nonche’ la
conoscenza da parte del candidato delle problematiche e
delle potenzialita’ connesse all’uso degli strumenti
informatici in relazione ai processi comunicativi in rete,
all’organizzazione e gestione delle risorse e al
miglioramento dell’efficienza degli uffici e dei servizi.
4. La commissione esaminatrice, al fine di assicurare
la trasparenza amministrativa nell’ambito del procedimento
concorsuale, stabilisce, preventivamente, i criteri e le
modalita’ di valutazione delle prove concorsuali da
formalizzare nei relativi verbali, al fine di assegnare i
punteggi da attribuire alle singole prove. La commissione,
prima dell’inizio di ciascuna sessione della prova orale,
determina i quesiti da porre ai singoli candidati per
ciascuna delle materie di esame. Tali quesiti sono proposti
a ciascun candidato con estrazione a sorte.
5. Ciascuna prova e’ valutata in centesimi e si intende
superata con un punteggio non inferiore a settanta
centesimi. Il punteggio complessivo e’ determinato sommando
i voti riportati in ciascuna prova scritta ed il voto
riportato nella prova orale.».

…TESTO COMPLETO SU FILE ZIP/DF

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 2011, n. 224 – Regolamento recante disciplina del reclutamento delle risorse umane da parte dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, a norma dell’articolo 4, comma 6, lettere b) e c), del decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162. (12G0005) – (GU n. 15 del 19-1-2012

Chimici.info