DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004 | Chimici.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004 Proroga dello stato di emergenza in ordine a situazioni derivanti da calamita' naturali conseguenti a eventi sismici nelle regioni Marche e Umbria il 26 settembre 1997 e nella provincia di Terni il 16 dicembre 2000.Gazzetta Ufficiale N. 18 del 23 Gennaio 2004

Gazzetta Ufficiale N. 18 del 23 Gennaio 2004

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004
Proroga dello stato di emergenza in ordine a situazioni derivanti da
calamita’ naturali conseguenti a eventi sismici nelle regioni Marche e
Umbria il 26 settembre 1997 e nella provincia di Terni il
16 dicembre 2000.
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
27 settembre 1997 con il quale e’ stato dichiarato lo stato di
emergenza nel territorio delle regioni Marche e Umbria colpite
dall’evento sismico iniziato il 26 settembre 1997;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
22 dicembre 2000 con il quale e’ stato dichiarato lo stato di
emergenza per la provincia di Terni, interessata da un evento sismico
il 16 dicembre 2000;
Visti i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
18 giugno 1999, 15 dicembre 2000, 13 dicembre 2001 e 6 dicembre 2002,
di proroga dei citati stati di emergenza fino al 31 dicembre 2003;
Vista la legge 30 marzo 1998, n. 61, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto legge 30 gennaio 1998, n. 6, recante
ulteriori interventi urgenti in potere delle zone terremotate delle
regioni Marche e Umbria e di altre zone colpite da eventi calamitosi;
Considerato che le dichiarazioni degli stati di emergenza sopra
richiamati sono stati adottati per fronteggiare situazioni che per
intensita’ ed estensione richiedono l’utilizzo di mezzi e poteri
straordinari;
Considerato che sono tuttora in corso gli interventi di natura
emergenziale, necessari al soccorso ed all’assistenza della
popolazione colpita dai predetti eventi ed alla rimozione delle
situazioni di pericolo;
Ravvisata, quindi, la necessita’ di consentire l’adozione di
ulteriori misure urgenti, anche di natura derogatoria, finalizzate al
definitivo superamento delle emergenze, ed al ritorno alle normali
condizioni di vita;
Ritenuto quindi che la predette situazioni emergenziali persistono,
e che ricorrono, quindi, nella fattispecie, i presupposti previsti
dall’art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, per la
proroga degli stati di emergenza;
Vista le richieste dei Presidenti delle regioni Marche e Umbria,
pervenuta con note del 15 settembre 2003;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 9 gennaio 2004;

Decreta:

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 5, comma 1, della legge
24 febbraio 1992, n. 225, in considerazione di quanto espresso in
premessa, e’ prorogato, fino al 31 dicembre 2004, lo stato di
emergenza nei territori delle regioni Marche, Umbria e della
provincia di Terni.

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

Roma, 13 gennaio 2004
Il Presidente: Berlusconi

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2004

Chimici.info