CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO - PROVVEDIMENTO 8 aprile 2009 | Chimici.info

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO – PROVVEDIMENTO 8 aprile 2009

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO - PROVVEDIMENTO 8 aprile 2009 - Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sullo schema di accordo recante: «Adozione del Piano di controllo sull'immissione in commercio e l'utilizzazione dei prodotti fitosanitari per il quinquennio 2009-2013». (Rep. atti n. 67/CSR). (09A04800) (GU n. 103 del 6-5-2009 )

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE
PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

PROVVEDIMENTO 8 aprile 2009

Accordo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto
1997, n. 281, tra il Governo, le regioni e le province autonome di
Trento e Bolzano sullo schema di accordo recante: «Adozione del Piano
di controllo sull’immissione in commercio e l’utilizzazione dei
prodotti fitosanitari per il quinquennio 2009-2013». (Rep. atti n.
67/CSR). (09A04800)

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E
LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO
Nell’odierna seduta dell’8 aprile 2009:
Visti gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1, del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281, che danno facolta’ a questa
Conferenza di promuovere e sancire accordi tra Governo e regioni, in
attuazione del principio di leale collaborazione, al fine di
coordinare l’esercizio delle rispettive competenze e svolgere
attivita’ di interesse comune;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, concernente
l’attuazione della direttiva 91/414/CEE in materia di immissione in
commercio di prodotti fitosanitari;
Visto l’art. 17 del citato decreto legislativo 17 marzo 1995, n.
194, che prevede l’adozione da parte del Ministro del lavoro, della
salute e delle politiche sociali, sentiti il Ministro per le
politiche agricole alimentari e forestali, il Ministro dell’ambiente
e per la tutela del territorio e del mare ed il Ministro dello
sviluppo economico, di piani nazionali annuali per il controllo
ufficiale dei prodotti fitosanitari in commercio e della loro
utilizzazione;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n.
290 concernente il regolamento di semplificazione dei procedimenti di
autorizzazione alla produzione, alla immissione in commercio e alla
vendita di prodotti fitosanitari e relativi coadiuvanti;
Visto il decreto del Ministro della salute del 9 agosto 2002,
concernente l’adozione del piano di controllo ufficiale su commercio
ed impiego dei prodotti fitosanitari per il quinquennio 2002-2006;
Ritenuto di dover procedere all’adozione, per il quinquennio
2009-2013, del Piano annuale di controllo ufficiale sul commercio ed
impiego di prodotti fitosanitari;
Vista la nota del 9 marzo 2009, con la quale il Ministero del
lavoro, della salute e delle politiche sociali ha inviato lo schema
di accordo recante: «Adozione del piano di controllo sull’immissione
in commercio e l’utilizzazione dei prodotti fitosanitari per il
quinquennio 2009-2013», che, in data 12 marzo 2009, e’ stato diramato
alle regioni e province autonome;
Considerato che, nel corso dell’incontro tecnico svoltosi il 25
marzo 2009, le regioni hanno proposto alcune modifiche al testo
dell’accordo che i rappresentanti del Ministero interessato hanno
ritenuto accoglibili;
Vista la lettera, in pari data, con la quale il Ministero del
lavoro, della salute e delle politiche sociali ha trasmesso la
definitiva versione della proposta di accordo di cui trattasi, che
recepisce le richieste emendative formulate dalle regioni e province
autonome;
Vista la lettera in data 30 marzo 2009, con la quale tale
definitiva versione e’ stata diramata alle regioni e province
autonome;
Vista la nota del 3 aprile 2009, con la quale il
Coordinamento interregionale in sanita’ ha espresso avviso tecnico
favorevole sulla definitiva versione della proposta di accordo
pervenuta con la menzionata nota in data 25 marzo 2009;
Acquisito, nel corso dell’odierna seduta, l’assenso del Governo,
delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano;
Sancisce accordo
tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano nei termini di seguito riportati:

Art. 1.

Adozione del piano di controllo ufficiale su commercio ed impiego dei
prodotti fitosanitari per il quinquennio 2009-2013.
E’ adottato per il quinquennio 2009-2013 il presente piano di
controllo ufficiale su commercio ed impiego dei prodotti fitosanitari
per garantire il rispetto delle condizioni di autorizzazione dei
prodotti fitosanitari di cui all’art. 17 del decreto legislativo 17
marzo 1995, n 194.

Art. 2.

Piano delle regioni e delle province autonome
1. Le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano
predispongono ed adottano, in conformita’ a quanto previsto negli
allegati A e B del presente Accordo ed alle disposizioni generali di
cui all’art 3, Piani di controllo ufficiali nei rispettivi territori
di competenza.
2. I piani di cui al comma 1 devono essere rivolti al controllo
ufficiale, nel territorio di competenza:
a) dei prodotti fitosanitari in commercio, al fine di accertarne
la rispondenza ai requisiti prescritti dalle norme vigenti e, in
particolare, alle condizioni di autorizzazione dei prodotti stessi;
b) dell’ utilizzazione dei prodotti fitosanitari autorizzati, in
conformita’ a tutte le indicazioni riportate nelle etichette
autorizzate.
3. Le regioni e le province autonome trasmettono al Ministero del
lavoro, della salute e delle politiche sociali, entro sei mesi dalla
stipula del presente accordo, i Piani quinquennali ed ogni qualvolta,
per esigenze particolari, ne viene apportata qualche significativa
modifica.
4. Entro il 31 maggio di ciascun anno successivo alla realizzazione
del Piano, le regioni e le province autonome trasmettono al Ministero
del lavoro, della salute e delle politiche sociali – DGSAN i
risultati derivanti dall’attuazione dei piani adottati. Tali
risultati dovranno essere presentati utilizzando lo schema riportato
al punto 5 dell’allegato A e al punto 4 dell’allegato B del presente
accordo.
5. Entro il 31 luglio di ciascun anno il Ministero del lavoro,
della salute e delle politiche sociali presenta una relazione sui
risultati conseguiti con l’adozione dei piani ufficiali di controllo
alla Commissione Europea ed ai singoli Stati membri dell’Unione
europea. In tale relazione sono inclusi per le voci comparabili,
anche i risultati delle attivita’ del Comando Carabinieri per la
tutela della salute e dell’Ispettorato centrale per il controllo
della qualita’ dei prodotti agroalimentari del Ministero delle
politiche agricole, alimentari e forestali. Di tale relazione sono
altresi’ informati le regioni, le province autonome, il Ministero
delle politiche agricole alimentari e forestali, Ministero
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ed il
Ministero dello sviluppo economico.

Art. 3.

Disposizioni generali
1. I piani di controllo ufficiale delle regioni e delle province
autonome:
a) individuano le attivita’ da effettuare per l’attuazione dei
piani di controllo, unitamente alla priorita’ ad esse attribuite;
b) individuano le istituzioni che, nel territorio di competenza,
sono destinatarie dell’attuazione del piano di controllo;
c) forniscono alle istituzioni di cui alla lettera b) le modalita’
per l’esecuzione delle attivita’ ispettive finalizzate
all’ottenimento dei dati ed alla loro raccolta ed elaborazione;
d) individuano e comunicano al Ministero del lavoro, della salute
e delle politiche sociali l’Autorita’ sanitaria regionale di cui al
c. 1 art. 42 del DPR n. 290/2001, responsabile del coordinamento di
ogni attivita’ relativa agli adempimenti di cui al presente Accordo.
2. L’autorita’ di cui al comma 1, lettera d e’ tenuta a:
a) trasmettere, entro il 31 maggio di ciascun anno successivo alla
realizzazione del Piano, i risultati delle attivita’ di controllo
sanitario sulle vendite e sull’impiego dei prodotti fitosanitari;
b) prevedere, senza nuovi e maggiori oneri per la finanza
pubblica, azioni di formazione del personale preposto all’attuazione
dei Piani di controllo.
3. Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali,
per adempiere agli obblighi comunitari ed a scopo conoscitivo, puo’
chiedere all’Autorita’ di cui al comma 1, lettera d) ulteriori dati
ed informazioni sui risultati dell’attivita’ di controllo effettuata.
Roma, 8 aprile 2009
Il presidente: Fitto
Il segretario: Siniscalchi

—-> Vedere da pag. 74 a pag. 82 <----

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO – PROVVEDIMENTO 8 aprile 2009

Chimici.info