CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO- PROVVEDIMENTO 30 novembre 2006 | Chimici.info

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO- PROVVEDIMENTO 30 novembre 2006

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO- PROVVEDIMENTO 30 novembre 2006 - Intesa, ai sensi dell'articolo 5 dell'Accordo Stato-regioni, rep. n. 1805 del 24 luglio 2003, sull'ipotesi di Accordo collettivo nazionale relativo agli allegati dell'ACN del 1° marzo 2006 concernente l'attuazione della norma finale n. 6 dell'ACN del 23 marzo 2005 per la disciplina del rapporto di lavoro con i Medici specialisti ambulatoriali interni, i Medici veterinari e le altre professionalita' (Biologi, Chimici, Psicologi) ambulatoriali. (Rep. n. 2693). (GU n. 297 del 22-12-2006)

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE
PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

PROVVEDIMENTO 30 novembre 2006

Intesa, ai sensi dell’articolo 5 dell’Accordo Stato-regioni, rep. n.
1805 del 24 luglio 2003, sull’ipotesi di Accordo collettivo nazionale
relativo agli allegati dell’ACN del 1° marzo 2006 concernente
l’attuazione della norma finale n. 6 dell’ACN del 23 marzo 2005 per
la disciplina del rapporto di lavoro con i Medici specialisti
ambulatoriali interni, i Medici veterinari e le altre
professionalita’ (Biologi, Chimici, Psicologi) ambulatoriali. (Rep.
n. 2693).

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE
PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Nell’odierna seduta del 30 novembre 2006:
Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289, che all’art. 52, comma 27,
nel sostituire l’art. 4, comma 9, della legge 30 dicembre 1991, n.
412: ha istituito la Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati
SISAC, per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato
con il Servizio sanitario nazionale; ha previsto che tale struttura,
che rappresenta la delegazione di parte pubblica per il rinnovo degli
accordi riguardanti il personale sanitario a rapporto convenzionale,
sia costituita da rappresentanti regionali nominati dalla Conferenza
dei presidenti delle regioni e delle province autonome; ha disposto
che della delegazione facciano parte, limitatamente alle materie di
rispettiva competenza, i rappresentanti dei Ministeri dell’economia e
delle finanze, del lavoro e delle politiche sociali, e della salute,
designati dai rispettivi Ministri; ha demandato ad un accordo in
questa Conferenza la disciplina del procedimento di contrattazione
collettiva relativo ai predetti accordi, tenendo conto di quanto
previsto dagli articoli 40, 41, 42, 46, 47, 48 e 49 del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visto l’art. 2-nonies della legge 26 maggio 2004, n. 138, di
conversione in legge del decreto-legge 29 marzo 2004, n. 81, che
dispone che il contratto del personale sanitario a rapporto
convenzionale e’ garantito sull’intero territorio nazionale da
convenzioni conformi agli accordi collettivi nazionali stipulati
mediante il procedimento di contrattazione collettiva definito con
l’accordo in questa Conferenza Stato-regioni previsto dal citato art.
4, comma 9, della legge 30 dicembre 1991, n. 412, e successive
modificazioni e che 1’accordo nazionale e’ reso esecutivo con
l’intesa sancita in questa Conferenza, con le modalita’ di cui
all’art. 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
Visto il proprio atto rep. n. 1805 del 25 luglio 2003, con il
quale, in attuazione del citato art. 52, comma 27, della legge n. 289
del 2002, si e’ proceduto alla disciplina del procedimento di
contrattazione collettiva in questione e che l’art. 5, analogamente a
quanto dispone il citato art. 47 del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165, prevede:
– al comma 5, che nel procedimento delle ipotesi di accordo in
questione si debba acquisire l’intesa di questa Conferenza, chiamata
ad esprimersi dopo la certificazione da parte della Corte dei conti,
da rendere entro quindici giorni dall’invio, superati i quali il
parere si intende positivamente reso, salvo la richiesta di
acquisizione di ulteriori elementi di valutazione;
– ai commi 6 e 7, che, ove la predetta certificazione non sia
positiva, la Corte riferisca al Parlamento e che in ogni caso la
procedura debba concludersi nei termini fissati dal comma 7 del
citato decreto legislativo n. 165/2001 (quaranta giorni dall’ipotesi
di accordo), decorsi i quali l’ipotesi di accordo e’ oggetto di
intesa in questa Conferenza, salvo che non si renda necessaria la
riapertura delle trattative;
Vista l’ipotesi di accordo collettivo nazionale, allegato A, parte
integrante del presente atto, relativo agli allegati dell’ACN del
1° marzo 2006, concernente l’attuazione della norma finale n. 6
dell’ACN 23 marzo 2005 per la disciplina del rapporto di lavoro con i
Medici specialisti ambulatoriali interni, i Medici veterinari e le
altre professionalita’ (Biologi, Chimici, Psicologi) ambulatoriali,
inviata a questa Conferenza dalla Conferenza delle regioni e delle
province autonome, con nota del 24 novembre 2006, al fine di
acquisire l’intesa in oggetto di cui all’art. 5 del citato Accordo
Stato-regioni rep. n. 1805 del 24 luglio 2003;
Considerato che, in data 20 novembre 2006, le Sezioni riunite della
Corte dei conti in sede di controllo hanno reso certificazione
positiva in ordine all’ipotesi di accordo in oggetto;
Acquisito nel corso dell’odierna seduta l’assenso del Governo e dei
presidenti delle regioni e province autonome sulla ipotesi di
contratto in esame;
Sancisce intesa

sull’ipotesi di accordo collettivo nazionale, allegato A, parte
integrante del presente atto, relativo agli allegati dell’ACN del
1° marzo 2006, concernente l’attuazione della norma finale n. 6
dell’ACN 23 marzo 2005 per la disciplina del rapporto di lavoro con i
Medici specialisti ambulatoriali interni, i Medici veterinari e le
altre professionalita’ (Biologi, Chimici, Psicologi) ambulatoriali.
Roma, 30 novembre 2006
Il presidente: Lanzillotta

Il segretario: Busia

VERBALE DI ACCORDO

In data 21 settembre 2006 tra la SISAC e le Organizzazioni
sindacali firmatarie dell’ACN 23 marzo 2005 per la disciplina dei
rapporti con i Medici specialisti ambulatoriali interni, Medici
veterinari ed altre professionalita’ (Biologi, Chimici; Psicologi)
ambulatoriali ai sensi del decreto legislativo n. 502/1992, e
successive modificazioni, si conviene quanto segue:
1) preso atto dei tempi determinatesi per l’intesa ai fini
dell’esecutivita’ dell’accordo, le parti convengono che in sede di
prima applicazione il termine previsto dall’art. 21 – Graduatorie
domanda requisiti «entro e non oltre il 31 gennaio di ciascun anno»
e’ prorogato solo per i medici veterinari fino a tre mesi successivi
all’entrata in vigore del presente accordo. Valgono i titoli
conseguiti fino ad un mese prima della scadenza della domanda;
2) ai fini dell’inserimento in graduatoria dei medici
veterinari, fermo restando quanto previsto dalla norma finale n. 2
dell’Accordo del 1° marzo 2006, all’ACN per la specialistica
ambulatoriale e le altre professionalita’ sanitarie del 23 marzo 2005
e’ aggiunto l’«Allegato A-bis Specializzazione e dottorati di ricerca
della medicina veterinaria» contenuto nel presente Accordo;
3) ai fini della valutazione dei titoli accademici e
professionali e dei relativi punteggio l’allegato A parte seconda
dell’ACN per la medicina specialistica del 23 marzo 2005 integrato
con quanto previsto nell’allegato 1 del presente accordo. Per quanto
non espressamente previsto nell’allegato 1 si applica per analogia
quanto previsto per i medici specialisti ambulatoriali;
4) qualora, inoltre, l’attivita’ svolta sia retribuita a
prestazione le regioni definiscono l’assegnazione del punteggio con
un criterio di equivalenza all’attivita’ oraria;
5) si aggiunge fac-simile di domanda di inclusione nelle
graduatorie di cui all’art. 21. (Allegato B-bis).
Per la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi
Sumai dott. Roberto Lala
CGIL F.P Medici dott. Nicola Preiti
CISL Medici dott. Giuseppe Garraffo
Federazione Medici-UIL FPL dott. Armando Masucci
AUPI dott. Paolo Moscara
SNUBCI dott. Giuseppe Vitale
SICUS dott. Nicolo’ Tirone
SNALBIP dott.ssa Loredana Di Natale

Allegato A-bis
Specializzazione e dottorati di ricerca della medicina veterinaria

BRANCA DELLA SANITA’ ANIMALE

Sanita’ animale
Specializzazioni equipollenti:
Alimentazione animale;
Allevamento e igiene degli animali;
Clinica bovina;
Diritto e legislazione veterinaria;
Etologia applicata e benessere degli animali di interesse
zootecnico e degli animali da affezione;
Farmacologia e tossicologia veterinaria;
Fisiopatologia della riproduzione degli animali domestici;
Malattie infettive, profilassi e polizia veterinaria;
Medicina e chirurgia del cavallo;
Microbiologia indirizzo in tecniche microbiologiche;
Miglioramento genetico degli animali domestici;
Patologia e clinica degli animali d’affezione;
Patologia suina;
Sanita’ animale, allevamento e produzioni zootecniche;
Sanita’ pubblica veterinaria;
Scienza e medicina degli animali da laboratorio;
Tecnologia e patologia delle specie avicole, del coniglio e della
selvaggina;
Altre Specializzazioni equipollenti:
Alimentazione degli animali domestici;
Biotecnologie veterinarie;
Chirurgia veterinaria;
Clinica dei piccoli animali;
Clinica ostetrica e ginecologica veterinaria;
Clinica e malattia dei piccoli animali;
Igiene della produzione e commercializzazione degli alimenti di
origine animale;
Malattie dei piccoli animali;
Patologia aviare;
Parassitologia degli animali domestici;
Sanita’ animale, igiene dell’allevamento e delle produzioni
animali;
Radiologia veterinaria;
Tecnologia avicola e patologia aviare;
Tecnologia e patologia avicunicola;
Discipline affini:
Biochimica marina e biotecnologie applicate alla pesca e
a…

[Continua nel file zip allegato]

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO- PROVVEDIMENTO 30 novembre 2006

Chimici.info