COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA | Chimici.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 18 marzo 2005: Programma statistico nazionale per il triennio 2005-2007. (Deliberazione n. 5/05). (GU n. 186 del 11-8-2005)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 18 marzo 2005

Programma statistico nazionale per il triennio 2005-2007.
(Deliberazione n. 5/05).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, recante
norme sul sistema statistico nazionale (SISTAN) e sulla
riorganizzazione dell’Istituto nazionale di statistica (ISTAT), ai
sensi della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto in particolare l’art. 6-bis del predetto decreto legislativo
– introdotto dall’art. 11 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
281 – concernente le disposizioni in materia di trattamento dei dati
personali per finalita’ storiche, statistiche e di ricerca
scientifica;
Visto inoltre il successivo art. 13 del medesimo decreto
concernente la procedura di approvazione del Programma statistico
nazionale;
Visti l’art. 2, comma 4, l’art. 6, comma 1, l’art. 8, comma 1 e
l’art. 9, comma 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, che
demandano, fra l’altro, alla Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome il compito di favorire
l’interscambio di dati e di informazioni sull’attivita’ posta in
essere dalle Amministrazioni centrali, regionali e dalle province
autonome;
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, concernente, tra l’altro,
misure in materia di investimenti;
Vista la propria delibera 13 novembre 2003, n. 98, (Gazzetta
Ufficiale n. 66/2004) con la quale e’ stato approvato il programma
statistico nazionale per il triennio 2004-2006;
Visto il programma statistico nazionale per il triennio 2005-2007,
deliberato dal Comitato di indirizzo e coordinamento
dell’informazione statistica (Comstat) nella seduta del 5 luglio
2004;
Considerato che il Programma statistico nazionale (PSN) costituisce
lo strumento d’indirizzo per la rilevazione dei dati e delle
informazioni d’interesse comune per tutti i soggetti del Sistema
statistico nazionale (SISTAN), in un’ottica di armonizzazione della
funzione statistica a livello comunitario, tenendo altresi’ conto del
trasferimento di funzioni a regioni ed enti locali e che in tale
contesto e’, pertanto, necessario incrementare la qualita’ e la
quantita’ delle informazioni statistiche, anche ai fini della
valutazione e del monitoraggio delle politiche di sviluppo e degli
investimenti pubblici;
Ribadita l’esigenza di sviluppare qualitativamente e
quantitativamente l’informazione statistica, attraverso il
coinvolgimento e la valorizzazione di tutti i soggetti del sistema
statistico nazionale di cui all’art. 2 del citato decreto legislativo
n. 322/1989 ed in particolare delle Amministrazioni centrali,
regionali, locali e delle Camere di commercio, chiamate a svolgere
compiti di valutazione e monitoraggio;
Considerato, altresi’, che l’azione di sviluppo informativo impegna
l’Istituto nazionale di statistica a svolgere un determinante ruolo
di impulso e coordinamento metodologico, nel quadro di un maggior
dettaglio territoriale delle informazioni, assicurandone la
continuita’ temporale e spaziale;
Acquisito il parere favorevole sia della Commissione per la
garanzia dell’informazione statistica in data 7 luglio 2004, che
della Conferenza unificata Stato, citta’ ed autonomie locali e
Stato-regioni nella seduta del 23 settembre 2004;
Tenuto conto che le recenti osservazioni formulate dal Garante per
la protezione dei dati personali in data 15 marzo 2005, costituiranno
oggetto di esame da parte dell’ISTAT nella successiva fase di
predisposizione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
con il quale sara’ adottato il programma stesso;
Tenuto conto che questo Comitato, con la richiamata delibera n.
98/2003, ha invitato l’ISTAT a proseguire nelle analisi dei costi
delle attivita’ programmate, estendendo la ricerca anche agli altri
soggetti del SISTAN che partecipano al programma statistico
nazionale;
Considerato in particolare che la realizzazione del PSN comporta il
coinvolgimento di numerosi soggetti, sia pubblici che privati, su
ognuno dei quali grava una parte dei costi e preso atto dei risultati
dell’analisi dei costi relativi alla produzione statistica di tutti i
soggetti del SISTAN (ISTAT e non-ISTAT), contenuti nell’apposito
documento allegato al Programma in esame;
Su proposta del Presidente dell’Istituto nazionale di statistica;

Delibera:

E’ approvato il programma statistico nazionale per il triennio
2005-2007, predisposto dall’Istituto nazionale di statistica, che
costituisce il principale strumento d’indirizzo dell’informazione
statistica per i soggetti appartenenti al sistema statistico
nazionale (SISTAN) e le cui linee guida sono incentrate sul
consolidamento e miglioramento della cultura statistica, sulla
produzione, diffusione e utilizzazione della statistica e sulla
diffusione di metodi e standard comuni, oltre alla formazione ed al
rafforzamento del sistema.
In particolare, nell’ambito dei singoli settori di interesse, il
SISTAN prevede di perseguire nel triennio 2005-2007 i seguenti
obiettivi:
affinamento del livello territoriale di riferimento dei dati
prodotti;
completamento del sistema informativo geografico dell’ISTAT
(Gistat);
riposizionamento delle statistiche demografiche sulla base dei
risultati del censimento della popolazione;
maggiore utilizzo delle fonti amministrative nelle statistiche
demografiche;
consolidamento, ampliamento e miglioramento della produzione
statistica sul mercato del lavoro;
avvio ed implementazione del sistema informativo statistico sulla
Pubblica Amministrazione;
completamento del nuovo sistema informativo delle statistiche dei
prezzi (Sispre);
sviluppo dell’offerta di informazioni statistiche sulla struttura
e la competitivita’ delle imprese;
revisione straordinaria delle serie di contabilita’ nazionale;
sviluppo di iniziative prototipali di interesse locale;

Invita

l’ISTAT a proseguire nell’analisi dei costi dei singoli progetti
programmati, ivi compresi quelli di competenza degli altri soggetti
del SISTAN, secondo l’impostazione seguita dall’ISTAT ed illustrata
nel documento «Costo stimato di realizzazione dei progetti
programmati per l’anno 2005» allegato al Programma statistico
nazionale 2005-2007.
Roma, 18 marzo 2005

Il Presidente delegato
Siniscalco

Il segretario del CIPE
Baldassarri

Registrato alla Corte dei conti il 28 luglio 2005
Ufficio di controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n.
4
Economia e finanze, foglio n. 171

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Chimici.info