AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Chimici.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 29 novembre 2002: Applicazione di tariffe speciali per la fornitura di energia elettrica alle popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nelle province di Campobasso e Foggia il 31 ottobre 2002. (Deliberazione n. 197/02). (GU n. 300 del 23-12-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 29 novembre 2002

Applicazione di tariffe speciali per la fornitura di energia
elettrica alle popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi
nelle province di Campobasso e Foggia il 31 ottobre 2002.
(Deliberazione n. 197/02).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 29 novembre 2002;
Premesso che:
l’art. 1, comma 1, della legge 14 novembre 1995, n. 481 (di
seguito: legge n. 481/1995), stabilisce che il sistema tariffario
deve armonizzare gli obiettivi economico-finanziari dei soggetti
esercenti il servizio con gli obiettivi generali di carattere
sociale, di tutela ambientale e di uso efficiente delle risorse;
il Capo del Dipartimento della protezione civile, con lettera
17 novembre 2002, protocollo Autorita’ n. 024077 del 18 novembre
2002, a seguito dei gravi eventi sismici del 31 ottobre scorso, ha
comunicato all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di
seguito: l’Autorita) che si rende necessario provvedere al
trasferimento delle popolazioni – le cui abitazioni formano oggetto
di ordinanza sindacale di sgombero, ovvero, nelle more della verifica
dello stato di agibilita’ degli edifici, risultino, sulla base di
attestazioni dei tecnici comunali, non utilizzabili – in altri
alloggi, non di proprieta’ disponibili sul territorio;
Visti:
l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
l’art. 1, comma 1, e l’art. 3, comma 1, della legge 14 novembre
1995, n. 481;
l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre
2002 recante dichiarazione dello stato di emergenza in ordine ai
gravi eventi sismici verificatisi il giorno 31 ottobre 2002 nel
territorio della provincia di Campobasso, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 258 del 4 novembre 2002;
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 novembre
2002 recante disposizioni per l’estensione territoriale della
dichiarazione dello stato di emergenza in ordine ai gravi eventi
sismici verificatisi il giorno 31 ottobre 2002 che hanno interessato
il territorio della provincia di Campobasso anche al territorio della
provincia di Foggia, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – n. 267 del 14 novembre 2002;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
il testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasporto, di misura e di vendita dell’energia elettrica, approvato
con la deliberazione 18 ottobre 2001, n. 228/01, pubblicata nel
supplemento ordinario n. 277 alla Gazzetta Ufficiale – serie generale
– n. 297 del 22 dicembre 2001, e successive modifiche e integrazioni
(di seguito: testo integrato);
Considerato che:
gli alloggi non di propria residenza nei quali sono
temporaneamente ospitate le popolazioni colpite dagli eventi sismici
di cui in premessa, che verranno trasferite dalle proprie abitazioni
a seguito di ordinanze sindacali di sgombero ovvero le cui
abitazioni, nelle more della verifica dello stato di agibilita’ degli
edifici, risultino non utilizzabili, sulla base di attestazione dei
tecnici comunali, per la maggior parte non sono dotati di impianti di
riscaldamento;
tale situazione richiede un elevato livello di consumo
dell’energia elettrica per soddisfare esigenze abitative e sociali,
quali riscaldamento dei locali e di acqua e uso di cucina;
Ritenuta l’opportunita’:
che siano praticate ai clienti finali aventi dimora nelle zone
colpite dai sopradetti eventi sismici, che vengono trasferiti dalle
proprie abitazioni – a seguito di ordinanze sindacali di sgombero,
ovvero, le cui abitazioni, nelle more della verifica dello stato di
agibilita’ degli edifici, risultino, sulla base di attestazione dei
tecnici comunali, non utilizzabili – in alloggi non di propria
residenza, le tariffe di “fascia sociale” relative all’erogazione di
energia elettrica per usi domestici;
di applicare una riduzione dei corrispettivi di potenza e della
parte variabile della tariffa per la fornitura di energia elettrica
ai clienti sopra descritti;
di uniformare il periodo di applicazione delle tariffe speciali
in relazione alla durata dello stato di emergenza, stabilita fino al
30 giugno 2003, per le zone colpite dagli eventi sismici di cui in
premessa;
Delibera:
Art. 1.
Tariffe speciali per la fornitura di energia elettrica ai clienti
domestici colpiti dagli eventi sismici verificatisi nelle province di
Campobasso e Foggia il 31 ottobre 2002

1.1. Alle forniture di energia elettrica effettuate alle
popolazioni colpite dal sisma del 31 ottobre 2002 nelle province di
Campobasso e Foggia, che vengano trasferite a seguito di ordinanze
sindacali di sgombero, dalle proprie abitazioni, ovvero, le cui
abitazioni, nelle more della verifica dello stato di agibilita’ degli
edifici, risultino, sulla base di attestazione dei tecnici comunali,
non utilizzabili – in alloggi non di propria residenza si applicano,
a decorrere dal 1 novembre 2002 e fino al 30 giugno 2003, le seguenti
condizioni tariffarie, indipendentemente dalla potenza impegnata e
dallo scaglione di consumo:
a) componenti au 1(D2) e au 2(D2), di cui all’art. 22,
comma 22.2, del testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasporto, di misura e di vendita dell’energia elettrica, approvato
con la deliberazione 18 ottobre 2001, n. 228/01 e successive
modifiche e integrazioni (di seguito: testo integrato), ridotte a un
terzo;
b) componenti au 3(D2) e PV, di cui all’art. 22, comma 22.2,
del testo integrato, pari a quelle prevista dalla vigente normativa
tariffaria per le medesime forniture a clienti domestici con consumi
fino a 75 kWh mensili.
1.2. Le forniture di cui al precedente comma 1.1 sono esenti
dall’applicazione delle componenti UC1, UC2 e UC4, di cui all’art.
22, comma 22.2, del testo integrato e delle componenti A, di cui
all’art. 34, del testo integrato.

Art. 2.
Individuazione degli aventi diritto all’applicazione delle tariffe
speciali

2.1. Le abitazioni e i clienti finali legittimati a beneficiare
delle tariffe speciali indicate nell’art. 1 sono individuati dal Capo
del Dipartimento della protezione civile, che ne invia l’elenco
all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas e agli esercenti il
servizio di vendita dell’energia elettrica per i clienti del mercato
vincolato che stipulino contratti con i clienti domestici in bassa
tensione interessati (di seguito: esercenti).
2.2. Gli esercenti che forniscono prestazioni alle quali sono
applicate le condizioni di cui al precedente art. 1, comma 1.1,
autocertificano all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas, entro
il 31 marzo di ogni anno, il numero di clienti forniti al 31 dicembre
dell’anno precedente, le quantita’ di energia elettrica erogate e
l’ammontare delle agevolazioni accordate a tali clienti relativamente
all’anno precedente.
2.3. Le informazioni di cui al comma precedente consentono
all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas di valutare gli
effetti economici del provvedimento.

Art. 3.
Disposizioni finali

3.1. Il termine del 30 giugno 2003, stabilito all’art. 1, viene
automaticamente esteso in relazione ad eventuali proroghe della
dichiarazione dello stato di emergenza per le aree colpite dagli
eventi sismici di cui alla presente deliberazione.
3.2. Il presente provvedimento, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito Internet dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas (www.autorita.energia.it), entra in
vigore alla data della sua pubblicazione.
Milano, 29 novembre 2002
Il presidente: Ranci

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Chimici.info