AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 7 agosto 2006 | Chimici.info

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 7 agosto 2006

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 7 agosto 2006 - Modifiche ed integrazioni alla deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 29 luglio 2005, n. 166/05, in materia di incentivi alla interrompibilita' delle forniture di gas naturale, e disposizioni transitorie ed urgenti in materia di recesso nei contratti di fornitura di gas naturale. (Deliberazione n. 192/06). (GU n. 210 del 9-9-2006)

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 7 agosto 2006

Modifiche ed integrazioni alla deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 29 luglio 2005, n. 166/05, in materia di
incentivi alla interrompibilita’ delle forniture di gas naturale, e
disposizioni transitorie ed urgenti in materia di recesso nei
contratti di fornitura di gas naturale. (Deliberazione n. 192/06).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 7 agosto 2006;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164;
il decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 agosto 2006
(di seguito: decreto 4 agosto 2006);
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 7 agosto 2001, n. 184/01 (di seguito:
deliberazione n. 184/01) come modificata dalla deliberazione
dell’Autorita’ 12 dicembre 2002, n. 207/02 (di seguito: deliberazione
n. 207/02);
la deliberazione dell’Autorita’ 29 luglio 2005, n. 166/05 (di
seguito: deliberazione n. 166/05);
la deliberazione dell’Autorita’ 29 dicembre 2005, n. 297/05 (di
seguito: deliberazione n. 297/05);
la deliberazione dell’Autorita’ 21 gennaio 2006, n. 10/06;
la deliberazione dell’Autorita’ 19 aprile 2006, n. 84/06;
la deliberazione dell’Autorita’ 31 luglio 2006, n. 171/2006 (di
seguito: deliberazione n. 171/06);
Considerato che:
con la deliberazione n. 166/05 l’Autorita’ ha disposto la
riduzione dei corrispettivi di capacita’ CPu e CRr nei punti di
riconsegna che alimentano i clienti finali con contratti di fornitura
di gas naturale con clausola di interrompibilita’ e impianti
industriali con alimentazione dual fuel, individuati ai sensi della
procedura di emergenza climatica;
l’art. 18, comma 18.6 della deliberazione n. 166/05 ha disposto
che per l’anno termico 2005-2006, e comunque fino all’emanazione del
provvedimento di cui al comma 10.4 della medesima deliberazione,
l’impresa di trasporto applichi ai punti di riconsegna di cui al
precedente alinea una riduzione dei corrispettivi CPu e CRr pari al
30 per cento dei medesimi corrispettivi;
con la deliberazione dell’Autorita’ n. 297/05 e’ stato istituito,
presso la Cassa conguaglio per il settore elettrico (di seguito: la
Cassa), il fondo per la promozione dell’interrompibilita’ del sistema
gas, alimentato dalla quota percentuale addizionale dei corrispettivi
di trasporto di cui al punto 1 della medesima deliberazione;
con la deliberazione n. 184/01, l’Autorita’ ha adottato una
direttiva concernente il riconoscimento ai clienti idonei della
facolta’ di recesso nei contratti di fornitura di gas naturale ed ha
disposto che nei contratti di fornitura stipulati con i clienti
idonei sia riconosciuta al cliente idoneo, salvo diverso ed espresso
accordo tra le parti, la facolta’ di recedere dal contratto con un
preavviso non superiore a:
sei mesi, in caso di contratti di durata pluriennale;
tre mesi, in caso di contratti di durata annuale;
con la deliberazione n. 207/02, l’Autorita’ ha adeguato il
riconoscimento della facolta’ di recesso prevista per i clienti
idonei con la deliberazione n. 184/01, prevedendo un preavviso non
superiore a trenta giorni, nel caso di contratti con clienti finali
che si trovano nella condizione di cliente idoneo a decorrere dalla
data del 1° gennaio 2003;
il decreto 4 agosto 2006 prevede, per ciascuna impresa di vendita
di gas naturale che fornisca clienti industriali direttamente
allacciati alle reti di trasporto, l’obbligo di concordare con detti
clienti una interrompibilita’ della fornitura che consenta una
interruzione garantita delle proprie forniture in misura non
inferiore al 10% dei quantitativi mediamente forniti nei trenta
giorni precedenti l’interruzione, per almeno quattro settimane a
decorrere dal 29 gennaio 2007;
il decreto 4 agosto 2006 ha disposto altresi’ che l’Autorita’,
con propria deliberazione, stabilisca misure per incentivare il
ricorso all’interrompibilita’ delle forniture di gas naturale tra le
quali l’aumento fino al 50% del divario dei corrispettivi di
trasporto del gas relativi alle forniture interrompibili e non
interrompibili e la possibilita’ di recesso dei clienti industriali
dai contratti di fornitura sottoscritti alla data di entrata in
vigore del presente decreto;
le proposte tariffarie approvate con la deliberazione n. 171/06
prevedono corrispettivi unitari che sono stati dimensionati sulla
base di una riduzione del 30% dei corrispettivi CPu e CRr relativi ad
una potenziale capacita’ interrompibile, individuata ai sensi della
procedura di emergenza climatica, pari a 8,3 milioni di metri
cubi/giorno come comunicato dalla societa’ Snam Rete Gas in data
7 agosto 2006 (prot. Autorita’ n. 19417 del 7 agosto 2006).
Ritenuto che:
sia necessario procedere con urgenza agli adempimenti di cui al
predetto decreto, anche in considerazione delle procedure di
conferimento per l’anno termico 2006-2007 attualmente in corso;
sia necessario escludere dalla riduzione i corrispettivi unitari
di capacita’ per il trasporto nei punti di entrata e i corrispettivi
unitari variabili, in quanto i suddetti corrispettivi sono applicati
rispettivamente alle capacita’ conferite nei punti di entrata della
rete nazionale e all’energia associata al gas immesso in rete che non
sono riconducibili alle capacita’ conferite nei punti di riconsegna
che alimentano i clienti finali allacciati alle reti di trasporto;
prevedere che nei punti di riconsegna che alimentano i clienti
finali con contratti di fornitura di gas naturale con clausola di
interrompibilita’ e impianti industriali con alimentazione dual fuel,
individuati ai sensi del decreto 4 agosto 2006, l’impresa di
trasporto applichi a partire dall’anno termico 2006-2007 una
riduzione dei corrispettivi CPu, CRr e CM pari al 90 per cento dei
medesimi corrispettivi definiti ai sensi della deliberazione n.
171/06, in modo tale che la riduzione applicata ai suddetti punti di
riconsegna approssimi una riduzione media complessiva dei
corrispettivi di trasporto pari al 50 per cento;
sia necessario prevedere che le onerosita’ aggiuntive per le
imprese di trasporto derivanti dalle maggiori riduzioni di cui al
precedente alinea trovino copertura mediante il fondo per la
promozione dell’interrompibilita’ del sistema gas di cui alla
deliberazione n. 297/05;
sia opportuno prevedere l’estensione a tutto l’anno termico
2006-2007 della maggiorazione dei corrispettivi di cui al punto 1
della deliberazione n. 297/05 e demandare a successivo provvedimento
la definizione delle modalita’ di copertura delle onerosita’
aggiuntive di cui al precedente alinea, prevedendo anche la
compensazione delle partite dare/avere nei confronti del fondo per la
promozione dell’interrompibilita’ del sistema gas;
sia necessario, fermo restando quanto stabilito con le
deliberazioni n. 184/01 e n. 207/02, prevedere in via transitoria ed
urgente, per l’anno termico 2006-2007 la possibilita’ per i clienti
industriali di recedere dai contratti di fornitura sottoscritti alla
data di entrata in vigore del decreto 4 agosto 2006 al solo fine di
sottoscrivere contratti di fornitura di gas naturale con clausola di
interrompibilita’;
sia altresi’ necessario prevedere un termine ed un congruo
preavviso per l’esercizio della facolta’ di cui al precedente alinea,
al fine di garantire la tempestiva attivazione di misure adeguate a
far fronte alla domanda di gas naturale del prossimo periodo
invernale;
Delibera:

1. Di approvare le seguenti rettifiche della deliberazione n.
166/05:
a. l’art. 18, comma 18.6 e’ sostituito dal seguente comma:
«18.6 Per l’anno termico 2005-2006, l’impresa di trasporto
applica ai punti di riconsegna di cui all’art. 10, comma 10.2, una
riduzione dei corrispettivi CPu e CRr pari al 30 per cento e nei casi
di cui all’art. 10, comma 10.3, una maggiorazione del 60 per cento
dei medesimi corrispettivi.»;
b. all’art. 18, dopo il comma 18.6, e’ aggiunto il seguente
comma:
«18.6.1 Per l’anno termico 2006-2007, e comunque fino
all’emanazione del provvedimento di cui al comma 10.4, l’impresa di
trasporto applica ai punti di riconsegna di cui all’art. 10,
comma 10.2, una riduzione dei corrispettivi CPu, CRr e CM pari al 90
per cento e nei casi di cui all’art. 10, comma 10.3, una
maggiorazione del 60 per cento dei medesimi corrispettivi»;
c. l’art. 15, comma 15.3, lettera b), terzo alinea e’ sostituito
dal seguente alinea:
«- REFNt-2,’ REFRt-2 sono i ricavi relativi rispettivamente
alla rete nazionale di gasdotti e alle reti regionali di gasdotti,
conseguiti applicando i corrispettivi di cui ai precedenti articoli 8
e 11, al lordo di eventuali riduzioni operate dall’impresa e non
previste dalla presente deliberazione, alle capacita’ effettivamente
conferite per l’anno termico t-2, al lordo di eventuali penali
corrisposte dall’impresa di trasporto ai sensi dell’art. 10,
comma 10.2 della deliberazione 31 luglio 2006, n. 168/06, e inclusivi
delle eventuali coperture dei maggiori oneri sostenuti ai sensi della
deliberazione 7 agosto 2006, n. 192/06, operate dal fondo per la
promozione dell’interrompibilita’ del sistema gas di cui alla
deliberazione 29 dicembre 2005, n. 297/05;».
2. Di …

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 7 agosto 2006

Chimici.info