AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 31 marzo 2008 | Chimici.info

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 31 marzo 2008

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 31 marzo 2008 - Deroga alla regolazione del servizio di dispacciamento e del servizio di trasporto nei casi di successione di un utente del dispacciamento ad un altro (switching) sui punti di prelievo nella titolarita' della societa' Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. con decorrenza 1° maggio 2008. (Deliberazione ARG/elt 45/08). (GU n. 95 del 22-4-2008 )

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 31 marzo 2008

Deroga alla regolazione del servizio di dispacciamento e del servizio
di trasporto nei casi di successione di un utente del dispacciamento
ad un altro (switching) sui punti di prelievo nella titolarita’ della
societa’ Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. con decorrenza 1° maggio
2008. (Deliberazione ARG/elt 45/08).

L’AUTORITA’
PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 31 marzo 2008.
Visti:
la direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
del 26 giugno 2003;
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
la legge 3 agosto 2007, n. 125, recante conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 18 giugno 2007 n. 73/2007 (di
seguito: legge n. 125/2007);
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di: seguito: l’Autorita) 9 giugno 2006, n. 111/06, come
successivamente modificata e integrata;
la deliberazione dell’Autorita’ 27 giugno 2007 n. 156/07, che ha
approvato il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di vendita
dell’energia elettrica di maggior tutela e di salvaguardia ai clienti
finali ai sensi del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73/2007, come
successivamente modificata e integrata (di seguito: TIV);
la deliberazione dell’Autorita’ 21 dicembre 2007, n. 337/07, come
successivamente modificata (di seguito: deliberazione n. 337/07);
la deliberazione dell’Autorita’ 29 dicembre 2007, n. 348/07, che
ha approvato il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’erogazione dei servizi di trasmissione, distribuzione, e misura
dell’energia elettrica per il periodo di regolazione 2008-2011, come
modificato e integrato con deliberazione dell’Autorita’ 13 marzo
2008, ARG/elt 30/08, (di seguito: TIT);
la deliberazione dell’Autorita’ 23 gennaio 2008, ARG/elt 04/08
(di seguito: deliberazione ARG/elt 04/08);
la deliberazione dell’Autorita’ 28 marzo 2008, ARG/elt 42/08 (di
seguito: deliberazione ARG/elt 42/08);
la lettera inviata dalla societa’ RFI S.p.a. del Gruppo Ferrovie
dello Stato, prot. RFI-AD\A0011\P\2008\332 del 31 marzo 2008 (di
seguito: lettera 31 marzo 2008);
Considerato che:
il comma 74.1 del TIT prevede l’applicazione di regimi tariffari
speciali ad alcune societa’, fra le quali e’ ricompresa, ai sensi
dell’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 22 maggio
1963, n. 730, la societa’ Ferrovie dello Stato S.p.a.;
il comma 74.4 del TIT prevede che a ciascun cliente finale,
ammesso a beneficiare di regimi tariffari speciali ai sensi delle
disposizioni dei commi 74.1 e 74.2 del medesimo TIT, sia versata una
componente tariffaria compensativa pari alla differenza tra:
a) gli addebiti che deriverebbero dall’applicazione delle
condizioni tariffarie agevolate previste per tali clienti dalla
normativa vigente, al netto delle imposte e delle componenti
inglobate nella parte A della tariffa;
b) gli addebiti che deriverebbero dall’applicazione a tale
cliente dei corrispettivi previsti per i servizi di trasmissione,
distribuzione, misura e vendita, al netto delle componenti tariffarie
A e UC;
il comma 74.5 del TIT prevede che il corrispettivo relativo al
servizio di vendita di cui al comma 74.4, lettera b) sia fissato in
via amministrativa dall’Autorita’ ed aggiornato trimestralmente;
a seguito della riorganizzazione del Gruppo Ferrovie dello Stato,
i circa 7.000 punti di prelievo in alta, media e bassa tensione
appartenenti al medesimo gruppo sono ad oggi nella titolarita’ della
societa’ Rete Ferroviaria Italiana S.p.a (di seguito: RFI),
controllata al 100% dal medesimo gruppo;
le disposizioni per l’erogazione del servizio di vendita
dell’energia elettrica di salvaguardia (di seguito: servizio di
salvaguardia) di cui alla legge 3 agosto 2007, n. 125/2007, in
attuazione del decreto del Ministro dello sviluppo economico 23
novembre 2007, approvate dall’Autorita’ con la deliberazione n.
337/07, prevedono che gli esercenti la salvaguardia individuati in
sede di prima applicazione eroghino il servizio a partire dal 1°
maggio 2008 e fino al 31 dicembre 2008;
le disposizioni di cui al precedente alinea hanno determinato la
presenza di diversi esercenti il servizio di salvaguardia sul
territorio nazionale a partire dal 1° maggio 2008, in sostituzione
degli attuali esercenti servizio di salvaguardia nel transitorio;
l’art. 3 della deliberazione ARG/elt 42/08, che disciplina le
modalita’ per la successione di un utente del dispacciamento ad un
altro sullo stesso punto di prelievo (di seguito: switching) e che si
applica alle richieste presentate a partire dal 1° aprile 2008
prevede che la richiesta per tale successione debba essere presentata
entro la fine del secondo mese antecedente la data di switching, nel
caso in cui l’esercente la vendita entrante non si avvalga della
facolta’ cli cui al comma 6.2 della deliberazione ARG/elt 4/08;
RFI e’ attualmente servito, con riferimento ai punti di prelievo
nella propria titolarita’, nell’ambito del servizio di salvaguardia
transitoria;
la permanenza di RIFI nel servizio di salvaguardia potrebbe
comportare, in presenza di criteri adottati dall’Autorita’ per la
fissazione del corrispettivo relativo al servizio di vendita di cui
al comma 74.4, lettera b), del TIT che tengano conto delle condizioni
di approvvigionamento, un incremento degli oneri a carico del sistema
per garantire al Gruppo Ferrovie dello Stato le condizioni di
approvvigionamento stabilite dalla legge;
la permanenza di RFI nel servizio di salvaguardia potrebbe
comportare, in presenza di piu’ soggetti che erogano il servizio a
livello nazionale, un significativo incremento degli oneri
amministrativi a carico degli esercenti il servizio di salvaguardia,
che potrebbero avere ricadute negative sugli altri utenti del
servizio;
solo con lettera 31 marzo 2008 RFI comunica il proprio
intendimento di abbandonare l’attuale regime di salvaguardia per
potersi approvvigionare nel mercato libero, richiedendo al contempo
la possibilita’ di ottenere una deroga dalle disposizioni della
deliberazione ARG/elt 42/08 con particolare riferimento ai termini di
preavviso per lo switching dei punti di prelievo nella propria
titolarita’.
Ritenuto che:
alla luce delle considerazioni sopra esposte, nonche’ degli
obiettivi di promozione della concorrenza propri dell’Autorita’, sia
necessario e urgente consentire al Gruppo Ferrovie dello Stato di
cogliere ogni occasione di avvio di una fornitura sul mercato libero,
derogando, limitatamente ai punti di prelievo nella titolarita’ di
RFI alle tempistiche dello switching previste dalla deliberazione
ARG/elt42/08, limitatamente alle richieste con data di switching
1° maggio 2008.
Delibera:
1. di modificare il termine per l’invio delle richieste di
switching relative ai punti di prelievo nella titolarita’ di RFI e
recanti data di switching 1° maggio 2008 di cui al comma 3.3 della
deliberazione ARG/elt42/08, fissando il medesimo termine al 18 aprile
2008.
2. di pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
e sul sito internet dell’Autorita’ (www.autorita’.energia.it) il
presente provvedimento, che entra in vigore dal 1° aprile 2008.
Milano, 31 marzo 2008
Il presidente: Ortis

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 31 marzo 2008

Chimici.info