Applicazione della Direttiva 90/396/CEE del 29/06/1990 | Chimici.info

Applicazione della Direttiva 90/396/CEE del 29/06/1990

Applicazione della Direttiva 90/396/CEE del 29/06/1990 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri in materia di apparecchi a gas. Marcatura CE e attestato CE: valutazione dell'idoneità della documentazione
Lettera Circolare

La Direttiva indicata in oggetto prevede che dopo il 31/12/1995
non può essere impedita la commercializzazione e la installazione di
dispositivi e apparecchi a gas conformi alla direttiva stessa.
A tale riguardo si forniscono di seguito le informazioni più utili per
l’individuazione della documentazione che deve essere posta a corredo
di prodotti conformi alla direttiva di che trattasi.
Definizioni come da direttiva
90/396/CEE.
APPARECCHI: apparecchi utilizzati per la cottura, il riscaldamento, la
produzione di acqua calda, il raffreddamento, l’illuminazione e il
lavaggio, i quali bruciano combustibili gassosi ed hanno eventualmente
una temperatura normale dell’acqua non superiore a 105°C; sono
assimilati agli apparecchi i bruciatori ad aria soffiata e i corpi di
scambio calore attrezzati con i bruciatori precitati. (Cap. 1 – Art.
1.1.)
DISPOSITIVI: dispositivi di sicurezza, di controllo e di regolazione
ed i sottogruppi, diversi dai bruciatori ad aria soffiata dai corpi di
scambio calore attrezzati con i generatori precitati, quali sono
commercializzati separatamente per uso dei professionisti e sono
destinati ad essere incorporati in un apparecchio a gas o montati per
costituire un apparecchio a gas (Cap. 1 – Art. 1.1).
COMBUSTIBILE GASSOSO: Qualsiasi combustibile che sia allo stato
gassoso ad una temperatura di 15°C ad una pressione di 1 bar (Cap. 1 –
Art. 1.3).
USATO NORMALMENTE: Quando è:
– correttamente installato e sottoposto a regolare manutenzione,
conformemente alle istruzioni del fabbricante,
– usato nel normale campo di variazione della qualità del gas e della
pressione di alimentazione,
– usato per gli scopi per cui è stato costruito o in modi
ragionevolmente prevedibili. (Cap. 1, Art. 1.4) GeneralitàNon sono
soggetti alla direttiva „apparecchi a gas“ 90/396/CEE gli apparecchi
come sopra definiti destinati specificatamente ad essere utilizzati in
processi industriali in stabilimenti industriali. (Cap. 1, Art. 1.2).
Secondo la direttiva di cui all’oggetto, la marcatura CE correda i
soli apparecchi come sopra definiti.
Secondo la direttiva di cui all’oggetto, l’attestato CE è fornito
insieme a ciascun dispositivo come sopra definito. Pertanto non sono
presi in considerazione i dispositivi già installati nell’apparecchio
al momento della sua commercializzazione.
All’atto, la direttiva in oggetto non specifica la lingua in cui le
documentazioni indicate debbano essere redatte, salvo che per le
istruzioni e le avvertenze dei soli apparecchi.
Dette istruzioni e avvertenze devono essere redatte in lingua
italiana. Apparecchi Un apparecchio come sopra definito è conforme alla
direttiva „apparecchi a gas“ 90/396/CEE quando è opportunamente
corredato delle indicazioni, diciture e documentazioni di cui
all’allegato “A“ secondo le modalità ivi previste. Dispositivi Un
dispositivo come sopra definito è conforme alla direttiva „Apparecchi
a gas“ 90/396/CEE quando è corredato dalla documentazione di cui
all’allegato „B“ secondo le modalità ivi previste. ALLEGATO A Apparecchi – Marcatura CE e
iscrizioni 1) Devono essere apposti in modo visibile,
facilmente leggibili e indelebili sull’apparecchio o su una targhetta
di identificazione ad esso fissata, concepita in modo da non poter
essere riutilizzata:
– la marcatura CE di conformità, costituita dalle iniziali “CE“
secondo il simbolo grafico che segue:    seguita
dal numero d’identificazione dell’organismo notificato (solo come
esempio 0051; 0469; 0068)
• la scheda delle caratteristiche, che può anche riportare il simbolo
CE suddetto, contenente le seguenti indicazioni:
– il nome o il simbolo di identificazione del fabbricante;
– la denominazione commerciale dell’apparecchio;
– il tipo di alimentazione elettrica;
– la categoria di apparecchio;
– le ultime due cifre dell’anno in cui è stata apposta la marcatura
CE.
Eventuali informazioni complementari riguardanti l’installazione
devono essere fornite in funzione delle caratteristiche particolari
dell’apparecchio.
In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE, devono
essere rispettate le proporzioni indicate nel simbolo graduato di cui
sopra. I diversi elementi della marcatura CE devono avere
sostanzialmente la stessa dimensione verticale che non può essere
inferiore a 5 mm.
2) Ogni apparecchio deve essere inoltre corredato di:
– ISTRUZIONI TECNICHE elaborate per l’installatore
– ISTRUZIONI PER L’USO E LA MANUTENZIONE elaborate per l’utente
inoltre deve contenere, come il suo imballaggio, le
– AVVERTENZE del caso.
Tutte le istruzioni e le avvertenze devono essere redatte in lingua
italiana.
Il dettaglio dei contenuti previsti dalla direttiva per i documenti
suddetti viene di seguito riportato:
• L’ISTRUZIONE TECNICA ELABORATA PER L’ISTALLATORE deve contenere
tutte le istruzioni per l’istallazione, la regolazione e la
manutenzione, permettendo così l’esecuzione corretta di tali lavori e
l’utilizzazione sicura di tale apparecchio. Le istruzioni devono in
particolare precisare:
– il tipo di gas utilizzato,
– la pressione di alimentazione utilizzata,
– l’aerazione dei locali richiesta:
– per l’alimentazione con aria per la combustione,
– per evitare la creazione di miscugli con un tenore pericoloso di gas
non bruciato per gli apparecchi non dotati del dispositivo specifico
che eviti un accumulo dello stesso. (Gli apparecchi destinati ad
essere utilizzati nei locali devono essere attrezzati con un
dispositivo specifico che eviti un accumulo pericoloso di gas non
bruciato.
Gli apparecchi che non sono attrezzati con un simile dispositivo
devono essere utilizzati solo in locali con una aerazione sufficiente
per evitare un accumulo pericoloso di gas non bruciato.
Gli Stati membri, tenendo conto delle caratteristiche di questi
apparecchi, possono definire sul proprio territorio le condizioni
sufficienti di aerazione dei locali per la loro installazione.
Gli apparecchi per grandi cucine e gli apparecchi alimentati a gas
contenenti componenti tossiche devono essere attrezzati con questo
dispositivo).
– Le condizioni di evacuazione dei prodotti di combustione;
– per i bruciatori ad aria soffiata ed i corpi di scambio calore
destinati ad essere attrezzati con i bruciatori precitati, le loro
caratteristiche e le condizioni di montaggio che contribuiscono al
rispetto dei requisiti essenziali applicabili agli apparecchi finiti
e, se necessario, l’elenco delle combinazioni raccomandate dal
fabbricante.
• LE ISTRUZIONI PER L’USO E LA MANUTENZIONE ELABORATE PER L’UTENTE
devono contenere tutte le informazioni necessarie per un’utilizzazione
sicura e restrizioni in materia di utilizzazione.
• LE AVVERTENZE che figurano sull’apparecchio e sul suo imballaggio
devono indicare in modo non ambiguo il tipo di gas, la pressione di
alimentazione e le eventuali restrizioni per quanto riguarda l’uso, in
particolare la restrizione secondo la quale si deve istallare
l’apparecchio unicamente in locali sufficientemente
aerati.ALLEGATO B
Dispositivi – Attestato CE e documentazione
Ogni dispositivo commercializzato e immesso in servizio conformemente
alla direttiva 90/396/CEE deve essere accompagnato da:
– ATTESTATO contenente
– una dichiarazione della conformità del dispositivo interessato
(denominazione commerciale, produttore e numero di matricola) alle
disposizioni della direttiva 90/396/CEE ad esso applicabili;
– indicazione delle caratteristiche del dispositivo interessato;
– indicazione delle condizioni di incorporamento in un apparecchio o
di montaggio.
– ISTRUZIONI TECNICHE relative a:
– installazione,
– regolazione,
– funzionamento,
– manutenzione.

Applicazione della Direttiva 90/396/CEE del 29/06/1990

Chimici.info