AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI | Chimici.info

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - COMUNICATO: Contratto collettivo quadro per la definizione dei comparti di contrattazione per il quadriennio 2002-2005 (GU n. 304 del 30-12-2002)

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

COMUNICATO

Contratto collettivo quadro per la definizione dei comparti di
contrattazione per il quadriennio 2002-2005

Il giorno 18 dicembre 2002 alle ore 10, ha avuto luogo l’incontro
tra l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche
amministrazioni (ARAN) e le confederazioni sindacali nelle persone
di:
per l’ARAN: avvocato Guido Fantoni (Presidente);
per le Confederazioni:
CGIL (firmato);
CISAL (firmato);
CISL (firmato);
CONFSAL (firmato);
RDB CUB (firmato);
UGL (firmato);
UIL (firmato);
USAE (firmato).
Al termine della riunione viene sottoscritto l’allegato Contratto
collettivo nazionale quadro per la definizione dei comparti di
contrattazione per il quadriennio 2002-2005.
Art. 1.
Area di applicazione
1. Il presente contratto si applica ai dipendenti delle
amministrazioni pubbliche indicate nell’art. 1, comma 2, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
2. I rapporti di lavoro dei dipendenti dei comparti delle
amministrazioni pubbliche sono disciplinati dai contratti collettivi
previsti dagli articoli 40 e 41 dei decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165.

Art. 2.
Determinazione dei comparti
di contrattazione collettiva
1. I dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all’art.
1, comma 1, sono raggruppati nei seguenti comparti di contrattazione
collettiva:
A) Comparto del personale delle agenzie fiscali;
B) Comparto del personale delle amministrazioni dello stato ad
ordinamento autonomo;
C) Comparto del personale degli enti pubblici non economici;
D) Comparto del personale delle istituzioni di alta formazione
e specializzazione artistica e musicale;
E) Comparto del personale delle istituzioni e degli enti di
ricerca e sperimentazione;
F) Comparto del personale dei Ministeri;
G) Comparto del personale della Presidenza del Consiglio dei
Ministri;
H) Comparto del personale delle regioni e delle autonomie
locali;
I) Comparto del personale del servizio sanitario nazionale;
L) Comparto del personale della scuola;
M) Comparto del personale dell’universita’.

Art. 3.
Comparto del personale delle agenzie fiscali
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera A), comprende il personale dipendente:
dall’Agenzia del demanio;
dall’Agenzia delle dogane;
dall’Agenzia delle entrate;
dall’Agenzia del territorio.

Art. 4.
Comparto del personale delle amministrazioni
autonome dello Stato ad ordinamento autonomo
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera B), comprende il personale dipendente:
dal Corpo nazionale dei Vigili del fuoco;
dai Monopoli di Stato.

Art. 5.
Comparto del personale degli enti pubblici non economici
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera C), comprende il personale dipendente dai
sottoindicati enti (ivi incluso quello di cui all’art. 15 della legge
9 marzo 1989, n. 88, come modificato per effetto dell’art. 69,
comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165):
enti di cui alla legge 20 marzo 1975, n. 70, e successive
modificazioni e integrazioni – ivi compreso l’Istituto nazionale per
il commercio con l’estero (ICE) – ad eccezione di quelli
espressamente indicati nell’art. 7, nonche’ dagli ulteriori enti
pubblici non economici comunque sottoposti a tutela o vigilanza dello
Stato;
Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti
dell’amministrazione pubblica (INPDAP) e dall’Istituto di previdenza
del settore marittimo (IPSEMA);
ordini e collegi professionali e relative federazioni, consigli e
collegi nazionali;
Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA), fatto salvo
quanto previsto dall’art. 14, comma 4.

Art. 6.
Comparto del personale delle Istituzioni
di alta formazione e specializzazione
artistica e musicale
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera D) comprende il personale dipendente:
dalle Accademie di belle arti;
dall’Accademia nazionale di danza;
dall’Accademia nazionale di arte drammatica;
dagli Istituti superiori per le industrie artistiche (ISIA);
dai Conservatori di musica e dagli istituti musicali
pareggiati.

Art. 7.
Comparto del personale delle istituzioni
e degli enti di ricerca e sperimentazione
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera E) comprende il personale dipendente:
dagli enti scientifici di ricerca e di sperimentazione di cui
al punto 6 della tabella allegata alla legge 20 marzo 1975, n. 70 e
successive modificazioni ed integrazioni;
dall’Istituto superiore di sanita’ (ISS);
dall’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del
lavoro (ISPESL);
dall’Istituto italiano di medicina sociale;
dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT);
dal Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in
agricoltura e dagli Istituti di ricerca e sperimentazione agraria e
talassografici;
dall’Istituto per le telecomunicazioni e l’elettronica
“Giancarlo Vallauri” (Mariteleradar) di Livorno;
dal Consorzio per l’area di ricerca scientifica e tecnologica
di Trieste (AREA Science Park);
dall’Istituto nazionale di fisica della materia (INFM);
dall’Istituto papirologico “G. Vitelli” di Firenze;
dall’Istituto nazionale di astrofisica (INAF) (e dai relativi
osservatori astronomici ed astrofisici che vi sono confluiti);
dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi
tecnici (APAT);
dall’Istituto nazionale per la ricerca scientifica e
tecnologica sulla montagna (INRM);
dall’Istituto nazionale di ottica applicata (INOA) (cosi’
denominato dall’art. 7 del decreto legislativo 29 settembre 1999, n.
381 e gia’ compreso nella tabella di cui al primo alinea col nome
Istituto nazionale di ottica);
dall’Istituto di studi ed analisi economica (ISAE);
dall’Istituto nazionale di oceanografia e geofisica
sperimentale (OGS), cosi’ denominato dall’art. 7 del decreto
legislativo 29 settembre 1999, n. 381 (gia’ Osservatorio geofisico
sperimentale di Trieste);
dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) (nel
quale e’ confluito – a norma dell’art. 1, comma 1, del decreto
legislativo 29 settembre 1999, n. 381 – l’Osservatorio vesuviano);
dal Centro per la formazione economica e politica dello
sviluppo rurale (gia’ Centro di specializzazione e ricerche
economico-agrarie per il Mezzogiorno);
dal Museo storico della fisica e centro di studi e ricerche
“Enrico Fermi” (gia’ Istituto di fisica di via Panisperna);
dall’Istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e
la ricerca rieducativa (INDIRE);
dall’Istituto nazionale per la valutazione del sistema
dell’istruzione (lNVSI).

Art. 8.
Comparto del personale dei Ministeri
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera F), comprende:
il personale dipendente dai Ministeri (ivi incluso il personale
di cui all’art. 69, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001,
n. 165);
il personale delle agenzie di cui al decreto legislativo
30 luglio 1999, n. 300, escluse quelle ricomprese nell’art. 3 ed
esclusa l’APAT ricompresa nell’art. 7;
il personale in servizio nella provincia di Bolzano di cui agli
articoli 7 e 8 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio
1976, n. 752;
il personale dipendente dal Centro interforze studi
applicazioni militari (CISAM).

Art. 9.
Comparto del personale della Presidenza
del Consiglio dei Ministri
1. Il comparto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera G), comprende il personale dipendente dalla
Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Art. 10.
Comparto del personale delle regioni
e delle autonomie locali
1. Il compatto di contrattazione collettiva di cui all’art. 2,
comma 1, lettera H), comprende il personale dipendente:
dalle regioni a statuto ordinario;
dagli enti pubblici non economici dipendenti dalle regioni a
statuto ordinario;
dagli ex istituti autonomi per le case popolari comunque
denominati e dal Consorzio regionale IACP Marche ed i cui dipendenti
siano disciplinati dai contratti collettivi relativi al rapporto di
lavoro pubblico del compatto;
dai comuni;
dalle province;
dalle comunita’ montane;
dai consorzi, associazioni e comprensori tra comuni, province e
comunita’ montane ed i cui dipendenti siano disciplinati dai
contratti collettivi relativi al rapporto di lavoro pubblico del
comparto;
dalle aziende pubbliche di servizi alla persona (ex IPAB), che
svolgono prevalentemente funzioni assistenziali;
dalle universita’ agrarie ed associazioni agrarie dipendenti
dagli enti locali;

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Chimici.info