AGENZIA DELLE ENTRATE - PROVVEDIMENTO 14 settembre 2006 | Chimici.info

AGENZIA DELLE ENTRATE – PROVVEDIMENTO 14 settembre 2006

AGENZIA DELLE ENTRATE - PROVVEDIMENTO 14 settembre 2006 - Approvazione del modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per l'utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale, delle relative istruzioni e delle caratteristiche tecniche per la stampa. (GU n. 220 del 21-9-2006)

AGENZIA DELLE ENTRATE

PROVVEDIMENTO 14 settembre 2006

Approvazione del modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per
l’utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale, delle
relative istruzioni e delle caratteristiche tecniche per la stampa.

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA
In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel
seguito del presente provvedimento:
Dispone:
1. Approvazione del modello per la richiesta di rimborso o per
l’utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale.
1.1. E’ approvato il modello IVA TR, con le relative istruzioni, da
utilizzare per la richiesta di rimborso o per l’utilizzo in
compensazione del credito IVA trimestrale, comprendente il prospetto
riepilogativo riservato all’ente o societa’ controllante per la
richiesta di rimborso o per l’utilizzo in compensazione del credito
IVA trimestrale del gruppo.
1.2. Il presente modello, contenente gli elementi richiesti dal
decreto del Ministro delle finanze 23 luglio 1975 e successive
modificazioni, e’ utilizzato, in luogo del modello approvato con
provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate 16 marzo 2006,
a decorrere dalle richieste di rimborso o di utilizzo in
compensazione del credito IVA relativo al primo trimestre dell’anno
d’imposta 2007, da presentare entro il termine previsto dall’art. 8
del decreto del Presidente della Repubblica 14 ottobre 1999, n. 542,
e successive modificazioni.
2. Reperibilita’ del modello e autorizzazione alla stampa.
2.1. Il modello di cui al punto 1 e’ reso disponibile gratuitamente
dall’Agenzia delle entrate in formato elettronico e puo’ essere
utilizzato prelevandolo dal sito Internet dell’Agenzia delle entrate
www.agenziaentrate.gov.it e dal sito del Ministero dell’economia e
delle finanze www.finanze.gov.it, nel rispetto, in fase di stampa,
delle caratteristiche tecniche di cui all’allegato A.
2.2. Il medesimo modello puo’ essere altresi’ prelevato da altri
siti Internet a condizione che lo stesso abbia le caratteristiche di
cui all’allegato A e rechi l’indirizzo del sito dal quale e’ stato
prelevato nonche’ gli estremi del presente provvedimento.
2.3. E’ autorizzata la stampa del modello di cui al punto 1 nel
rispetto delle caratteristiche tecniche di cui all’allegato A. A tale
fine il modello e’ reso disponibile nei siti di cui al punto 2.1 in
uno specifico formato elettronico riservato ai soggetti che
dispongono di sistemi tipografici, idonei a consentirne la
riproduzione.
3. Modalita’ per la presentazione telematica del modello.
3.1. I soggetti che intendono presentare il modello di cui al punto
1 per via telematica direttamente e gli intermediari abilitati di cui
all’art. 3, commi 2-bis e 3, del decreto del Presidente della
Repubblica 22 luglio 1998, n. 322 e successive modificazioni, devono
trasmettere i dati contenuti nel predetto modello secondo le
specifiche tecniche che saranno approvate con successivo
provvedimento.
3.2. E’ fatto comunque obbligo ai soggetti incaricati della
trasmissione telematica, di cui all’art. 3, commi 2-bis e 3, del
decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322 e
successive modificazioni, di rilasciare al contribuente la richiesta
di rimborso o di utilizzo in compensazione del credito IVA
trimestrale redatta su modelli conformi per struttura e sequenza a
quelli approvati con il presente provvedimento.
Motivazioni.
L’art. 38-bis del decreto del Presidente della Repubblica
26 ottobre 1972, n. 633, consente ai contribuenti IVA di chiedere, in
presenza delle condizioni previste dall’art. 30, terzo comma,
lettere a), b), e c), dello stesso decreto, in quest’ultima ipotesi
con alcune limitazioni rispetto al rimborso annuale, il rimborso
dell’eccedenza di imposta detraibile anche per periodi inferiori
all’anno.
In alternativa alla richiesta di rimborso, l’art. 8 del decreto del
Presidente della Repubblica 14 ottobre 1999, n. 542 e successive
modificazioni, prevede la possibilita’ di utilizzare il predetto
credito d’imposta in compensazione nel modello F24.
Inoltre, lo stesso art. 8 del decreto del Presidente della
Repubblica 14 ottobre 1999, n. 542, disciplina le modalita’ e i
termini di presentazione dell’istanza di rimborso e della
dichiarazione di compensazione, prevedendo che le stesse debbano
contenere gli elementi individuati dal decreto del Ministro delle
finanze 23 luglio 1975 e successive modificazioni.
Con lo scopo di razionalizzare e uniformare le modalita’ di
presentazione delle richieste di rimborso e delle dichiarazioni di
compensazione del credito IVA trimestrale e’ stato predisposto un
apposito modello, contenente gli elementi previsti dal citato decreto
del 1975, approvato con provvedimento del direttore dell’Agenzia
delle entrate 8 settembre 2004, successivamente modificato con
provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate 16 marzo 2006,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2006.
Al fine di offrire ai contribuenti una piu’ ampia possibilita’ di
accesso alla modalita’ telematica per la presentazione di
dichiarazioni, istanze e comunicazioni, e’ predisposta una nuova
versione del modello in argomento per consentire la presentazione
delle richieste di rimborso e di utilizzo in compensazione del
credito IVA trimestrale anche per via telematica, secondo le
modalita’ di cui al punto 3.
Conseguentemente, dovendo adeguare il modello approvato con
provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate 16 marzo 2006,
per tenere conto della nuova modalita’ di presentazione telematica,
il presente provvedimento approva il modello di cui al punto 1, da
utilizzare a decorrere dalle richieste di rimborso o di utilizzo in
compensazione del credito IVA relativo al primo trimestre dell’anno
d’imposta 2007.
Attribuzioni del direttore dell’Agenzia delle entrate.
Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 (art. 57; art. 62; art.
66; art. 67, comma 1; art. 68, comma 1; art. 71, comma 3, lettera a);
art. 73, comma 4).
Statuto dell’Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (art. 5, comma 1; art. 6,
comma 1).
Regolamento di amministrazione dell’Agenzia delle entrate,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2001 (art.
2, comma 1).
Decreto del Ministro delle finanze 28 dicembre 2000, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 9 del 12 febbraio 2001.
Disciplina normativa di riferimento.
Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e
successive modificazioni: istituzione e disciplina dell’imposta sul
valore aggiunto.
Decreto ministeriale 23 luglio 1975 e successive modificazioni:
modalita’ per l’esecuzione delle disposizioni dell’art. 38-bis,
comma quinto, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre
1972, n. 633.
Decreto ministeriale 13 dicembre 1979, e successive modificazioni:
norme in materia di imposta sul valore aggiunto relative ai
versamenti ed alle dichiarazioni delle societa’ controllanti e
controllate.
Decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con
modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, e successive
modificazioni: disciplina per un periodo transitorio delle operazioni
intracomunitarie agli effetti dell’imposta sul valore aggiunto.
Decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e successive
modificazioni: norme di semplificazione degli adempimenti dei
contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi e dell’imposta sul
valore aggiunto, nonche’ di modernizzazione del sistema di gestione
delle dichiarazioni, come modificato dal decreto legislativo
28 dicembre 1998, n. 490, recante la revisione della disciplina dei
Centri di assistenza fiscale.
Decreto legislativo 2 settembre 1997, n. 313, e successive
modificazioni: norme in materia di imposta sul valore aggiunto.
Decreto del Presidente della Repubblica 14 ottobre 1999, n. 542:
regolamento recante modificazioni alle disposizioni relative alla
presentazione della dichiarazione dei redditi, dell’IRAP e dell’IVA.
Decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435 e
successive modificazioni: regolamento recante modifiche al decreto
del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, nonche’
disposizioni per la semplificazione e razionalizzazione di
adempimenti tributari.
Decreto del Presidente della Repubblica del 16 aprile 2003, n. 126:
regolamento per la razionalizzazione e la semplificazione di
adempimenti tributari in materia di imposte sui redditi, di Iva, di
scritture contabili e di trasmissione telematica.
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196: codice in materia di
protezione dei dati personali.
Decreto 23 dicembre 2005: rideterminazione di alcune percentuali di
compensazione applicabili ai prodotti agricoli, da adottare ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del decreto-legge 14 maggio 2005, n. 35,
convertito con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80.
Il presente provvedimento sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 14 settembre 2006
Il direttore dell’Agenzia: Ferrara

Allegato A

—-> vedere ALLEGATO da pag. 14 a pag. 29 della G.U. in formato
zip/pdf

AGENZIA DELLE ENTRATE – PROVVEDIMENTO 14 settembre 2006

Chimici.info