AGENZIA DEL TERRITORIO - PROVVEDIMENTO 6 dicembre 2006 | Chimici.info

AGENZIA DEL TERRITORIO – PROVVEDIMENTO 6 dicembre 2006

AGENZIA DEL TERRITORIO - PROVVEDIMENTO 6 dicembre 2006 - Estensione delle procedure telematiche per gli adempimenti in materia di registrazione, trascrizione, iscrizione, annotazione e voltura ad ulteriori tipologie di atti e di soggetti. (GU n. 288 del 12-12-2006- Suppl. Ordinario n.232)

AGENZIA DEL TERRITORIO

PROVVEDIMENTO 6 dicembre 2006

Estensione delle procedure telematiche per gli adempimenti in materia
di registrazione, trascrizione, iscrizione, annotazione e voltura ad
ulteriori tipologie di atti e di soggetti.

IL DIRETTORE
dell’Agenzia delle entrate
e
IL DIRETTORE
dell’Agenzia del territorio
di concerto con
IL CAPO
del Dipartimento per gli affari di giustizia
del Ministero della giustizia

Visto il regio decreto 28 marzo 1929, n. 499, recante disposizioni
relative ai libri fondiari nei territori delle nuove province;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972,
n. 650, concernente il perfezionamento e la revisione del sistema
catastale;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972,
n. 642, concernente la disciplina dell’imposta di bollo;
Vista la legge 27 febbraio 1985, n. 52, recante modifiche al libro
sesto del codice civile e norme di servizio ipotecario, in
riferimento all’introduzione di un sistema di elaborazione automatica
nelle conservatorie dei registri immobiliari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n.
131, e successive modificazioni, che ha approvato il testo unico
delle disposizioni concernenti l’imposta di registro;
Visto il decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 347, che ha
approvato il testo unico delle disposizioni concernenti le imposte
ipotecaria e catastale;
Visto l’art. 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n. 59, il
quale prevede, tra l’altro, che gli atti, dati e documenti formati
dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti
informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme,
nonche’ la loro archiviazione e trasmissione con strumenti
informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge;
Visto l’art. 1 del decreto legislativo 18 gennaio 2000, n. 9, che
ha aggiunto, tra l’altro, gli articoli 3-bis, 3-ter e 3-sexies del
decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, riguardanti
l’utilizzazione di procedure telematiche per gli adempimenti in
materia di registrazione, di trascrizione, di iscrizione, di
annotazione e di voltura degli atti relativi a diritti sugli
immobili;
Vista la legge 27 luglio 2000, n. 212, concernente le disposizioni
in materia di statuto dei diritti del contribuente;
Visto il regolamento emanato con decreto del Presidente della
Repubblica 18 agosto 2000, n. 308, predisposto ai sensi dell’art.
3-sexies del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, che ha
apportato le modifiche, conseguenti all’introduzione delle procedure
telematiche, alla disciplina dell’imposta di bollo di cui al decreto
del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, al testo
unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro approvato
con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, e
al testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e
catastale approvato con decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 347;
Visto il decreto 13 dicembre 2000, emanato dal Direttore generale
del Dipartimento delle entrate e dal Direttore generale del
Dipartimento del territorio del Ministero delle finanze, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2000, n. 302, concernente
l’utilizzazione delle procedure telematiche per gli adempimenti in
materia di atti immobiliari e l’approvazione del modello unico
informatico e delle modalita’ tecniche necessarie per la trasmissione
dei dati;
Visto il decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 280, e successive
modificazioni, concernente le norme di attuazione dello statuto
speciale della regione Trentino-Alto Adige in materia di catasto
terreni ed urbano;
Visto il decreto 12 dicembre 2001, emanato dal Direttore
dell’Agenzia del territorio e dal Direttore dell’Agenzia delle
entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 22 dicembre 2001, n.
297, concernente l’attivazione della trasmissione per via telematica
del modello unico informatico per la registrazione, trascrizione e
voltura degli atti relativi a diritti sugli immobili;
Visto il decreto 1° agosto 2002, emanato dal Direttore dell’Agenzia
del territorio e dal Direttore dell’Agenzia delle entrate, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 9 agosto 2002, n. 186, concernente
l’estensione, in regime di obbligatorieta’, ad altri distretti
notarili del modello unico informatico, relativamente agli atti di
compravendita di immobili, e, in regime di facoltativita’, a tutti i
distretti notarili relativamente ad altre tipologie di atti;
Visto il decreto 18 aprile 2003, emanato dal Direttore dell’Agenzia
del territorio e dal Direttore dell’Agenzia delle entrate, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 23 aprile 2003, n. 94, riguardante
l’estensione, in regime di obbligatorieta’, del modello unico
informatico a tutti i distretti notarili, relativamente agli atti di
compravendita di immobili;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il
codice in materia di protezione dei dati personali;
Visto il decreto 9 giugno 2004, emanato dal Direttore dell’Agenzia
del territorio e dal Direttore dell’Agenzia delle entrate, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 11 giugno 2004, n. 135, riguardante
l’estensione del regime di obbligatorieta’ e del regime di
facoltativita’ del modello unico informatico ad ulteriori tipologie
di atti nonche’ l’attivazione, in regime di facoltativita’, del
modello unico informatico per gli atti relativi ad immobili ubicati
nei comuni di Trieste e Gorizia;
Visto l’art. 1, commi 496 e 497, della legge 23 dicembre 2005, n.
266, concernente le disposizioni per la formazione del bilancio
annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006);
Visto l’art. 1, comma 3, del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 2,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 marzo 2006, n. 81, il
quale prevede che, con provvedimento interdirigenziale dei Direttori
delle Agenzie delle entrate e del territorio, di concerto con il
Ministero della giustizia, sono stabiliti i termini e le modalita’
della progressiva estensione delle procedure telematiche di cui
all’art. 3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, a
tutti i soggetti, nonche’ a tutti gli atti, incluse la registrazione
di atti e denunce, la presentazione di dichiarazioni di successione,
le trascrizioni, iscrizioni e annotazioni nei registri immobiliari e
alle volture catastali, da qualunque titolo derivanti, ed inoltre le
modalita’ tecniche della trasmissione del titolo per via telematica,
relative sia alla prima fase di sperimentazione, che a quella di
regime;
Considerata la necessita’ di adottare il provvedimento di cui
all’art. 1, comma 3, del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 2,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 marzo 2006, n. 81, in
ordine alle modalita’ e ai termini della progressiva estensione del
servizio telematico;
Ritenuto opportuno rendere obbligatorio per i notai l’uso delle
procedure telematiche di cui all’art. 3-bis del decreto legislativo
18 dicembre 1997, n. 463, per le tipologie negoziali gia’ inserite
nel pregresso regime di facoltativita’ di cui agli articoli 1,
comma 2, e 3, comma 1, del decreto direttoriale 9 giugno 2004;
Ritenuto opportuno estendere, per i notai, le medesime procedure
telematiche agli atti diversi da quelli aventi ad oggetto immobili o
diritti sugli immobili;
Ritenuto opportuno estendere le procedure telematiche di cui
all’art. 3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463,
anche agli altri soggetti, diversi dai notai, di cui alla lettera b)
dell’art. 10 del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta
di registro approvato con decreto del Presidente della Repubblica
26 aprile 1986, n. 131;
Ravvisata la necessita’ di approvare le specifiche tecniche
relative all’estensione del servizio telematico disciplinata dal
presente provvedimento;
Sentite le Province autonome di Trento e di Bolzano;
Dispongono:
Art. 1.
Disposizioni generali
1. Le procedure telematiche di cui all’art. 3-bis del decreto
legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, sono estese a tutti i soggetti
di cui alla lettera b) dell’art. 10 del testo unico delle
disposizioni concernenti l’imposta di registro approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, nonche’ a
tutti gli atti redatti, ricevuti o autenticati dai medesimi soggetti,
con le modalita’ previste dal decreto del Presidente della Repubblica
18 agosto 2000, n. 308, e dal decreto direttoriale 13 dicembre 2000,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2000, n. 302, in
quanto compatibili, nonche’ secondo le disposizioni contenute nel
presente provvedimento.
2. Le procedure telematiche di cui al comma precedente sono
utilizzate anche per gli atti in relazione ai quali e’ previsto il
solo adempimento della registrazione.
3. Ove vige il sistema del libro fondiario di cui al regio decreto
28 marzo 1929, n. 499, le procedure telematiche di cui al comma 1
rilevano unicamente per gli adempimenti connessi alla registrazione e
alla voltura catastale.
4. Per gli atti relativi ad immobili ubicati in comuni nei quali le
funzioni amministrative statali in materia di catasto sono delegate
alle province autonome di Trento e di Bolzano, le procedure
telematiche di cui al comma 1 sono utilizzate per il solo adempimento
della registrazione. L’estensione delle procedure telematiche alla
voltura catastale e’ attuata con uno o piu’ provvedimenti del
Direttore dell’Agenzia del territorio, d’intesa con i medesimi enti
territoriali, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto
legislativo 18 maggio 2001, n. 280.
5. Gli atti in relazione ai quali gli adempimenti sono eseguiti con
le modalita’ telematiche di cui all’art. 3-bis del decreto
legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, sono soggetti all’imposta di
bollo nella misura fissata dal decreto del Ministro dell’economia e
delle finanze di cui all’art. 1, comma 4, del decreto-legge
10 gennaio 2006, n. 2.

Art. 2.
Utilizzo facoltativo delle procedure telematiche
1. Dal 1° gennaio 2007, fermo restando il regime obbligatorio gia’
previsto per gli atti di compravendita di immobili e per le altre
tipologie negoziali di cui al decreto direttoriale 9 giugno 2004,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 11 giugno 2004, n. 135, i notai
possono eseguire con le modalita’ telematiche di cui all’art. 1 gli
adempimenti relativi a tutti gli atti formati o autenticati dalla
medesima data.
2. Dal 1° gennaio 2008, gli ufficiali giudiziari, i segretari o
delegati della pubblica amministrazione e gli altri pubblici
ufficiali, di cui alla lettera b) dell’art. 10 del testo unico delle
disposizioni concernenti l’imposta di registro, possono utilizzare le
procedure telematiche di cui all’art. 1 per gli adempimenti di loro
competenza relativi agli atti da essi redatti, ricevuti o
autenticati.

Art. 3.
Utilizzo obbligatorio delle procedure telematiche
1. Dal 1° aprile 2007, i notai utilizzano le procedure telematiche
di cui all’art. 1 per gli adempimenti relativi a tutti gli atti
formati o autenticati dalla medesima data.

Art. 4.
Procedure e termini
1. Agli atti in relazione ai quali gli adempimenti sono eseguiti
con le modalita’ telematiche di cui all’art. 3-bis del decreto
legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, si applicano, in quanto
compatibili, le disposizioni di cui all’art. 3-ter dello stesso
decreto e al decreto del Presidente della Repubblica 18 agosto 2000,
n. 308.

Art. 5.
Atti comportanti iscrizione o per i quali non vi e’ obbligo di
trascrizione
1. Per gli atti che comportano iscrizione nei registri immobiliari
e per gli atti in relazione ai quali non vi e’ l’obbligo di
richiedere la trascrizione, la trasmissione telematica puo’ avere ad
oggetto:
a) la richiesta di registrazione e di iscrizione ovvero di
trascrizione, oltre all’eventuale voltura catastale collegata alla
trascrizione;
b) la richiesta di registrazione;
c) la richiesta di iscrizione ovvero di trascrizione, oltre
all’eventuale voltura catastale collegata alla trascrizione, qualora
la registrazione sia stata eseguita con procedura telematica, ovvero
l’atto non sia soggetto a registrazione.

Art. 6.
Atti comportanti annotazione nei registri immobiliari
1. Per gli atti che comportano annotazione nei registri
immobiliari, la trasmissione telematica puo’ avere ad oggetto:
a) la richiesta di registrazione e la domanda di annotazione,
oltre all’eventuale voltura catastale collegata all’annotazione;
b) la richiesta di registrazione;
c) la domanda di annotazione, oltre all’eventuale voltura
catastale collegata all’annotazione, qualora la registrazione sia
stata eseguita con procedura telematica, ovvero l’atto non sia
soggetto a registrazione.
2. Per gli atti di cui al comma 1, i tributi dovuti per
l’esecuzione delle formalita’ di annotazione vengono liquidati dal
competente ufficio che comunica il relativo importo all’utente.
L’annotazione e’ eseguita previo pagamento, anche per via telematica,
dei tributi liquidati.

Art. 7.
Trasmissione del titolo per via telematica
1. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del territorio, di
concerto con il Ministero della giustizia, e’ stabilita, per singoli
ambiti territoriali, la data dalla quale il titolo e’ presentato per
via telematica al conservatore dei registri immobiliari, agli effetti
di cui all’art. 2678 del codice civile. A partire da tale data le
formalita’ ipotecarie si intendono presentate secondo l’ordine di
ricezione telematica, con le modalita’ e i termini stabiliti con il
medesimo provvedimento.
2. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia del territorio, di
concerto con il Ministero della giustizia, e’ stabilita la data di
attivazione, a titolo sperimentale, del regime transitorio di
facoltativita’ della trasmissione del titolo per via telematica. Con
lo stesso provvedimento sono approvate le modalita’ di trasmissione,
le relative procedure e specifiche tecniche, anche in ordine al
rilascio al richiedente, per via telematica, del certificato di
eseguita formalita’.
3. Durante il regime transitorio di cui al comma precedente, agli
effetti di quanto previsto dall’art. 2678 del codice civile, le
formalita’ integralmente trasmesse per via telematica, nel loro
ordine di ricezione telematica, si intendono presentate:
a) nello stesso giorno di trasmissione, di seguito a tutte le
formalita’ fisicamente presentate allo sportello di accettazione, se
la trasmissione e’ stata effettuata fino al termine dell’orario di
apertura al pubblico;
b) nel giorno successivo, di seguito a tutte le formalita’
fisicamente presentate allo sportello di accettazione, se la
trasmissione e’ stata effettuata dopo il termine dell’orario di
apertura al pubblico.

Art. 8.
Specifiche tecniche
1. Dal 1° gennaio 2007, per la trasmissione telematica degli atti
di cui al presente provvedimento possono essere utilizzate le
specifiche tecniche riportate nell’allegato 1.
2. Dal 1° aprile 2007, per la trasmissione telematica degli atti
devono essere utilizzate le specifiche tecniche di cui al comma 1.

Art. 9.
Progressiva estensione delle procedure telematiche
1. L’ulteriore estensione delle procedure telematiche di cui
all’art. 3-bis del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, e’
attuata con successivi provvedimenti dei Direttori delle Agenzie
delle entrate e del territorio, di concerto tra loro e con il
Ministero della giustizia.

Art. 10.
Pubblicazione
1. Il presente provvedimento sara’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 6 dicembre 2006

Il Direttore
dell’Agenzia delle entrate
Romano

Il Direttore
dell’Agenzia del territorio
Picardi

Il Capo del Dipartimento per gli affari di giustizia
del Ministero della giustizia
Iannini

Allegato 1

—-> vedere allegato da pag. 9 a pag. 60 del S.O. in corso di
inserimento

AGENZIA DEL TERRITORIO – PROVVEDIMENTO 6 dicembre 2006

Chimici.info