Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 agosto 2005. Di...

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 agosto 2005. Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare i fenomeni di dissesto idrogeologico in atto nel territorio del comune di Lungro in provincia di Cosenza.

MINISTERO DELLA DIFESA

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 agosto 2005

Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare i
fenomeni di dissesto idrogeologico in atto nel territorio del comune
di Lungro in provincia di Cosenza. (Ordinanza n. 3460).

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5, commi 3 e 4, della legge 24 febbraio 1992, n. 225,
recante «Istituzione del servizio nazionale di protezione civile»;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e successive
modifiche ed integrazioni;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito con
modificazioni dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Considerato il territorio del comune di Lungro in provincia di
Cosenza e’ interessato da un gravissimo fenomeno di dissesto
idrogeologico che ha interessato numerosi edifici privati e pubblici,
alcuni dei quali oggetto di ordinanze di sgombero, causando disagi
per la popolazione;
Visti gli esiti dei sopralluoghi effettuati da tecnici del
Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio
dei Ministri all’esito dei quali e’ stato confermato il denunciato
contesto di criticita’;
Considerato altresi’ che i recenti eventi alluvionali hanno
peggiorato la predetta situazione di criticita’, e che eventuali
ulteriori precipitazioni piovose potrebbero determinare un
aggravamento del contesto critico in rassegna;
Ravvisata pertanto la necessita’ di adottare ogni iniziativa utile
finalizzata ad evitare ulteriori situazioni di pericolo o maggiori
danni a persone o a cose, ricorrendo nella fattispecie i presupposti
di cui all’art. 5, comma 3, della citata legge n. 225/1992;
Vista la nota n. 228/DG della regione Calabria – Dipartimento
lavori pubblici ed acque del 7 aprile 2005;
Acquisita l’intesa della regione Calabria con nota del 28 luglio
2005;
Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Dispone:
Art. 1.
1. La regione Calabria e il Dipartimento della protezione civile
della Presidenza del Consiglio dei Ministri provvedono in relazione
ai fenomeni di dissesto idrogeologico di cui in premessa, al
monitoraggio della situazione ed all’espletamento degli studi e delle
indagini necessari alla individuazione delle cause che hanno
determinato i predetti dissesti.
2. La regione Calabria provvede altresi’, di concerto con il
Dipartimento della protezione civile, sulla base degli studi e delle
indagini di cui al successivo art. 2, alla predisposizione di un
piano organico ed alla realizzazione degli interventi finalizzati
alla messa in sicurezza dei luoghi, alla riduzione del rischio per
persone e cose, utilizzando, ove ne ricorrano le condizioni, le
procedure di somma urgenza previste dall’ordinamento giuridico
vigente.
3. La regione Calabria provvede, inoltre, nei limiti delle risorse
finanziarie disponibili, all’erogazione di un contributo per il
ristoro dei danni subiti dai beni mobili ed immobili, debitamente
accertati, secondo criteri di rigorosa perequazione ed al netto degli
indennizzi a qualsiasi titolo spettanti.
4. La regione Calabria per l’espletamento delle attivita’ da porre
in essere ai sensi della presente ordinanza puo’ avvalersi del comune
di Lungro.

Art. 2.
1. Il Dipartimento della protezione civile della Presidenza del
Consiglio dei Ministri provvede a fornire il necessario supporto
tecnico-scientifico per l’espletamento delle iniziative da porre in
essere ai sensi dell’art. 1.
2. Il Dipartimento della protezione civile della Presidenza del
Consiglio dei Ministri provvede, avvalendosi anche dei Centri di
competenza di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei
Ministri del 27 febbraio 2004, individuati con decreto del Capo
Dipartimento della protezione civile n. 252 del 26 ottobre 2005, alla
realizzazione di un’analisi del rischio idrogeologico del territorio
del comune di Lungro e aree limitrofe, anche utilizzando dati
satellitari eventualmente integrati da quelli GPS (Global Positioning
System).
3. La regione Calabria provvede a realizzare, in raccordo con il
Dipartimento della protezione civile e anche in base agli esiti delle
attivita’ previste dal comma 2, un programma di indagini geologiche e
di monitoraggio strumentale finalizzato ad accertare le cause del
dissesto idrogeologico e a predisporre un sistema di sorveglianza
secondo quanto previsto dalla direttiva del Presidente del Consiglio
dei Ministri del 27 febbraio 2004.

Art. 3.
1. Agli oneri conseguenti all’espletamento delle iniziative di cui
alla presente ordinanza, si provvede nel limite di euro 500.000,00 a
carico del Fondo regionale di protezione civile della regione
Calabria.
2. Per la realizzazione degli interventi previsti dall’art. 2 il
Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio
dei Ministri concorre nel limite di euro 500.000,00 a valere sul
Fondo della protezione civile.
La presente ordinanza sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 16 agosto 2005
Il Presidente: Berlusconi

Chimici.info