Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

Prodotti chimici responsabili di alterazioni a livello endocrino
In...

Prodotti chimici responsabili di alterazioni a livello endocrino
Interrogazione Parlamentare

INTERROGAZIONE SCRITTA E-0666/98 di Anita Pollack (PSE) alla
Commissione
(10 marzo 1998)
(98/C 402/25) Oggetto: Prodotti chimici responsabili di alterazioni
a livello endocrino Non ritiene la Commissione che siano necessari
test di screening standardizzati per accertare il potenziale di
alterazione a livello endocrino dei prodotti chimici nuovi ed
esistenti e, in caso affermativo, quali sono gli interventi in atto
per conseguire questo obiettivo a livello europeo o
internazionale?Risposta data dalla sig.ra Bjerregaard a nome
della Commissione
(12 maggio 1998)
La questione della alterazione endocrina rientra nel generale contesto
della legislazione comunitaria esistente sulle sostanze chimiche. Al
momento la direttiva pertinente 67/548/CEE del 27 giugno 1967,
concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative,
regolamentari e amministrative relative alla classificazione,
all’imballaggio e all’etichettatura delle sostanze pericolose, come
modificata, non affronta in maniera esplicita l’identificazione
specifica di proprietà ed effetto endocrino delle sostanze chimiche.
Nell’ambito di numerose conferenze scientifiche, organizzate
dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico
(OCSE), dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti
(USEPA), dagli Stati membri e dalla Commissione è stata rilevata la
necessità di sviluppare una specifica strategia in materia di test al
fine di identificare gli effetti delle sostanze sospettate di
provocare alterazione endocrina nell’uomo e nell’ambiente. Nel quadro
di tale strategia è stata sottolineata la necessità di sviluppare una
batteria di test di verifica.
La Commissione, oltre a finanziare numerosi progetti di ricerca sulla
disgregazione endocrina, sta lavorando assieme ad altri paesi, a
livello OCSE, per definire una strategia comune nonché gli obiettivi e
le priorità relative allo sviluppo di metodi di accertamento. La prima
riunione ha avuto come esito importante il consenso generale nei
confronti del quadro concettuale per l’individuazione degli effetti
delle potenziali sostanze che alterano le funzioni endocrine. Il
quadro comprende un livello di test di verifica per classificare le
sostanze prioritarie e per descriverne il meccanismo d’azione. Tale
approccio richiede lo sviluppo e la convalida di specifici test di
verifica in vivo ed in vitro come pure il miglioramento dei metodi di
accertamento esistenti e la loro convalida. Ulteriore lavoro svolto in
questo senso permetterà di selezionare i metodi di accertamento
adeguati e di iniziare la procedura per la loro convalida.

Chimici.info