Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

Direttiva Seveso
Interrogazione Parlamentare...

Direttiva Seveso
Interrogazione Parlamentare

(98/C 304/05)INTERROGAZIONE SCRITTA E-391/97di Hiltrud Breyer
(V) alla Commissione(11 dicembre 1997)Oggetto: Direttiva SevesoPer i
requisisti di protezione ambientale e sicurezza delle imprese sono
d’importanza fondamentale le direttive:- sulla valutazione
dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati del
27 giugno 1985 (85/337/CEE)- sulla prevenzione e la riduzione
integrate dell’inquinamento del 24 settembre 1996 (96/61/CE)- sul
controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate
sostanze pericolose del 9 dicembre 1996 (96/82/CE)Il recepimento delle
due ultime direttive da parte degli Stati membri deve avvenire al
più tardi nel 1999.Nell’ambito dei dibattiti ad esso relativi
sono state illustrate alcune posizioni che inducono a porre alla
Commissione le seguenti domande.A norma dell’articolo 12, paragrafo 2
della direttiva 96/61/CE gli Stati membri provvedono affinché
"nessuna modifica sostanziale riguardante la gestione
dell’impianto….sia effettuata senza autorizzazione".
Nell’ambito della procedura per la concessione dell’autorizzazione
vanno applicati gli articoli 3 e 6-10 della direttiva.La normativa va
recepita dagli Stati membri in modo che, ai sensi dell’articolo 3,
lettera e) della direttiva 96/61/CE anche il rapporto di sicurezza
modificato ai sensi dell’articolo 10 della direttiva 96/82/CE, qualora
si riferisca all’impianto ai sensi della direttiva 96/61/CE, debba
venir presentato alle autorità competenti prima della
concessione di un’autorizzazione?Risposta data dalla sig.ra
Bjerregaard in nome della Commissione(29 gennaio 1998)L’articolo 12,
paragrafo 2 della direttiva IPPC vieta che una modifica sostanziale
riguardante l’adozione dell’impianto, progettata dal gestore, sia
effettuata senza un’autorizzazione rilasciata conformemente alla
direttiva medesima.Per gli impianti cui sono applicabili tanto le
disposizioni della direttiva IPPC che quelle della direttiva Seveso II
(direttiva 96/82/CE del Consiglio, del 9.12.1996, sul controllo dei
pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze
pericolose), l’articolo 10 della direttiva Seveso II precisa in quali
casi debba intervenire il gestore, cioè in caso di modifica di
un impianto, di uno stabilimento, di un processo o della natura e del
quantitativo di sostanze pericolose, che potrebbero avere gravi
conseguenze quanto al pericolo di incidenti rilevanti ed indica i
concreti doveri del gestore, cioè riesame/modifica della
politica di prevenzione degli incidenti rilevanti trasmissione
all’autorità competente di tutte le informazioni utili prima di
procedere alle modifiche.L’autorizzazione a norma della direttiva IPPC
per cambiamenti rilevanti a impianti soggetti anche alla direttiva
Seveso II, non può, di conseguenza esser rilasciata se non sono
soddisfatti gli obblighi imposti da tale direttiva.

Chimici.info