Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° ottobre...

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° ottobre 1996, n. 512, recante disposizioni urgenti concernenti l'incremento e il ripianamento di organico dei ruoli del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e misure di razionalizzazione per l'impiego del personale nei servizi d'istituto
Legge

Nota:
Il testo della legge di conversione è stato coordinato con il
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1 ottobre
1996, n. 512.
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la seguente legge: Art. 11. Il
decreto-legge 1 ottobre 1996, n. 512, recante disposizioni urgenti
concernenti l’incremento e il ripianamento di organico dei ruoli del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco e misure di razionalizzazione per
l’impiego del personale nei servizi d’istituto, è convertito in legge
con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. Restano validi gli atti ed i provvedimenti adottati e sono fatti
salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti giuridici sorti sulla base
dei decreti-legge 6 febbraio 1996, n. 47, 2 aprile 1996, n. 185, 3
giugno 1996, n. 305, e 2 agosto 1996, n. 406.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. È
fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare
come legge dello Stato.
LAVORI PREPARATORI Senato della Repubblica
(atto n. 1400):
Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (PRODI) e dal
Ministro dell’interno (NAPOLITANO) il 2 ottobre 1996.
Assegnato alla 1a commissione (Affari costituzionali), in sede
referente, il 2 ottobre 1996, con pareri delle commissioni 5a, 11a e
12a.
Esaminato dalla 1a commissione (Affari costituzionali), in sede
consultiva, sull’esistenza dei presupposti di costituzionalità, il 3
ottobre 1996.
Esaminato dalla 1a commissione l’8 e 22 ottobre 1996.
Esaminato in aula e approvato il 30 ottobre 1996. Camera dei deputati
(atto n. 2599):
Assegnato alla I commissione (Affari costituzionali), in sede
referente, il 3 ottobre 1996, con pareri delle commissioni IV, V, VII,
XI e XII.
Esaminato in aula, sull’esistenza dei presupposti di costituzionalità,
il 28 novembre 1996.
Esaminato dalla I commissione il 26 ottobre 1996.
Esaminato in aula e approvato il 28 novembre 1996. AVVERTENZA:Il decreto-legge 1 ottobre 1996, n.
512, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale
– n. 231 del 2 ottobre 1996.
A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400
(Disciplina dell’attività di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri), le modifiche apportate dalla presente
legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello
della sua pubblicazione.
Il testo del decreto-legge coordinato con la legge di conversione è
pubblicato in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 40. Detto
testo sarà ripubblicato, corredato delle relative note, nella Gazzetta
Ufficiale del giorno 23 dicembre 1996. ALLEGATO
MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE
AL DECRETO-LEGGE 1 OTTOBRE 1996, N. 512. Dopo l’articolo 1,
sono inseriti i seguenti:
“Art. 1-bis (Personale dell’area del supporto amministrativo-contabile
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco). – 1. Per le esigenze
connesse alle attività di supporto amministrativo-contabile del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco, il Ministro dell’interno è autorizzato
a provvedere, con proprio decreto, all’inquadramento, a copertura
delle vacanze di organico esistenti e, ove occorra, in soprannumero
riassorbibile con le future vacanze, nei profili professionali
dell’area del supporto amministrativo-contabile del personale di cui
all’articolo 10, comma 4, della legge 28 ottobre 1986, n. 730, e
successive modificazioni, in servizio alla data di entrata in vigore
del presente decreto nonché nel limite massimo di dieci unità, del
personale delle amministrazioni dello Stato anche ad ordinamento
autonomo che, nel quinquennio antecedente la data di entrata in vigore
del presente decreto, abbia prestato servizio presso uffici dipendenti
dal Ministero dell’interno in posizione di comando per un periodo
continuativo non inferiore ad un anno.
2. Ai fini indicati nel comma 1, il personale interessato è tenuto a
presentare apposita domanda nel termine di sessanta giorni dalla data
di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto
e, qualora il numero delle istanze presentate dal personale comandato
superi il limite dei posti indicati nel medesimo comma, il relativo
inquadramento è disposto secondo il criterio della maggiore anzianità
di servizio posseduta alla data di entrata in vigore del presente
decreto.
3. All’onere derivante dall’applicazione dei commi 1 e 2, valutato in
lire 175 milioni per l’anno 1996 ed in lire 530 milioni per ciascuno
degli anni 1997 e 1998 e a regime, si provvede mediante riduzione
dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1996-1998,
al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro,
parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo alla Presidenza del
Consiglio dei Ministri, con riferimento alla finalizzazione:
“Contributo statale alle associazioni nazionali di promozione
sociale”.
Art. 1-ter (Interpretazione autentica). – 1. Le indennità di rischio
corrisposte agli appartenenti ai Corpi dei vigili del fuoco delle
province autonome di Trento e di Bolzano, sulle quali siano o siano
stati corrisposti i relativi contributi previdenziali, non sono
ricomprese tra quelle escluse dalla retribuzione annua contributiva di
cui al disposto dell’articolo 16, terzo comma, della legge 5 dicembre
1959, n. 1077, a partire dalla data di applicazione alle prestazioni
previdenziali del Corpo nazionale dei vigili del fuoco del decreto del
Presidente della Repubblica 18 maggio 1987, n. 269″.

Chimici.info