Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

Modificazioni alla legge 5 marzo 1963, n. 191, recante provvedimenti p...

Modificazioni alla legge 5 marzo 1963, n. 191, recante provvedimenti per la vaccinazione antitetanica obbligatoria
Legge

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICAPromulga la seguente
legge:Art. 1Alle disposizioni della legge 5 marzo 1963, n. 292, sono
apportate le seguenti modificazioni ed aggiunte:"E’ resa
obbligatoria la vaccinazione antitetanica:a) per le seguenti categorie
di lavoratori dei due sessi più esposti ai rischi
dell’infezione tetanica: lavoratori agricoli, pastori, allevatori di
bestiame, stallieri, fantini, conciatori, sorveglianti e addetti ai
lavori di sistemazione e preparazione delle piste negli ippodromi,
spazzini, cantonieri, stradini, sterratori, minatori, fornaciai,
operai e manovali addetti alla edilizia, operai e manovali delle
ferrovie, asfaltisti, straccivendoli, operai addetti alla
manipolazione delle immondizie, operai addetti alla fabbricazione
della carta e dei cartoni, lavoratori del legno, metallurgici e
metalmeccanici. Per tali lavoratori la vaccinazione è resa
obbligatoria a partire dalle nuove leve di lavoro;b) per gli sportivi
all’atto della affiliazione alle federazioni del CONI;c) per tutti i
bambini nel secondo anno di vita.Il Ministro per la sanità
è autorizzato ad estendere, con proprio decreto, l’obbligo
della vaccinazione antitetanica ad altre categorie di lavoratori,
sentito il Consiglio superiore di sanità".Dopo l’articolo
1 è aggiunto il seguente articolo 1-bis:"Nei bambini di
regola la vaccinazione antitetanica deve essere associata alla
vaccinazione antidifterica a mezzo di vaccino misto
antitetanico-antidifterico".All’articolo 2 sono soppresse le
seguenti parole: "ai bambini della prima infanzia in
contemporaneità alla vaccinazione antidifterica
e".L’articolo 3 è sostituito dal seguente :"Nei
soggetti appartenenti alle categorie di cui alle lettere a) e b)
dell’articolo 1 della presente legge la vaccinazione o rivaccinazione
antitetanica è eseguita a cura ed a spese degli enti tenuti per
legge alle prestazioni sanitarie.Per la vaccinazione e rivaccinazione
dei soggetti di cui alla lettera b) dell’articolo 1 si provvede ai
sensi dell’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 7
settembre 1965, n. 1301.Nei bambini di cui alla lettera c)
dell’articolo 1 della presente legge la vaccinazione mista
antitetanica-antidifterica è eseguita gratuitamente. Alla
esecuzione delle vaccinazioni e rivaccinazioni dei bambini provvedono
i comuni con i servizi già esistenti per le altre vaccinazioni.
La fornitura di vaccino ai comuni è regolata dalle disposizioni
dell’articolo 2 della legge 6 giugno 1939, n. 891".Dopo
l’articolo 3 è aggiunto il seguente articolo 3-bis:"Tra i
documenti prescritti per l’ammissione alle scuole primarie e
secondarie sono compresi i certificati di aver subito la vaccinazione
mista antitetanica-antidifterica e, quando del caso, le inoculazioni
di richiamo.Analoghi certificati sono prescritti per l’ammissione alle
altre collettività infantili e giovanili di qualsiasi
specie".Art. 2Il Ministro per la sanità è
autorizzato ad inserire, entro dodici mesi dalla data di entrata in
vigore della presente legge, nel regolamento di cui all’articolo 4
della legge 5 marzo 1963, n. 292, le norme relative alla
qualità del vaccino misto antitetanico-antidifterico ed alle
modalità di esecuzione della vaccinazione e rivaccinazione.Art.
3La persona che esercita la patria potestà o la tutela sul
bambino o il direttore dell’istituto di pubblica assistenza in cui
è ricoverato o la persona cui il bambino è stato
affidato da un istituto di pubblica assistenza è responsabile
dell’osservanza della presente legge.Il contravventore è punito
con l’ammenda da lire 20.000 a lire 100.000.

Chimici.info