Chimici.info - Chimici.info | Chimici.info

Prevenzione infortuni. Impiego prodotti pericolosi (CME e BCME)
Cir...

Prevenzione infortuni. Impiego prodotti pericolosi (CME e BCME)
Circolare Ministeriale

Per opportuna informazione di codesti Ispettorati e ai fini
della prescrizione, nello svolgimento dell’attività
istituzionale di vigilanza, delle necessarie misure preventive e
protettive nei confronti delle aziende industriali che impiegano nei
propri procedimenti lavorativi prodotti particolarmente nocivi si
comunicano le seguenti notizie in ordine ad un prodotto largamente
usato nell’industria chimica, prodotto del quale è stato
evidenziato l’alto grado di pericolosità.Trattasi, in
particolare, del clorometiletere (CME) e del clorometilmetiletere
(CMME), con il bisclorometiletere (BCME) – quest’ultimo sempre
presente quale impurità nei primi due – sostanze, com’è
noto, usate nei laboratori, come intermedi nelle sintesi organiche, e
nell’industria, nel trattamento dei tessili, nella fabbricazione dei
polimeri, come solventi per le reazioni di polimerizzazione e nella
preparazione delle resine scambiatrici di ioni.Attesa la
pericolosità di tali sostanze, consistente nel loro elevato
effetto cancerogeno sulle vie respiratorie, particolarmente sui
polmoni, segnalata anche da taluni Ispettorati del lavoro, la
scrivente Amministrazione, sensibilizzata sulla estrema importanza
della questione, in considerazione delle conseguenze altamente nocive
per la salute e l’integrità fisica dei lavoratori, ha ritenuto
opportuno interessare alla stessa, per le ulteriori valutazioni del
caso e ai fini della conseguente azione di prevenzione specifica da
intraprendere, l’Ispettorato Medico Centrale del Lavoro, in vista
della sua particolare competenza in materia.La relazione e il parere
dell’Organo tecnico sopracitato hanno confermato – anche sulla base di
circostanziati riferimenti bibliografici – la pericolosità dei
prodotti in questione e hanno segnalato la necessità che idonee
misure di sicurezza vengano adottate da parte delle aziende utenti di
tali prodotti.La valutazione circa le misure più idonee da
prescrivere al fine d’interesse viene, ovviamente, rimessa alla
competenza e discrezionalità di codesti Uffici, ai quali la
legge riconosce ampie facoltà di visitare i luoghi di lavoro,
di sottoporre il personale ivi occupato alle opportune visite mediche
e a tutti gli altri esami integrativi ritenuti opportuni, di prelevare
campioni dei materiali ritenuti nocivi, nonché infine, di
assumere ogni altra informazione che possa rivelarsi utile in ordine
ai processi lavorativi in atto; in tale sfera, codesti Ispettorati
medesimi potranno, ove necessario, avvalersi della collaborazione
dell’ufficiale sanitario, dei sanitari dipendenti da enti pubblici e
dei medici di fabbrica.Tanto premesso, si ritiene opportuno, per
completezza di informazione di codesti Uffici, ai fini della certezza
e univocità del comportamento da assumere in sede ispettiva,
riportare di seguito, testualmente, la parte conclusiva del parere del
menzionato Ispettorato Medico, ai cui suggerimenti codesti Ispettorati
del lavoro vorranno attenersi nell’esercizio dell’azione di vigilanza
intesa alla migliore realizzazione dell’obbiettivo della sicurezza e
igiene del lavoro;1. Il CME e il CMME sono molto usati
nell’industria;2. Il BCME è sempre presente quale
impurità nel CME e nel CMME,3. Il BCME si forma in modo
reversibile negli ambienti di lavoro con la presenza nell’aria di
formaldeide e acido cloridrico allo stato gassoso, ma solo a
percentuali elevate di queste sostanze;4. Il BCME è una
sostanza altamente cancerogena per le vie respiratorie ed il valore
limite fissato negli USA, di 1 p.p.b. è tuttora discusso.Ne
consegue che si deve escludere l’inalazione di sostanze contenenti il
BCME dagli ambienti di lavoro. Le lavorazioni devono avvenire a ciclo
chiuso e l’area ove viene utilizzato il CME o il CMME deve essere
chiusa da pareti e sottoposta a depressione continua, in modo da
assicurare un ricambio d’aria efficace ad impedire la diffusione di
vapori negli altri reparti di lavoro. Ai lavoratori che per qualsiasi
motivo debbono entrare nell’area così delimitata, deve essere
fatto obbligo di far uso di adeguati mezzi personali di protezione. Le
operazioni lavorative devono venire modificate in modo da ridurre al
minimo le occasioni per entrare nell’area recintata. Si debbono,
inoltre, installare rilevatori continui di BCME. Oppure prelevare
periodicamente campioni di aria ed analizzarli per il contenuto un
BCME. Il personale addetto dovrebbe essere sottoposto a visita medica
specialistica, corredata eventualmente da esame citologico
dell’Ispettorato, con frequenza semestrale, in analogia a quanto
previsto dalla voce 47, dell’art. 33 del D.P.R. 303 del 19-3-1956 per
altre sostanze cancerogene.

Chimici.info