Un “supervaccino” creato con nanoparticelle polimeriche | Chimici.info

Un “supervaccino” creato con nanoparticelle polimeriche

wpid-8189_vacc.jpg
image_pdf

Sembra capace di indurre immunità a lungo termine e di essere potenzialmente efficace contro molti virus e batteri. È il prototipo del vaccino perfetto messo a punto dal team di ricercatori dell’Emory Vaccine Center di Atlanta, in Georgia.

Gli scienziati, guidati da Sudhir Pai Kasturi, hanno impiegato nanoparticelle polimeriche per copiare la parte attiva dell’antidoto contro la febbre gialla – il migliore mai creato finora – e hanno creato una molecola che dà un’immunità di lunga durata rafforzando le difese contro molti virus e batteri.

Il vaccino della febbre gialla, creato dal premio Nobel per la Medicina Max Theiler, per lungo tempo ha nascosto il segreto del suo successo. Solo di recente si è compreso che è così potente perché in grado di risvegliare l’immunità innata dell’organismo attraverso l’attivazione di una famiglia importantissima di recettori, i toll-like (TLR). Gli esperti Usa hanno dunque utilizzato nanoparticelle polimeriche per ricreare la stessa capacità del vaccino della febbre gialla di accendere diversi recettori TLR contemporaneamente.

Poi hanno Somministrando il supervaccino a dei topolini, hanno poi dimostrato che questo conferisce loro un’immunità potente che dura vita natural durante, moltiplicando la produzione di anticorpi specifici contro vari virus e batteri, dall’influenza all’antrace.

Come spiega la rivista Nature, questa scoperta potrebbe rappresentare una piattaforma universale per sviluppare nuovi vaccini. Le particelle potrebbero fornire un metodo affidabile per dare una risposta sanitaria in casi in cui l’accesso al materiale virale sia limitato, per esempio durante una pandemia d’influenza. Inoltre, potrebbe dare una risposta efficace nella cura di molte altre patologie come nel caso di Hiv, malaria, tubercolosi e dengue, per le quali mancano vaccini efficaci.

di O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Un “supervaccino” creato con nanoparticelle polimeriche Chimici.info