Sempre meno studenti scelgono chimica | Chimici.info

Sempre meno studenti scelgono chimica

wpid-5901_chemistry.jpg
image_pdf

L’università italiana è da tempo afflitta dalla diminuita vocazione per le cosiddette scienze “dure” e in particolar modo per la chimica. Negli ultimi dieci anni si è assistito ad un calo drastico delle immatricolazioni per i corsi di laurea in chimica segnando picchi del -40%.

Un fenomeno preoccupante per la società che dovrà garantire negli anni a venire un numero sufficiente di personale qualificato in una scienza che ogni anno fa passi da gigante. Negli ultimi tempi sembra comunque che ci siano dei brevi spiragli di ripresa.

Le statistiche mostrano un recupero delle immatricolazioni nell’area chimico-farmaceutica rispetto a tre anni fa. Si tratta probabilmente di un fenomeno dovuto però in gran parte all’aumento fisiologico del numero degli studenti in tutte le Facoltà.

Perché la chimica non piace più?

Tutto nasce dal timore dei giovani di non trovare lavoro nel settore. Ma non è tutto qui. Il disamore mostrato dagli studenti nasce anche dalla scarsa formazione in chimica dei ragazzi che vogliono intraprendere il percorso universitario.

Molto spesso gli insegnanti dei licei, deputati all’insegnamento della materia, non sono laureati in chimica e, per quanto siano preparati, non trasmettono passione per questa disciplina. Molti studenti non prendono neppure in considerazione l’idea di abbracciarla. E non hanno idea delle opportunità che può offrire. Per loro la chimica è una parola associata a incidenti industriali, inquinamento e pericoli per la salute.

di G.G.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sempre meno studenti scelgono chimica Chimici.info