I sindacati dei chimici contro il Milleproroghe | Chimici.info

I sindacati dei chimici contro il Milleproroghe

wpid-2103_cv.jpg
image_pdf

Un colpo di mano sulla chimica verde: “la norma che ne favorisce lo sviluppo e che mette al bando 40mila tonnellate di prodotti contraffatti è stata stralciata dai contenuti del decreto-legge 29 dicembre 2011, n.216 (il cosiddetto “Milleproroghe”). Il governo Monti deve provvedere subito al reinserimento di quella norma”. Lo chiedono a gran voce i segretari generali delle federazioni sindacali dei chimici Filctem Cgil, Femca Cisl, Uilcem Uil, Alberto Morselli, Sergio Gigli, Augusto Pascucci, stigmatizzando il comportamento del Governo che pure aveva preso l’impegno solenne per lo sviluppo della chimica verde in termini di investimento e creazione di nuovi posti di lavoro, “senza parlare del fatto – ricordano i leader sindacali – che questo orientamento è indicato dalle direttive comunitarie e l’Italia rischia nuove pesanti multe”. Secondo i segretari “è importante che quella misura venga reintrodotta perché consente lo sviluppo e il consolidamento dei progetti industriali che hanno scommesso sull’innovazione; e ciò risulterebbe positivo anche per le prospettive dell’intero sviluppo industriale, ed in particolare della chimica italiana che ha nei poli chimici di Terni e nel progetto di Porto Torres punti di eccellenza”.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
I sindacati dei chimici contro il Milleproroghe Chimici.info